Home > Cultura > La marijuana non genera crisi di astinenza? Niente di più falso!

La marijuana non genera crisi di astinenza? Niente di più falso!

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

La marijuana non genera crisi di astinenza? Niente di più falso!

Due dei falsi miti che riguardano la marijuana, definita irresponsabilmente “droga leggera” sono che, a differenza delle altre droghe, non genererebbe dipendenza e non causerebbe crisi di astinenza. Ecco che le recenti tragiche vicende legate al coronavirus ci hanno dato modo, in via sperimentale, di determinare che la cannabis si comporta esattamente come tutte le altre droghe. Niente di strano in fondo, il THC (lo stupefacente contenuto nella cannabis) è un allucinogeno e non c’è da stupirsi se si comporti come tutti gli altri allucinogeni.

Le notizie riguardanti le violazioni dei decreti sul COVID-19 sono piene di persone fermate e denunciate perché spacciatori e acquirenti di marijuana. La dura realtà è che in giro ci sono solo loro e pochi altri!

Se tale droga non desse dipendenza, cosa spingerebbe così tante persone a rischiare arresti, denunce e multe in un momento in cui è facilissimo essere scoperti? Se non fossero in preda a fastidiose crisi di astinenza chiusi nelle loro case, perché non farne a meno per 15 giorni o un mese?

Test clinici del 2005 fatti dal giornale “Drug and Alcohol dependence” su un campione id 72 consumatori hanno determinato che: “Durante l'astinenza vennero riportati vari sintomi, sia comportamentali che fisici, come emicranie, nausea, e sudorazione. Gli adolescenti accusarono anche altri sintomi, fra cui ansia, modificazioni dell'appetito, umore depresso, irritabilità, e agitazione”. Secondo l’Osservatorio Europeo EMCDDA le crisi generano “…forte desiderio di consumare la droga (craving), irritabilità e aggressività, nervosismo, umore depresso, anoressia, disturbi del sonno e strani sogni, agitazione motoria”.

L’associazione internazionale “Un Mondo Libero dalla Droga” crede che sia necessario far sapere a tutti, soprattutto ai giovani, la verità sulla marijuana. È necessario far sapere che è una droga, che dà astinenza e dipendenza, che può causare violenza e incidenti, che quintuplica il rischio di psicosi e raddoppia quello di schizofrenia, causa inoltre una sensibile diminuzione del quoziente di intelligenza.

“Un Mondo Libero dalla Droga” si propone di aiutare le scuole a fare prevenzione sull’abuso di droghe, alcool e farmaci. I volontari effettuano lezioni e conferenze ai ragazzi, e molte scuole adottano la campagna portando avanti loro stesse i programmi di prevenzione grazie ai materiali educativi dell’associazione. Tutti gli interventi dei volontari sono a titolo assolutamente gratuito, come pure la fornitura di opuscoli, manuali, video.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. La campagna è del tutto laica, l’associazione organizza anche eventi pubblici nei quali vengono distribuiti opuscoli su tutti i più comuni tipi di droghe ai cittadini. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | crisi di astinenza | marijuana | cannabis |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mauro Tomasi: “Sono solo un maratoneta in carrozzina”


E’ solo una coincidenza ?


Il trinciato di canapa Skunk: le infiorescenze di marijuana light pronte per l’uso


Colpa del coronavirus, non si trova più la roba: la soluzione è l’antiproibizionismo?


Non tutta la marijuana fa male: prova la nuova cannabis legale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Con la scusa del cane usciva per spacciare in tempi di coronavirus

Con la scusa del cane usciva per spacciare in tempi di coronavirus
Come evitare di essere fermato dalle forze dell’ordine in tempi di divieto assoluto di circolazione per il contenimento dell’epidemia di coronavirus. Portare il cane al guinzaglio sembrava un trucco brillante, ma quando i finanzieri del comando provinciale di Livorno lo hanno fermato, è stato chiaro che non si trattava di una semplice passeggiata. Lo spacciatore tunisino di 28 a (continua)

La responsabilità dei genitori di adolescenti in materia di rispetto della legge

La responsabilità dei genitori di adolescenti in materia di rispetto della legge
A Milano, una delle province più colpite dal coronavirus, quattro ragazzi tra i 14 e i 15 anni sono stati sorpresi per strada, senza documenti e senza un valido motivo per essere fuori di casa, uno di loro era in possesso di hashish. A quanto pare, questo giovanissimo milanese sentiva il bisogno di assumere droga in compagnia, e questo desiderio era evidentemente più forte della vigi (continua)

Crystal Meth: overdose, suicidi e nazismo

Crystal Meth: overdose, suicidi e nazismo
Il Crystal Meth è una delle droghe più pericolose attualmente in circolazione, è persino difficile descrivere con realismo l’interminabile serie di conseguenze micidiali che causa. Si tratta di una “meta-amfetamina”, protto di sintesi in laboratori chimici clandestini, tagliata con schifezze come acido per batterie e liquido antigelo. Viene smerciata sotto fo (continua)

Colpa del coronavirus, non si trova più la roba: la soluzione è l’antiproibizionismo?

Colpa del coronavirus, non si trova più la roba: la soluzione è l’antiproibizionismo?
Quando finisce l’effetto della sostanza stupefacente, il corpo si ribella e causa una “crisi di astinenza” con sintomi spesso molto pesanti (dipende dalla sostanza e dallo stadio di dipendenza a cui si è giunti). In questo periodo di drastiche limitazioni agli spostamenti senza giustificato motivo, per gli spacciatori non è facile né rifornirsi dai trafficant (continua)

Bloccato a casa in quarantena? Nessun problema, consegna di droga a domicilio

Bloccato a casa in quarantena? Nessun problema, consegna di droga a domicilio
A Grugliasco, provincia di Torino, un 20enne è stato fermato di notte con parecchie bustine di droga e centinaia di euro in contanti. Stava facendo consegne notturne a domicilio ai tossicodipendenti della zona che, impossibilitati a uscire, dovevano in qualche modo rifornirsi per non andare in astinenza. Il traffico di droga si è riorganizzato per far fronte all’epidemia e alle (continua)