Home > Turismo e Vacanze > Buon Ricordo: 9 new entry, 3 nuove specialità. Pubblicata la Guida 2020

Buon Ricordo: 9 new entry, 3 nuove specialità. Pubblicata la Guida 2020

articolo pubblicato da: studioagora | segnala un abuso

Buon Ricordo: 9 new entry, 3 nuove specialità. Pubblicata la Guida 2020

 Unione Ristoranti Buon Ricordo, 9 new entry, 3 nuove specialità, importanti partner. Pubblicata la Guida 2020, scaricabile anche dal sito.


Nove nuovi ristoranti sono entrati nell’Unione Ristoranti del Buon Ricordo, la prima associazione di ristoratori nata in Italia. Sono quindi 103 i locali (di cui 10 all’estero fra Europa e Giappone) che fanno parte del sodalizio, fondato nel 1964 per salvaguardare e valorizzare le tante tradizioni e culture gastronomiche italiane, che allora correvano il rischio di perdersi sotto la spinta dell’omologazione del gusto e la moda della cosiddetta cucina internazionale, mentre la cucina tipica delle regioni era, come scrisse Vincenzo Bonassi, “sconosciuta o negletta”. A una felice e puntuale idea di Dino Villani, uomo di cultura e maestro di comunicazione (a cui si devono, fra l’altro, il primo concorso di Miss Italia, il Premio Suzzara ideato con Zavattini, l’idea di far diventare il 14 febbraio la Festa degli Innamorati), si associò un gruppo di ristoranti di qualità con l’obiettivo di ridare notorietà e prestigio alle tante espressioni locali della tradizione gastronomica italiana, a quell’epoca poco valorizzata. A caratterizzare ciascun ristorante, e a creare fra loro un trait d’union, è oggi come un tempo il piatto-simbolo dipinto a mano dagli artigiani della Ceramica Artistica Solimene di Vietri sul Mare su cui è effigiata la specialità del locale, che viene donato agli ospiti in memoria di una piacevole esperienza gastronomica da ricordare. Per conoscere da vicino i Ristoranti del Buon Ricordo e le loro specialità, si può consultare il sito www.buonricordo.com o sfogliare la Guida 2020 appena pubblicata, in distribuzione gratuita nei ristoranti associati e scaricabile dal sito.

9 new entry e 3 cambi piatto
Questi i 9 nuovi ristoranti, con le loro specialità: ad Abbadia Cerreto (LO) l’Antica Osteria del Cerreto con la Lombata di coniglio con pancetta e olive al Balseto Laudense, a Rocchetta a Volturno (IS) la Locanda Belvedere con i Ravioli scapolesi de.co con sugo di capra, a Acuto (FR) la NU’ Trattoria Italiana dal 1960 con le Costine glassate alle erbe ciocare, a Praiano (SA) il Ristorante M’ama con il Tonno rosso del Tirreno, scottato con senape, miele e primizie di stagione, a Vietri sul Mare (SA) il Ristorante Pascalò con gli Spaghetti cacio, limone e San Marzanoa Rivanazzano Terme (PV) il Ristorante Selvatico con i Malfatti del Selvatico, a Vercelli la Trattoria Paolino con la Panissa alla vercellese, a Monaco di Baviera il Ristorante Der Katzlmacher con il Raviolone di magro ma non troppo, a Budapest la Trattoria Pomo d’Oro con il Fegato d’oca gratinato alla mozzarella di bufala.

Come prevede lo Statuto del Buon Ricordo, i ristoranti possono cambiare periodicamente la loro specialità. Le nuove proposte sono: il Guanciale di manzo al teroldego doc con polenta di storo dell’Albergo Ristorante Foresta a Moena (TN), le Pappardelle al Luccio in salsa gardesana del Ristorante Acquadolce a San Felice del Benaco (BS), le Cozze ripiene antica ricetta ligure del Ristorante Pernambucco a Albenga (SV).

Il Buon Ricordo guarda avanti
I ristoranti dell’URBR rappresentano al meglio la straordinaria ricchezza e poliedricità della cucina regionale italiana, di cui sono custodi e propositivi protagonisti contemporanei.  Alle loro tavole si vive un’esperienza conoscitiva ed emozionale, si riscoprono antichi sapori dimenticati nell’archivio della memoria e se ne gustano di nuovi sapientemente composti. Perché il Buon Ricordo guarda avanti. Non è solo tutela della tradizione gastronomica del Bel Paese, ma anche e soprattutto valorizzazione in chiave contemporanea di queste radici: questa è la linea lungo cui si sta muovendo con decisione il Consiglio direttivo dell’associazione, presieduto da Cesare Carbone del Ristorante La Manuelina di Recco e coordinato dal Segretario generale operativo Luciano Spigaroli del Ristorante Al Cavallino Bianco di Polesine Zibello.

I partner
Al Buon Ricordo si affiancano importanti partner, che ne condividono e sostenendone i progetti. I loro nomi si accostano a quello dell’associazione per promuove il meglio dell’enogastronomia italiana. Realtà importanti ed autorevoli, simbolo del Made in Italy: Confagricoltura, Consorzio Franciacorta, Consorzio Parmigiano Reggiano, Coppini Arte Olearia, Filette Prime Water, Illy Caffè, Latterie Inalpi, Zanussi Professional.

La Guida 2020 è sfogliabile a questo link: https://issuu.com/buonricordo/docs/guida_buon_ricordo_2020

InformazioniUnione Ristoranti del Buon Ricordo
Tel. 0521 706514 – www.buonricordo.com – info@buonricordo.com

 

buon ricordo | ristoranti del buon ricordo | gastronomia | cucina | chef | ristoranti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

I sanitari bagni elementi per impreziosire la propria stanza da bagno


Una Francia sempre più verde nelle novità dell'offerta turistica 2020


Arriva Inventaria


Movimento Network Marketing


ADF Award 2020: premiato Arnistil di DOC Ofta per il packaging più innovativo in farmacia


17°RADUNO -CACCIATORI DELLE ALPI -160°Anniversario FONDAZIONE DEL CORPO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Monastero Santa Rosa Hotel & Spa di Conca dei Marini (Sa) “Hotel of The Year” agli European Hotel & Restaurant Awards 2020

Il Monastero Santa Rosa Hotel & Spa di Conca dei Marini (Sa) “Hotel of The Year” agli European Hotel & Restaurant Awards 2020
 Il Monastero Santa Rosa Hotel & Spa di Conca dei Marini (Sa), sulla Costiera Amalfitana, è Hotel of The Year by European Hotel Awards 2020. Il prestigioso premio è stato consegnato al Direttore Generale Flavio Colantuoni, durante l’elegante serata degli European Hotel & Restaurant Awards organizzata dalla rivista Référen (continua)

29 Febbraio: 2° Festival del Potatore della vite, Pruning Contest ideato e organizzato da Simonit&Sirch

29 Febbraio: 2° Festival del Potatore della vite, Pruning Contest ideato e organizzato da Simonit&Sirch
 All’Agricola San Felice di Castelnuovo Berardenga in Chianti Classico Sarà una grande giornata di festa fra le vigne, aperta a tutti coloro che amano la natura e il “saper fare” in campagna, il 2° Festival del Potatore della vite che si terrà il 29 febbraio a Castelnuovo Berardenga (SI).  A fare da contorno alla combat (continua)

1° ENDURO CITTA’ DI GRADO – 22-23 febbraio 2020

1° ENDURO CITTA’ DI GRADO – 22-23 febbraio 2020
Moto Club MMVV GRADO A.s.d. Grande fermento in questi giorni all’“Isola del sole” per la prima prova di Campionato Regionale Fvg di Enduro, disciplina motoristica che seppur meno famosa della MotoGp, vanta tantissimi tesserati e richiama appassionati da ogni dove. Grado in più ha un fascino tutto particolare, la sua splendida laguna, il territorio selvaggio del bosco c (continua)

Castello di Spessa – Nuove etichette, tre linee di vini, visite in cantina e a breve una Spa con vinoterapia

Castello di Spessa – Nuove etichette, tre linee di vini, visite in cantina e a breve una Spa con vinoterapia
 Romance is in our nature Castello di Spessa rinnova l’immagine. Nuove etichette per i vini e nuovo claim per connotare l’intero romantico mondo del Castello di Spessa Golf & Wine Resort di Capriva del Friuli Nuovo logo e nuove etichette per Castello di Spessa di Capriva del Friuli, nota azienda vinicola del Collio Goriziano di proprietà dell’imprenditor (continua)

San Valentino in Castello nel nome di Casanova al Castello di Spessa Golf&Wine Resort di Capriva del Friuli

San Valentino in Castello nel nome di Casanova al Castello di Spessa Golf&Wine Resort di Capriva del Friuli
 Come ricordo, un simpatico ritratto di coppia tratteggiato da un disegnatore “Romance is in our nature”: romantica è l’essenza stessa del Castello di Spessa di Capriva del Friuli, che con la sua inconfondibile silhouette svetta sulla cima di una piccola altura, nel cuore del Collio goriziano, terra di grandi vini e antica storia in Friuli Venezia Giulia. (continua)