Home > Altro > Carta termica: come scegliere quella giusta

Carta termica: come scegliere quella giusta

scritto da: Claudia Marchi | segnala un abuso


La scelta della carta termica giusta per le tue necessità di stampa è molto importante. La maggior parte dei documenti sembra perfetto quando esce dalla stampante, ma il vero test è come resisteranno durante la loro durata prevista.


Prima di scegliere una carta anziché un'altra, è necessario esaminare una serie di variabili. Per esempio, qual è la potenziale esposizione a calore o umidità estremi del documento? Quali requisiti di durabilità deve avere la carta? Qual è la durata prevista del documento stampato sulla carta termica? Una valutazione attenta di queste caratteristiche aiuterà a optare per il tipo di carta giusta e ottenere, così, documenti intatti e leggibili per tutta la loro vita utile.

Calore

Se l'esposizione al calore estremo è un problema, scegliere un materiale resistente al calore è un obbligo. I documenti lasciati nei veicoli, per esempio, dove le temperature possono raggiungere temperature assai elevate, soprattutto in estate, possono diventare neri e illeggibili, a causa della reazione delle sostanze chimiche presenti nella carta. Per evitare questo problema, alcuni materiali termici sono formulati per resistere a temperature più elevate.

Umidità

Se il documento su carta termica è soggetto a umidità, perché esposto alle intemperie o conservato in un'area umida, una carta con ulteriore resistenza all'umidità, o un rivestimento in materiale sintetico, proteggerà il documento dal degradarsi ed eviterà che lo stesso possa diventare illeggibile.

Spessore (durata)

È ovvio che i materiali più spessi sono destinati a durare di più rispetto a un foglio di carta più sottile. In più, occorre considerare che lo spessore della carta contribuisce a far percepire all'acquirente il materiale come se fosse di qualità superiore. Il rovescio della medaglia? Di solito, più il materiale è spesso e minore è la lunghezza del rotolo; il che si traduce con meno documenti da poter stampare, prima di dover sostituire il rotolo.

Archiviabilità (durata di vita prevista del documento)

Con questo termine si intende la possibilità di vita di un documento, se lo stesso è destinato a essere conservato a lungo. Questi documenti, quindi, devono avere una buona protezione contro il calore, l'umidità, i raggi solari e altri fattori ambientali. Pertanto, se i documenti che stampi devono essere archiviati, assicurati di usare un tipo di carta che possa soddisfare in pieno questa esigenza.

Finitura

Tutte le carte termiche hanno una mano di fondo e una mano termica, ma non tutte hanno una mano di finitura. Il cosiddetto "topcoat", ossia lo strato più superficiale presenti in alcuni rotoli di carta termica, assicura un livello di protezione extra contro l'esposizione dei documenti a vari fattori ambientali. Al contrario, i supporti di carta non rivestiti sono idonei per usi ove la durata della stampa non è un fattore determinante per la validità del documento nel tempo.

Per concludere

Da questa breve guida, avrai capito che non tutta la carta termica è uguale. In commercio, puoi trovare rotoli di carta termica per ogni uso, di ogni dimensione e di qualità differenti. La scelta del tipo di carta giusta dipende dall'uso che ne vuoi fare.

Cerchi un'azienda specializzata nella produzione e vendita di rotoli termici? Errebi è un'impresa bergamasca attiva da più di 40 anni nel settore. Con una produzione media giornaliera di 150 mila rotoli, è il punto di riferimento per chiunque abbia bisogno di acquistare rotoli di carta termica all'ingrosso. Per maggiori informazioni, visita il sito www.errebi-srl.it.


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Perché la carta termica sta sostituendo la carta comune per la stampa di scontrini e ricevute


I Migliori Tipi Di Carta Da Parati In Stile Inglese, Assolutamente Da Non Perdere


CMP presenta la sua Heritage Ski Capsule ispirata a Mondrian


Cos'è la stampa termica


Carta Da Parati Moderna, Ecco Dove È Bello Installarla


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Packaging sostenibile: la svolta sostenibile della logistica

Packaging sostenibile: la svolta sostenibile della logistica
Il packaging dei domani Importanti passi in avanti sono stati fatti nel campo della logistica per imprimere una svolta sostenibile. Una delle prime modifiche adottate riguarda l’impiego di packaging di nuova generazione fatti con materiali più sottili e resistenti. Importante è tenere a mente che ridurre la quantità di materiale impiegata per la costruzione del packaging non significa ridur (continua)

5 modi intelligenti per risparmiare sulla bolletta energetica del tuo condominio

I costi dell'elettricità sono uno degli incubi più frequenti per ogni famiglia. Spesso dimentichiamo che sono le nostre azioni (o la loro mancanza) che determinano, almeno in parte, l'importo finale della bolletta.Abbiamo tutti sentito parlare dei consueti consigli per evitare un uso eccessivo dell'elettricità. "Spegni le luci quando non sei nella stanza", "Non andare a dormire con la TV acces (continua)

Dichiarazione di Conformità MOCA: cos'è e chi deve farla

Dichiarazione di Conformità MOCA: cos'è e chi deve farla
La Dichiarazione di Conformità MOCA (Materiali e Oggetti a Contatto con Alimenti) è una certificazione che garantisce il rispetto di determinati requisiti in tema di igiene alimentare. I materiali e gli oggetti che richiedono la certificazione MOCA sono davvero molti e appartenenti a diverse categorie. Le attività soggette a rilasciare la Dichiarazione di Conformità MOCA sono di (continua)

Perché la carta termica sta sostituendo la carta comune per la stampa di scontrini e ricevute

Quando si tratta di eseguire pagamenti con carte di credito o bancomat, il venditore deve disporre di uno o più terminali di pagamento, noti come POS (Point of Sale). Questi strumenti sono equipaggiati con una stampante termica, attraverso cui è possibile emettere, in tempi molto rapidi, una copia della ricevuta che attesti l'avvenuta transazione. In situazioni simili, sarebbe impensabile u (continua)

Chi è e cosa fa un gestore di immobili

Il gestore di proprietà immobiliari? Può essere un solo professionista o una società. Oltre a doversi assumere tante responsabilità, deve avere competenze solide in più materie. Vediamo meglio perché... Un gestore di proprietà immobiliari è un professionista o una società assunto per supervisionare le operazioni quotidiane di una qualunque unità immobiliare. Sempre più spesso, proprietari di immobili e investitori immobiliari assumono gestori di proprietà quando non sono disposti, o non sono in grado di, gestire le proprietà in autonomia. Quindi, il gestore della proprietà immobiliare a (continua)