Home > Libri > Diego Stefani è “Poeta contadino”: quando la poesia scava l’animo umano come un aratro

Diego Stefani è “Poeta contadino”: quando la poesia scava l’animo umano come un aratro

scritto da: NotizieLibri | segnala un abuso

Diego Stefani è “Poeta contadino”: quando la poesia scava l’animo umano come un aratro


PERUGIA, 19 APRILE 2021 - È uscita la raccolta di pensieri e riflessioni di Diego Stefani nel dialetto di Combai.

Dice di lui Giustina Menegazzi Barcati:
“La poesia di Diego, così profonda, così coinvolgente, così capace di esser l’oggi e il passato, così essenziale, forte, virile, vigorosa, resa nel dialetto di Combai che non ha venature di abbandono, di dolcezza, ma che nella sua asprezza trasmette messaggi di grandi verità. Diego nella sua meravigliosa sintesi compie la straordinaria impresa della documentazione sul filo delle memorie del percorso di una comunità dalla cultura contadina alla sua seguente evoluzione e trasformazione. In questo viaggio il poeta attraversa la sua stessa vita, che è stata un’esistenza non facile, per le difficoltà economiche, per la lontananza del padre costretto ad emigrare, per la fatica ed il lavoro.

Nella semplicità della vita contadina ogni occasione è importante per dar valore alle cose di ogni giorno e ai riti antichi della liturgia cristiana che rivivono con la loro sacralità remota e che restituiscono intatti i valori di una vita costruita con armonia, il senso profondo per la famiglia, per gli affetti familiari unici ed irripetibili, il rispetto per gli altri e soprattutto per gli anziani, il dover essere uomo con consapevolezza e responsabilità, la solidarietà per il prossimo, la certezza di una fede convinta che a sostegno di tutto vede la presenza di Dio. Le riflessioni che Diego esprime rivelano la filosofia del suo pensiero che rimane sempre coerente nella ricerca di un passato a volte struggente, e nella verifica di un presente che spesso è difficile da accettare. Diego però non si piega ad un inutile rimpianto, né si erge a colui che predica dall’alto i suoi rimproveri: Diego col dono della sua poesia sublima i due momenti e riesce a dare una spiegazione, un approfondimento sulle realtà che ha vissuto e che vive oggi. La sua poesia così stringata, essenziale ci fa ricordare tanti poeti dialettali del nostro ‘900 ed attuali, come Zanzotto della nostra terra.

[...] Nella saggezza della sua esperienza contadina Diego non tralascia di ricordare occupazioni come quelle di “Nani Dalmeda”, del “scalpelin”, della vita del contadino rivissuta nei suoi momenti più significativi, della raccolta delle “castegne”, della vendemmia, del vino, del verdiso, del trattore, del “fenil”, del taglio dell’erba. Si estende la contemplazione poetica a cogliere con profondo amore il paese di Combai con i suoi borghi e le montagne che con la loro dolce cornice sono sempre presenti nella vita dei paesani. [...]Le atmosfere decantate dal poeta si raccolgono in momenti meditati sulle stagioni, sull’autunno, sull’inverno, sul tempo che scorre inesorabile come il vento e corre, corre ma il tempo è galantuomo “sa dirci sempre la verità”.

La vita di Diego, confortata dai sentimenti più veri per la madre, il padre, “la femena”, le “tose” appare in momenti unici, trascorsi per sempre. Essa è un dono da accettare, da godere nelle sue bellezze come l’acqua limpida e “ciara”, come l’erba verde, beni che non sempre si riesce a capire intensamente, ma che bisogna consapevolmente quasi con spirito oraziano vivere nel momento, perché il destino dell’uomo è sì inconoscibile e misterioso, ma è guidato dal Sovrannaturale.

I canoni classici della poesia sono risolti in un lirismo che supera le molteplici tematiche trattate per risolversi in momenti di profonda emozione, dove ogni immagine è resa con accenti realistici, ma nel tempo stesso sottratta al tempo per divenire esemplare. Questo lo stupefacente incanto delle poesie di Diego.”

“Poeta contadino”, di Diego Stefani è edito da Bertoni Editore.


Fonte notizia: https://www.bertonieditore.com/shop/it/libri/747-il-poeta-contadino.html?search_query=Il+poeta+contadino&results=1


libri | cultura | agricoltura | diego stefani | treviso | montagna | dialetto |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Laure Gauthier: vi presentiamo kaspar di pietra


Intervista di Alessia Mocci ad Ilaria Grasso: vi presentiamo la raccolta Epica Quotidiana


Intervista di Alessia Mocci a Giovanna Fracassi, autrice della silloge Emma. Alle porte della solitudine


“La particella di Dio. Un segreto mai rivelato”, il nuovo romanzo di Matteo Stefani


Intervista di Alessia Mocci a Silvano Trevisani: vi presentiamo “Alda Merini tarantina”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“Storia del nostro nascondino”, il nuovo libro di Michele Capitani

“Storia del nostro nascondino”, il nuovo libro di Michele Capitani
Un romanzo di cambiamento personale, di assenza e solitudini, edito da Bertoni Editore “Storia del nostro nascondino” è la storia drammatica, divertente, strampalata (narrata in prima persona) di Elisabetta, trentacinquenne storica dell’arte, che si trova di fronte alla misteriosa scomparsa del fratello Lorenzo. Cercando tra i tantissimi e un po’ caotici file del computer del fratello, crede di ricostruire qualcosa della vita di lui e della famiglia, ma si troverà presto a dover far (continua)

È arrivata “Doppia X”, la nuova supereroina che a Genova si batte contro la violenza sulle donne, nata dalla penna di Pier Fausto Pon

È arrivata “Doppia X”, la nuova supereroina che a Genova si batte contro la violenza sulle donne, nata dalla penna di Pier Fausto Pon
Claudia è un talentuoso chef, bellissima e disturbata, che fugge dal suo passato e da quella bellezza che la perseguita come una maledizione e ha scatenato negli uomini, a cominciare dal padre, gli istinti più bassi. Il suo fragile equilibrio psichico l’ha portata, fin da ragazza, a nascondersi dentro vestiti larghi, dietro occhiali da sole, per sfuggire alle attenzioni morbose dei maschi.I suoi p (continua)

È uscito il nuovo il libro di Pierluigi Larotonda: Il solito vizio, un thriller poliziesco fuori dal classico schema del commissario eroe

È uscito il nuovo il libro di Pierluigi Larotonda: Il solito vizio, un thriller poliziesco fuori dal classico schema del commissario eroe
Il solito vizio è un noir ambientato in una piovosa e grigia Torino degli anni settanta (febbraio del '75). Un poliziesco, o meglio un thriller, in quanto in questo romanzo non c'è alcun commissario ligio al dovere bensì sbirri corrotti; in particolare l'agente della mobile G. Benevento che dal clan dei Catanesi ha sempre preso soldi ed ottenuto favori per chiudere gli occhi sulle bische clandestine. Una descrizione minuziosa della città e del contesto storico, rende questo noir avvincente sin dalle pri (continua)

“Viole e Violenze”, il nuovo libro di poesie dell’autore Riccardo Fusco

“Viole e Violenze”, il nuovo libro di poesie dell’autore Riccardo Fusco
PERUGIA, 15 APRILE 2021 - Quando già pensi che il titolo di una raccolta di poesia ti abbia intrigato, allora vuol dire che l’autore sa stanare la parte emotiva che è dentro di te e sa bene come mettere alla luce del sole tutti i tuoi pensieri. Qui Riccardo Fusco esce allo scoperto molto di più che nel suo libro di esordio e non ha timore di fermarsi su poche parole per colpire, per dire quello ch (continua)

“World Poetry Day”: rifiorire con la poesia

“World Poetry Day”: rifiorire con la poesia
Per la giornata internazionale della poesia, un incontro online per celebrarla all’insegna della condivisione e della multiculturalità anche in tempo di pandemia PERUGIA, 20 MARZO 2021 - Si terrà domani, 21 marzo 2021, la Giornata Mondiale della Poesia, “World Poetry Day”, una celebrazione istituita nel 1999 dalla Conferenza Generale UNESCO. Una giornata, quella del 21 marzo, che segna anche l’arrivo della Primavera. E quale occasione migliore per accompagnare il risveglio della natura, se non con una buona lettura?Frutto della collaborazione tra F.U.I.S. (continua)