Home > Turismo e Vacanze > Scavi archeologici di Ercolano

Scavi archeologici di Ercolano

scritto da: Barbarella | segnala un abuso

Scavi archeologici di Ercolano

Gli scavi archeologici di Ercolano hanno restituito e riportato alla luce i resti dell’antica città, sepolta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.


Seppellita da ceneri, lapilli e fango, assieme alle antiche città di Pompei, Stabia e Oplonti, l’antica città di Ercolano venne ritrovata in maniera casuale.

L’antica Ercolano venne ritrovata infatti, a seguito degli scavi per la realizzazione di un pozzo nel 1709. Le indagini archeologiche assieme ai primi scavi iniziarono nel 1738, per continuare sino al 1765. Successivamente gli scavi archeologici hanno subito, nel corso degli anni, molti periodi di fermo e di ripresa. Bisogna aspettare il 1927, per avere un vero e proprio scavo archeologico sistematico , condotto dall’archeologo Amedeo Maiuri. La maggior parte dei reperti archeologici ritrovati, sono oggi ospitati al Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Gli scavi archeologici di Ercolano, assieme agli scavi  archeologici di Pompei e Oplonti,  fa parte della lista dei siti patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

La città di Ercolano, secondo lo storico greco, Dionigi di Alicarnasso, venne fondata da Eracle, ossia Ercole, di ritorno dall’Iberia. Mentre per lo storico Strabone, Ercolano fu fondata dalla popolazione degli Osci, che scelsero questo territorio accanto a due torrenti, alle falde del Vesuvio e con una vista splendida sul mar Tirreno. Sempre vista come meta di villeggiatura dei ricchi patrizi romani, durante l’età augustea subì lavori urbanistici assieme a costruzioni di nuovi edifici pubblici, come le Terme suburbane e centrali, la Palestra,e il Teatro.

Grazie anche all’aiuto del tribuno Balbo, venne costruito l’acquedotto con una serie di fontane. Ercolano venne danneggiata dal terremoto del 62 d.C. e proprio per questo l’imperatore Vespasiano, dovette correre ai ripari, finanziando alcuni lavori di restauro per la Basilica e il tempio. Plinio il Giovane, con i suoi scritti, ci racconta dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., e della sorte che subì l’antica città di Ercolano. A differenza di Pompei, Ercolano venne totalmente ricoperta da una vera e propria valanga di fango, che indurendosi nel tempo creò strati e strati di tufo, spesso sino a 15 metri. Grazie alla formazione di questa roccia magmatica, che si sono conservati nel tempo degli oggetti in legno e cibi, testimonianze importanti del passato e dell’antica e gloriosa città di Ercolano.

Vuoi visitare gli scavi di Ercolano, contatta Naples and Italy, visita il sito www.guideturistichenapoli.it

Contatti

Naples and Italy visite guidate ed eventi

via Port’Alba 30 – 80134 Napoli (centro Antico)

telefono +39 081 549 9953 – 3404230980

WhatsApp +39 3357851710

e-mail visitenapoli@gmail.com

 


Fonte notizia: https://www.guideturistichenapoli.it/visite-guidate-napoli/


Ercolano | Scavi di Ercolano | Visite guidate Napoli | Guide turistiche Napoli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

- Campania Palcoscenico del 4° Gran Premio Teatro Amatoriale FITA Stagione artistica 2018. (Inoltrato da Antonio Castaldo)


SplendOri – La prima mostra ad Ercolano


Campania by night, al via le magiche notti dell’arte www.campaniabynight.it


Casa dei Cervi Ercolano


Il sito archeologico di Somma Vesuviana diventa pubblico Ieri la donazione alla Soprintendenza da parte della Fondazione Romualdo Del Bianco - Life Beyond Tourism


“1° EAT ART VESUVIO EXPO” DAL 4 AL 7 OTTOBRE, NELLA CITTÀ DI ERCOLANO, IL CIBO E LE SUE ECCELLENZE SI FANNO STRADA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Basilica di Santa Maria della Sanità Napoli

Basilica di Santa Maria della Sanità Napoli
La Basilica di Santa Maria della Sanità, più conosciuta come la chiesa di San Vincenzo alla Sanità, è una delle chiese antiche della città di Napoli, situata nello storico Rione Sanità. La Basilica di Santa Maria della Sanità venne costruita tra il 1602 e il 1610 da Frà Nuvolo. La chiesa è uno dei tanti esempi di arte barocca che abbiamo a Napoli. L’arte barocca difatti trovò nel XVII a Napoli, uno dei momenti di massimo splendore. Gli artisti utilizzavano linee curve e sinuose, creando un gioco di chiaroscuro, utilizzando materiali diversi come marmo e piperno. Si utilizzav (continua)

Chiesa di Sant’Antonio Abate Napoli

Chiesa di Sant’Antonio Abate Napoli
La chiesa di Sant’Antonio Abate è una delle più antiche chiese della città di Napoli. Sorge proprio nell’omonimo borgo, che per secoli è stato uno dei cuori pulsanti della città. La Chiesa di Sant’Antonio Abate, seppur considerata tra le abbazie importanti della città di Napoli, le notizie storiche a disposizione sono inspiegabilmente scarse. Nel 1905 Benedetto Croce, avendo notato questa enorme lacuna riguardo la storia di una delle chiese più antiche della città, invia nell’abbazia un cronista per descriverne dettagliatamente la struttura, le opere artistiche conten (continua)

Palazzo dello Spagnolo Napoli

Palazzo dello Spagnolo Napoli
Il palazzo dello Spagnolo o dello Spagnuolo, è uno dei palazzi storici della città di Napoli. Ubicato in Via dei Vergini nel Rione Sanità, il Palazzo dello Spagnolo è uno dei palazzi monumentali che si trova nel pieno centro antico di Napoli. Il Palazzo dello Spagnolo venne costruito nel 1738, su commissione del marchese di Poppano Nicola Moscati. Il marchese volle unificare due lotti di terra ricevuti dalla moglie. Il progetto venne affidato all’architetto Ferdinando Sanfelice. Il Sanfelice oltre al progetto dell’imponente palazzo, realizzò la monumentale scala a doppia rampa, chiamata ad “ali di falco”. La scala venne pensata co (continua)

Casa dei Cervi Ercolano

Casa dei Cervi Ercolano
La Casa dei Cervi di Ercolano, è una domus di epoca romana, sepolta durante l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. L’antica città di Ercolano subì lo stesso destino delle antiche città di Pompei, Stabia e Oplonti.Gli scavi archeologici dell’antica città di Ercolano iniziarono in maniera quasi casuale nel 1738. La Casa dei Cervi è cosi chiamata per via del ritrovamento nel giardino, di due statue di cervi assaliti da cani. L’elegantissima e lussuosa domus, con terrazza vista mare fu costruita nel periodo i (continua)

La Villa comunale di Napoli

La Villa comunale di Napoli
La Villa comunale di Napoli è uno dei giardini storici cittadini. È un vasto giardino piantato a lecci, pini, palme, eucalipti. La Villa comunale si estende per oltre 1 Km tra piazza Vittoria e piazza della Repubblica, giardino che è fiancheggiato dalla Riviera di Chiaia e da Via Caracciolo. La prima idea e fondazione della Villa Comunale di Napoli, risale al 1697, quando il vicerè duca di Medinacoeli fece piantare lungo la Riviera di Chiaia un doppio filare di alberi, che venne abbellito da tredici fontane.Questa costruzione vicereale volle dare alla città di Napoli, una prima idea di passeggiata che dalla porta di Chiaia arrivava fino alla Crypta Neapolitana.Ma la vera trasform (continua)