Home > Arte e restauro > Tgcom24: Maria Petrucci, pittrice e scultrice di Spoleto Arte

Tgcom24: Maria Petrucci, pittrice e scultrice di Spoleto Arte

scritto da: Ufficio_stampa | segnala un abuso

Tgcom24: Maria Petrucci, pittrice e scultrice di Spoleto Arte


Un fulmine a ciel sereno. È stato così per Maria Petrucci quando l’arte ha fatto irruzione nella sua vita. Di lei o, meglio, delle sue opere parlerà il nuovo appuntamento di  Arte in quarantena del Tgcom24. Pittrice e scultrice di Spoleto Arte, Maria Petrucci è testimone di come l’arte non possa rimanere un talento inespresso. Di come sia inevitabile essere se stessi per vivere con se stessi.

Il suo percorso artistico comincia a Mantova nel ’72, all’età di 33 anni. All’epoca Maria Petrucci frequentava i corsi dell’Enal (Ente nazionale assistenza lavoratori) e nel frattempo scriveva poesie, dipingeva. In questo periodo conosce il segretario Roberto Tranchina, che la inizia e incoraggia al mondo dell’arte presentandole un bando per un concorso artistico. Da allora la nostra artista raccoglie un successo dopo l’altro.

Più o meno è la stessa storia con la scultura: conosce il legno nella falegnameria dell’allora marito. Ne rimane affascinata, prova inquietudine. Comincia così a scolpire sulle ginocchia ed espone sei mesi dopo la sua prima scultura in una mostra di pittura. Ma quella rassegna viene vista dal critico mantovano Renzo Margonari che non si lascia sfuggire il nuovo talento. Con stupore la nostra artista ne legge il biglietto a lei indirizzato. Margonari le consigliava caldamente di smettere di dipingere per dedicarsi esclusivamente alla scultura. Si ricolgeva proprio a lei che aveva creato solamente un’unica opera scultorea, quella esposta… Si trattava nientemeno che di esordire come scultrice mentre, come, pittrice, era già affermata. Eppure segue il consiglio.

Quasi vent’anni dopo fonda il Museo Maria Petrucci nel suo paese natale, Toffia. Qui si dedica ai ragazzi e alla gente del suo paese. Tuttavia, come le piace ricordare, “la vita dà e toglie”: nel 2000 viene investita da un’automobile. L’incidente compromette per sempre l’uso del braccio destro. Dopo vari tentativi e atroci dolori, l’artista purtroppo è costretta a desistere dalla sua attività artistica.

Una speranza si riaccende nel 2008, quando Editoriale Giorgio Mondadori la contatta per il Catalogo degli Scultori Italiani. Da allora accende l’interesse delle più grandi associazioni artistico-culturali. Scrive nel suo sito: «Ogni lavoro nasce dalle mie emozioni, da una forte spinta interiore, dall’anima. Ho sempre desiderato essere in qualche modo a servizio degli altri e questo museo mi ha permesso di riuscirci».

Una storia travagliata e uno stile altamente suggestivo, quello di Maria Petrucci.

Maria petrucci | toffia | spoleto arte | scultura | pittura | tgcom24 | arte in quarantena | arte | contemporanea | museo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Menotti Art Festival


L'Occhio dell'Arte e lo Spoleto Art Festival 2018


HSBC: a TgCom24 parla Anna Tavano, la Head di Global Banking in Italia


L'Occhio dell'Arte si presenta a Spoleto


Matera ospita l’antologica su Pasolini con gli scatti del fotografo Villa curata da Sgarbi e Nugnes


101CAFFE’ consolida la collaborazione con Spoleto Arte a cura di Vittorio Sgarbi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Presentata da Vittorio Sgarbi, la Pro Biennale nel cuore di Venezia

Presentata da Vittorio Sgarbi, la Pro Biennale nel cuore di Venezia
Cosa significa essere artisti oggi e come si fa selezione? Questa era la questione cardine del panorama artistico, non solo nazionale, a cui Pro Biennale provava a dare una soluzione. Questo prima della pandemia. Ma dopo? Anche. Così l’appuntamento, ma non l’intenzione di offrire l’arte democratica, è stato posticipato da maggio a luglio. Con la stessa scaletta. Presentata a Venezia dal prof (continua)

Spoleto Arte: l’artista Marcello Vandelli si racconta in un’intervista

Spoleto Arte: l’artista Marcello Vandelli si racconta in un’intervista
Marcello Vandelli, artista di origini modenesi, sa come farsi riconoscere. La sua arte questa settimana è entrata negli schermi degli italiani grazie a un servizio del Tgcom24. Il pittore di Spoleto Arte, con il suo stile inconfondibile, ha ammaliato il pubblico del format Arte in quarantena ed è pronto a conquistare anche noi con la sua filosofia artistica. Di recente il Tgcom24 ha ril (continua)

Benedetta Trudesti, artista di Spoleto Arte, si racconta in un’intervista

Benedetta Trudesti, artista di Spoleto Arte, si racconta in un’intervista
È una settimana di grandi soddisfazioni per Benedetta Trudesti. La pittrice di Spoleto Arte è stata recentemente protagonista di un servizio del Tgcom24. Sul format Arte in quarantena, la pittrice nota per i suoi dipinti dagli sfondi rossi continua a incuriosire e ad appassionare il pubblico di spettatori. E la curiosità non manca nemmeno a noi, che abbiamo voluto farle qualche domanda.Cosa (continua)

Il pittore Marcello Vandelli di Spoleto Arte al Tgcom24 con “Segrete premeditazioni”

Il pittore Marcello Vandelli di Spoleto Arte al Tgcom24 con “Segrete premeditazioni”
Sull’innovativa piattaforma del Tgcom24 siede il carismatico artista Marcello Vandelli di Spoleto Arte. Il format è quello di Arte in quarantena, lanciato dal direttore Liguori per sopperire all’impossibilità momentanea di visitare mostre e musei fisicamente. A entrare oggi nelle case degli italiani è la volta dell’accattivante espressività creativa di questo pittore. Nato a San Felice sul P (continua)

L’essere materico di Benedetta Trudesti di Spoleto Arte al Tgcom24

L’essere materico di Benedetta Trudesti di Spoleto Arte al Tgcom24
Siamo ormai in un punto chiave della fase 2. Al limite tra chiusura e riapertura. Su questo limite, tutto interiore, danza a ritmo di pennellate Benedetta Trudesti, artista di spicco di Spoleto Arte. Su di lei il Tgcom24 ha pubblicato il nuovo servizio per il format Arte in quarantena: “l’Essere Materico”. Benedetta Trudesti intuisce già in tenera età la forza travolgente dell’arte riconos (continua)