Home > Turismo e Vacanze > Le Guglie di Napoli

Le Guglie di Napoli

scritto da: Barbarella | segnala un abuso

Le Guglie di Napoli

Per comprendere il significato della Guglia a Napoli bisogna andare un pò indietro nel tempo e capire come questo elemento architettonico nasca nell’immaginario collettivo. Il concetto di Guglia, prende spunto dalla cultura napoletana delle macchine a festa, perciò le piazze partenopee che accolgono queste architetture ne vengono influenzate solo in maniera parziale.


Mentre a Roma, “l’arredo” viene considerato parte integrante della risistemazione urbanistica portata avanti da Sisto V, a Napoli essendo stato inutile o quasi l’espansione prevista da Don Pedro de Toledo, nel ‘600 si sente l’esigenza di cambiare interi quartieri, con interventi non programmati, da parte di clero e nobiltà spesso in conflitto tra loro.

La piazza, era un luogo molto ambito perché isolava i luoghi religiosi dai fabbricati circostanti; per permettere l’arrivo alla chiesa in carrozza, le processioni, ma era anche segno di prestigio. Le guglie diventano, allora, segno della definitiva conquista di questo spazio rituale, la piazza. Le guglie sono, ancora, destinate ad esorcizzare il pericolo di eruzioni e pestilenze.

Posizionate nel centro antico di Napoli, le Guglie sono quattro.

La Guglia di San Gennaro. Edificata dopo l’eruzione del Vesuvio del 16 agosto dl 1631.

Per la costruzione della Guglia furono chiamati i due artisti più importanti del periodo, Fanzago e Finelli.

Fanzago ebbe il compito di curare l’architettura della Guglia, mentre Finelli curò il modello e la fusione della statua di san Gennaro. Per costruire la Guglia si ebbe l’idea di utilizzare una colonna in marmo venuta alla luce durante gli scavi nella cappella del Tesoro di San Gennaro al Duomo. La mancata donazione della colonna diventa l’occasione più felice delle invenzioni fanzaghiane, con l’articolazione di elementi che danno l’idea di colonna attraverso una disposizione gerarchica e un gioco chiaroscurale.

Un’altra particolarità della guglia è che nel basamento vi è l’autoritratto del Fanzago. L’opera venne finalmente inaugurata nel 1660 diventando punto obbligato di processioni, al punto da sollecitare gli altri ordini ad innalzare una “propria guglia”.

La Guglia di San Gaetano. Eretta per volere dei monaci teatini che volevano rendere omaggio a San Gaetano. Sono testimoniate due fasi costruttive: 1657-1670 e 1694-1725, intervallate da terremoti che molto probabilmente resero vano il lavoro precedente. La prima fase costruttiva fu affidata a Cosimo Fanzago e Andrea Falcone, testimonia l’opera l’incisione del Parrini di fine seicento dove, a seguito del terremoto, si possono notare le colonne della chiesa di San Paolo Maggiore in terra, mentre la statua di San Gaetano si erge su di un basamento a forma di piramide. Oggi, invece, è visibile l’insieme dell’iter costruttivo che si concluse nel 1725.

La Guglia di San Domenico. Iniziata per voto dopo la peste nel 1656 da Cosimo Fanzago, che sospese i lavori nel 1658. L’intervento dell’artista anche se limitato, fu tale da influenzare il suo successore, Antonio Picchiatti a seguire il primo progetto. L’opera fu terminata solo nel 1737 da Antonio Vaccaro. Nelle decorazioni in marmo bianco e bardiglio si rivela la mano del Fanzago. La parte finale della Guglia, formata da una piramide, risulta la meno riuscita dell’opera, perché troppo tozza. In ogni caso bisogna riconoscere al Vaccaro, che se ha fallito nelle proporzioni volumetriche, è riuscito almeno nell’intento di “ricucire” l’ornamentazione.

La Guglia dell’Immacolata . Ecco un tipico esempio del barocco napoletano, proprio nel cuore di Spaccanapoli. Alta 30 metri, fu eretta da Giuseppe Di Fiore su progetto di Giuseppe Genuino, entrambi allievi del Vaccaro, tra il 1747 e il 1750. I promotori di quest’opera furono, Re Carlo III e la regina Maria Amalia insieme ai gesuiti, per esorcizzare la peste del 1743 , e per commemorare la vittoria di re Carlo sugli austriaci del 1744. Precedentemente nel 1705 era stata eretta, nel luogo della guglia, la statua equestre di Filippo V di Spagna, per ricordare la visita di qualche anno prima del sovrano. Il 7 agosto del 1707 la statua era stata abbattuta a furor di popolo. La guglia fu costruita con una pubblica colletta. E’ formata da un basamento poligonale e due livelli superiori, al disopra dei quali vi è la statua della Immacolata in rame dorato. In questa opera gli artisti hanno dimostrato di aver recepito le applicazioni della sintesi tra architettura e scultura sperimentate da Cosimo Fanzago.

Vuoi visitare Napoli, contatta Naples and Italy e visita il loro sito,  avrai le migliori guide turistiche per visitare Napoli e non solo. www.guideturistichenapoli.it

Contatti

Naples and Italy visite guidate ed eventi

via Port’Alba 30 – 80134 Napoli (centro Antico)

telefono +39 081 549 9953 – 3404230980

WhatsApp +39 3357851710

e-mail visitenapoli@gmail.com


Fonte notizia: https://www.guideturistichenapoli.it/visite-guidate-napoli/


napoli | Spaccanapoli | Visite guidate a Napoli | Turismo | viaggio a Napoli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Metro Web è stata premiata per aver reso Milano la città più cablata d’Europa


Il Festival delle Arti Noi per Napoli 2021 ed i progetti di solidarietà


Arkeda Open House 26|27|28 Novembre 2019


L’Ordine degli Architetti per il Borgo Vergini alla Sanità. Quattro anni di attività


"Vedi Napoli.....e poi torni e ritorni"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Tempio di Iside Pompei

Tempio di Iside Pompei
Il Tempio di Iside a Pompei, è una costruzione di epoca romana, sepolta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. L’eruzione, violenta, seppellì oltre l’antica città di Pompei, anche le antiche città di Ercolano, Oplontis e Stabia.Il Tempio di Iside venne ritrovato a seguito degli scavi archeologici promossi dai Borbone nel settecento. L’esplorazione della costruzione sacra ha fornito una grande quantità di reperti e pitture con soggetti religiosi, oggi custoditi, per la maggior parte al Museo Archeolog (continua)

Chiesa di Santa Maria del Parto Napoli

Chiesa di Santa Maria del Parto Napoli
La chiesa di Santa Maria del Parto, è una delle chiese monumentali della città di Napoli, sita più precisamente nel quartiere di Chiaia, nella zona di Mergellina. All’interno della chiesa ancora oggi si può ammirare la tomba del poeta Jacopo Sannazaro e il presepe di Giovanni da Nola.Federico I di Napoli, salito al trono del Regno nel 1497, concesse al Sannazaro una pensione di seicento ducati, oltre ad un terreno nella zona di Mergellina. Il terreno precedentemente era appartenuto ai monaci benedettini del convento dei Santi Severino e Sossio.Molto p (continua)

Chiesa del Gesù Nuovo Napoli

Chiesa del Gesù Nuovo Napoli
La chiesa del Gesù nuovo è una delle chiese più imponenti di Napoli. Situata nel cuore del centro antico della città di Napoli, in Piazza del Gesù, di fronte la guglia dell’Immacolata, è una delle chiese più cara ai napoletani, dato che all’interno è custodito il corpo di San Giuseppe Moscati, il medico napoletano canonizzato santo da papa Giovanni Paolo II nel 1987.La chiesa del Gesù Nuovo è una delle chiese con la massima concentrazione di pittura e scultura (continua)

Casa degli Amorini dorati Pompei

Casa degli Amorini dorati Pompei
La Casa degli Amorini dorati è una delle domus più affascinati degli scavi archeologici di Pompei È considerata tra le abitazioni più eleganti, un vero gioiello che sorge nella Regio VI dell’antica città di Pompei. La Casa degli amorini dorati è famosa grazie ai suoi affreschi e mosaici che documentano le varie fasi costruttive della domus.La domus che conosciamo noi è stata ottenuta dall’unione di due piccole dimore del III e II secolo a.C.Costruzioni unificate nel I secolo a.C., in un n (continua)

Casa del Bracciale D’oro Pompei

Casa del Bracciale D’oro Pompei
La Casa del bracciale d’oro di Pompei è anche conosciuta e chiamata Casa di Marco Fabio Rufo. Il nome della domus si deve al ritrovamento di un bracciale in oro dall’incredibile peso di 160 grammi. Il bracciale è uno squisito lavoro di oreficeria composto da un laccio d’oro che termina con due teste di serpente. Gli occhi dei serpenti sono rappresentati con l’intarsio di pietre preziose. Nella bocca i serpenti reggono una medaglia con la rappresentazione di Selene. La proprietaria del bracciale, molto probabilmente doveva essere una seguace del culto di Selene, culto più orientale che i (continua)