Home > Cultura > Le famiglie in isolamento scoprono la tossicodipendenza dei figli

Le famiglie in isolamento scoprono la tossicodipendenza dei figli

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Le famiglie in isolamento scoprono la tossicodipendenza dei figli


Sbalzi d’umore, insonnia, autolesionismo, depressione, aggressività, allucinazioni. Ecco alcune dei sintomi di astinenza da droga che potrebbero rivelare una amarissima sorpresa a dei familiari che non avevano mai visto il loro congiunto in quello stato pietoso. Queste manifestazioni possono comparire dopo alcune ore o dopo settimane dall’ultima assunzione, ma quando arrivano per il tossicodipendente c’è un’unica soluzione: ottenere la droga subito.

Ecco che alcuni possono diventare violenti, persino nei confronti dei loro familiari, per procurarsi i soldi necessari con le buone co con le cattive, e violare l’isolamento alla ricerca di uno spacciatore. Numerosi i casi di cronaca accaduti durante l’isolamento per l’epidemia di coronavirus: a Pozzuoli un cinquantenne ha ucciso il fratello che si rifiutava di dargli i soldi, a Roma un cocainomane picchia e minaccia la moglie per avere 50 euro, sempre a Roma un 19enne a picchiato il padre per farsi dare la sua pensione.

L’isolamento forzato non fa che acuire e far emergere problemi che già esistevano in precedenza. È quindi necessario agire nella società, soprattutto fra i giovani, per informarli su cosa sia la droga e quali siano le conseguenze del suo uso. La maggior parte dei tossicodipendenti che esce disintossicato da una comunità afferma che, se avesse potuto immaginare le conseguenze a cui sarebbe andato incontro, non avrebbe mai cominciato a drogarsi.

I volontari dell’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” pensano che informare i giovani prima che lo facciano gli spacciatori possa salvare molte vite. La Chiesa di Scientology, fin dalla sua fondazione negli anni ’50 del secolo scorso, ha subito riconosciuto che la droga e l’alcol fossero una delle principali cause della spirale discendente che sta portando il pianeta alla degradazione.

L’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” si propone di aiutare le scuole a fare prevenzione sull’abuso di droghe, alcool e farmaci. I volontari effettuano lezioni e conferenze ai ragazzi, e molte scuole adottano la campagna portando avanti loro stesse i programmi di prevenzione grazie ai materiali educativi dell’associazione. Tutti gli interventi dei volontari sono a titolo assolutamente gratuito, come pure la fornitura di opuscoli, manuali, video.

A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori. Tutti gli opuscoli sono consultabili anche sul sito https://it.drugfreeworld.org.

Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha spesso condannato l’uso di droga nei suoi scritti, spiegando in dettaglio quali siano gli effetti invariabilmente negativi sul corpo e sulla mente degli individui. “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione” diceva Hubbard.


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | droga | violenza | astinenza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Knauf taglia il rumore e aumenta il valore


Come Uscire dalla Tossicodipendenza


Soluzioni per Uscire dalla Droga


Famiglie in viaggio: il nuovo portale Evolution Travel!


Parete Insonorizzata con Tecnologia Esclusiva, SuonoStop®


Lastra Knauf Fine Thermal Board: il sistema più fine per mettere fine a muffa e umidità


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Anche a Washington si combatte per i Diritti Umani

Anche a Washington si combatte per i Diritti Umani
Travis Ellis diffonde la conoscenza dei 30 articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Il tasso di omicidi della capitale USA, Washington, è più che raddoppiato in soli quattro anni, spingendo i leader cittadini a definire la situazione come "emergenza". Tuttavia, l'arresto dei trasgressori non è sufficiente, dato che la metà di quelli che vengono rilasciati finisce di nuovo dietro le sbarre entro tre anni. Questi ex carcerati spesso non riescono a trovare un alloggio o un lavo (continua)

Il 16esimo Summit Internazionale per i Diritti Umani 2019

Il 16esimo Summit Internazionale per i Diritti Umani 2019
Il vertice annuale sui diritti umani di Youth for Human Rights International si tiene a New York nel Palazzo di Vetro dell’ONU, accogliendo delegazioni di giovani da tutto il mondo. Speranze e risultati concreti sono stati i temi comuni che sono stati trattati nella sessione di apertura del 16° Vertice Internazionale Annuale sui Diritti Umani, trasmesso in diretta dalla Conference Room 4 del quartier generale delle Nazioni Unite a New York. Hanno partecipato ospiti provenienti da 78 nazioni, il vertice è durato tre giorni e si è concentrato sulle comunità che lavorano pe (continua)

I diritti umani in viaggio per i sette mari con Maersk

I diritti umani in viaggio per i sette mari con Maersk
La compagnia di navigazione danese Maersk ha deciso di educare i propri dipendenti sui diritti umani. Maersk spedisce in 121 paesi del mondo, ognuno con la sua diversa situazione politica e sociale, ecco che i diritti umani sono diventati una delle principali aree di interesse dell'azienda. È una società danese di trasporto e logistica internazionale, la più grande compagnia di spedizioni di container al mondo sia per dimensioni della flotta che per capacità di carico, lavora in 343 porti d (continua)

Alla Camera dei Deputati il premio “Eroi per i Diritti Umani”

Alla Camera dei Deputati il premio “Eroi per i Diritti Umani”
Il premio Youth for Human Rights Hero Awards onora persone che cambiano la vita degli altri attraverso l’istruzione sui diritti umani. Arte e Cultura per i Diritti Umani in Italia, ha organizzato un evento presso la Camera dei Deputati italiana, una delle tante attività educative per le quali al gruppo è stato conferito il premio “Youth for Human Rights Hero”. Negli anni scorsi migliaia di giovani hanno firmato le bandiere dei diritti umani che lo scomparso alpinista Daniele Nardi ha poi portato sulle montagne più alte nelle (continua)

Perché un tossicodipendente non ascolta

Perché un tossicodipendente non ascolta
Avete mai avuto l’impressione che una persona vi stava guardando ma eravate come «trasparente» e non ascoltava una sola parola di quello che dicevate? La principale arma che si ha per far sì che un tossicodipendente accetti di essere aiutato è la comunicazione, o meglio “vera comunicazione”. Tutto ciò che include accuse, imposizioni, ricatti, recriminazioni, aggressività, sarcasmo, ironia, frecciatine, mancate risposte, afflizione, mutismo, ecc. non è vera comunicazione! Sarà solo uno scontro che avrà come unico effetto far allontanare la p (continua)