Home > News > Caro pedaggi A24-A25, Marco Orsola: “Colpo mortale alla residenzialità dei piccoli comuni"

Caro pedaggi A24-A25, Marco Orsola: “Colpo mortale alla residenzialità dei piccoli comuni"

scritto da: Daiotto | segnala un abuso

Caro pedaggi A24-A25, Marco Orsola: “Colpo mortale alla residenzialità dei piccoli comuni


Parla il responsabile dell’Italia dei Diritti per la Valle dell’Aniene e sindaco di Saracinesco. Si avvicina la scadenza, fissata per il 30 Novembre prossimo, dell’ultima proroga sul blocco dell’aumento dei pedaggi per le autostrade A24 e A25 che collegano Lazio e Abruzzo.

 

Roma - Si avvicina la scadenza, fissata per il 30 Novembre prossimo, dell’ultima proroga sul blocco dell’aumento dei pedaggi per le autostrade A24 e A25 che collegano Lazio e Abruzzo. Dopo l’ultimo rinvio del giugno scorso, i sindaci dei comuni interessati stanno trattando con i vertici di Strada dei Parchi - società abruzzese che gestisce i due tratti autostradali - per cercare una soluzione e scongiurare gli aumenti tariffari. “Innanzitutto  bisogna dar merito alla determinazione dei colleghi sindaci dei comuni interessati che portano avanti questa battaglia ormai da anni” afferma Orsola . “Il nostro è un grido di dolore contro quelle misure che incentivano lo spopolamento dei piccoli centri e che cozzano irrimediabilmente con quelli che sono gli obiettivi contenuti nella legge 158/2017 sulla valorizzazione dei comuni più piccoli. L’aumento del pedaggio autostradale - continua - non solo allontana i giovani e tutti quelli che hanno intenzione di restare, ma grava anche su chi già vive nel territorio ed è costretto a spostarsi quotidianamente per lavoro o impegni personali”. Sono più di 450.000, infatti,  i viaggiatori che ogni giorno percorrono il tratto in questione. L’Italia dei Diritti ha sempre avallato la battaglia contro il caro pedaggi delle autostrade A24-A25 che coinvolge buona parte della popolazione della zona. Lo scorso giugno, infatti, Antonello De Pierro - presidente del movimento- aveva minacciato incatenamenti ai caselli e altre clamorose  iniziative.  L’aumento sconsiderato della tariffa autostradale incide pesantemente sulle tasche degli abitanti della Valle dell’Aniene e di tutte le comunità coinvolte fino alle coste abruzzesi.

 

antonello de pierro | Italia dei Diritti | a24 | a 25 | Roma | Teramo | autostrada | toninelli | paola de micheli | valle dell aniene | comunità montana | pedaggio | caro pedaggi | tivoli | castel madama carsoli | vicovaro mandela | sambuci |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Autostrada Roma-Pescara: pedaggio su del 187% in 13 anni. Si: “Vergognoso”. Gruppo Toto: “Polemiche stucchevoli”


Cinema, Letteratura e Diritto - Quinta Edizione


Carlo Spinelli candidato sindaco a Cervara di Roma presenta la lista Italia dei Diritti


Carlo Spinelli IDD: A24 una speculazione sulle spalle dei lavoratori


La Fondazione Premio Napoli, ospita l’ultimo incontro ravvicinato d’autore del progetto «Il mondo salvato dai ragazzini»


Carlo Spinelli IDD invita a non disertare le urne e dare forza al movimento Italia dei Diritti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

De Pierro su condanna Armando Spada, a Federica Angeli è andata meglio che a me

De Pierro su condanna Armando Spada, a Federica Angeli è andata meglio che a me
Il presidente dell'Italia dei Diritti, poliziotto e giornalista, interviene sulla sentenza che punisce con un anno di reclusione il boss di Ostia e racconta l'aggressione ai suoi danni e la clamorosa censura disciplinare della Polizia di Stato, lamentando l'indifferenza della giornalista di Repubblica e neo delegata alle periferie di Roma Capitale nei suoi confronti Roma - A più di sette anni dall'evento che, secondo l'accusa, avrebbe visto il noto boss di Ostia Armando Spada minacciare di morte la giornalista di Repubblica Federica Angeli, è arrivata, in primo grado la condanna a un anno di reclusione. La Angeli si recò nello stabilimento gestito da Spada per  realizzare un'intervista e le minacce in esame sarebbero state rivolte al suo indirizzo per in (continua)

Lettera aperta di Antonello De Pierro,il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e punito paradossalmente dalla Polizia

Lettera aperta di Antonello De Pierro,il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e punito paradossalmente dalla Polizia
AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICAALLA PRESIDENTE DEL SENATOAL PRESIDENTE DELLACAMERA DEI DEPUTATIAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRIAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIAAL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONEPARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENODELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONICRIMINALI, ANCHE STRANIEREAL PROCURATORE NAZIONALE ANTIMAFIAAL PROCURATORE DISTRETTUALE ANTIMAFIA ROMAAL PROCURATORE DELLA  (continua)

Antonello De Pierro, parla il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e sanzionato incredibilmente dalla Polizia

Antonello De Pierro, parla il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e sanzionato incredibilmente dalla Polizia
Il presidente dell'Italia dei Diritti ha deciso di rompere il silenzio sull'assurda vicenda, che vide il suo dirigente credere alla versione del clan. Era stata chiesta la destituzione poi derubricata in deplorazione, con carriera bloccata. Presto sarà un baby pensionato a spese dei cittadini, che sono costretti a lavorare fino a 67 anni Roma - E' nota a molti la vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la sua famiglia, in particolare sua madre Lucia Salvati, dirigente statale in pensione, i quali, dopo aver presentato un esposto per abusi edilizi sono stati risucchiati in un vortice kafkiano fatto di intimidazioni, coperture istituzionali, aggressioni mafiose.Il giornalis (continua)

De Pierro, a Percile ha vinto l'Italia dei Diritti

De Pierro, a Percile ha vinto l'Italia dei Diritti
Il presidente del movimento commenta il 30% ottenuto alle ultime elezioni nel comune della Valle Ustica e spiega perché considera questo risultato un successo Roma - Ad alcuni giorni dallo spoglio delle elezioni amministrative 2020, che hanno visto il movimento Italia dei Diritti partecipare con una lista in più comuni, il presidente Antonello De Pierro, il giornalista ex direttore e voce storica di Radio Roma che lo fondò alcuni anni or sono, si avventura in una disamina del voto. E lo fa con riferimento a Percile, incantevole borgo della Città Metropo (continua)

Carlo Spinelli nuovo responsabile per la Politica Interna dell'Italia dei Diritti

Carlo Spinelli nuovo responsabile per la Politica Interna dell'Italia dei Diritti
Il segretario provinciale romano, membro del direttivo nazionale, è stato nominato dal fondatore e presidente del movimento Antonello De Pierro e succede a Oscar Tortosa, il quale da alcuni mesi ha assunto la carica di vice presidente Roma - Il movimento Italia dei Diritti, fondato e presieduto dal giornalista Antonello De Pierro, ha un nuovo responsabile del Dipartimento Politica Interna.Si tratta di Carlo Spinelli, membro del direttivo nazionale e segretario provinciale romano, che succede a Oscar Tortosa, approdato da qualche tempo alla carica di vice presidente. La nomina è giunta direttamente dal presidente De Pierro dopo (continua)