Home > Sviluppo sostenibile > Energia solare dal pollaio: Sun Contracting allaccia alla rete due impianti da 1,3 MWp

Energia solare dal pollaio: Sun Contracting allaccia alla rete due impianti da 1,3 MWp

scritto da: Sun Contracting AG | segnala un abuso

Energia solare dal pollaio: Sun Contracting allaccia alla rete due impianti da 1,3 MWp

Due aziende per l’allevamento avicolo in Sassonia-Anhalt hanno deciso di mettere a disposizione i loro tetti per la produzione di energia solare pulita. A breve Sun Contracting AG potrà allacciare alla rete questi due impianti con una capacità fotovoltaica di 1,3 MWp, che permetterà di rifornire 248 abitazioni con elettricità CO2 neutrale.


Questi due impianti, a soli 30 km l’uno dall’altro, si compongono di 1.948 moduli fotovoltaici quello di Arnstein e di 1.818 quello di Staßfurt. Sun Contracting gestirà una produzione di energia di oltre 1,2 milioni di kWh, quantità che, calcolata su una base media di consumo domestico tedesco di 5.000 kWh, corrisponde a una fornitura di 248 abitazioni. Si dà così certamente un importante contributo alla svolta energetica, ma si permette anche alle zone circostanti di usufruire di energia verde.

 

Il Contracting fotovoltaico per sfruttare risorse disponibili

Tramite la gestione in Contracting di entrambi i progetti fotovoltaici in Sassonia-Anhalt, Sun Contracting garantisce lo sfruttamento ottimale di risorse già disponibili. Le strutture adibite all’allevamento dei polli avevano dei tetti spaziosi e completamente liberi, quindi perfettamente idonei ad un loro riadattamento per la produzione di elettricità dal sole. Senza alcuna ulteriore impermeabilizzazione di superfici, è stato così possibile utilizzare queste superfici già esistenti al meglio, per l’installazione di impianti fotovoltaici.

 

Cosa fa meglio il Contracting?

Il Contracting fotovoltaico, secondo il modello commerciale di Sun Contracting AG, ha l’obiettivo di progettare l’impianto fotovoltaico per garantire il miglior utilizzo possibile delle superfici a disposizione. Diversamente da quanto avviene per i normali impianti fotovoltaici, non si punta ad un dimensionamento solo sulla base di quanta energia effettivamente venga autoconsumata direttamente. L’energia prodotta tramite Contracting, infatti, viene interamente immessa nella rete e provvede quindi a generare dei rendimenti pianificabili e duraturi, grazie a tariffe di immissione. Inoltre, il proprietario del tetto o del terreno ne trae profitto, grazie all’ottenimento di un affitto mensile per la superficie messa a disposizione per la costruzione dell’impianto.

 

Ritratto aziendale

Il gruppo di aziende Sun Contracting AG è attivo nel settore fotovoltaico dalla sua fondazione nel 2010 e ha avuto particolare successo con il suo Contracting fotovoltaico. Con attualmente una capacità fotovoltaica totale di 78 MWp distribuita in tre Paesi, il gruppo è ben posizionato nella regione di lingua tedesca. Alla fine del 2020, il gruppo si è espanso anche nel mercato fotovoltaico sloveno, dove per il momento gestisce due impianti fotovoltaici. Questi vanno ad aggiungersi al portafoglio progetti, creando un totale di 258 progetti gestiti in Contracting. Il gruppo, accanto alla costruzione e gestione di impianti fotovoltaici e relativa assistenza e manutenzione, si occupa anche di investimenti sostenibili. Oltre a un prestito subordinato esclusivamente per gli investitori austriaci, ha emesso anche quattro obbligazioni. Il Sun Contracting Registered EURO Bond 2020, il Sun Contracting Registered CHF Bond 2020, il Sun Contracting Registered Junior Bond 2020 e il Sun Contracting Bearer Bond 2020 sono disponibili per la sottoscrizione online direttamente dall’emittente fino al terzo trimestre del 2021.


Fonte notizia: https://www.sun-contracting.com/it/senza-categoria/energia-solare-dal-pollaio-sun-contracting-allaccia-alla-rete-due-impianti-da-13-mwp/29802/


Energia | fotovoltaico | contracting fotovoltaico | energia solare | fonti rinnovabili | energia solare | impianto contracting | fotovoltaico su tetto | sun contracting | ecologico | sostenibile | energia verde |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Non c’è paragone: le energie fossili sono 40 volte più inquinanti delle rinnovabili


Sun Contracting in agitazione per il “fit for 55”: sarà una rampa di lancio per il prezzo del CO2?


Un distributore di benzina e di elettricità ecologica? Sun Contracting lo rende possibile


Il fotovoltaico dà buoni frutti: la perfetta sintonia tra coltivazione di frutti di bosco e produzione di energia fotovoltaica


Il conto alla rovescia per la svolta energetica è iniziato, ma le emissioni di CO2 aumentano: Sun Contracting entra in azione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sun Contracting in agitazione per il “fit for 55”: sarà una rampa di lancio per il prezzo del CO2?

Sun Contracting in agitazione per il “fit for 55”: sarà una rampa di lancio per il prezzo del CO2?
Finalmente, all’inizio della primavera, le riflessioni che da diverso tempo giravano attorno all’argomento si sono concretizzate. Per poter raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050 è necessario alzare il livello della prima tappa delle riduzioni di gas serra al 55% entro il 2030. Il pacchetto europeo di leggi sull’energia e sul clima denominato “fit for 55” ha lo scopo di aiutare la realizzazione di questo progetto. Dopo che, in aprile, la Commissione europea ha deciso l’inasprimento delle misure di protezione climatica, mancava solo l’atteso aumento del prezzo del carbonio. Da diverso tempo si parlava dell’innalzamento degli obiettivi e il sistema ETS aveva già fatto salire il prezzo di CO2 da mesi, anche se a piccoli passi, ma costantemente. Le conseguenze attese sui prezzi del CO2 Secondo l’age (continua)

Il conto alla rovescia per la svolta energetica è iniziato, ma le emissioni di CO2 aumentano: Sun Contracting entra in azione

Il conto alla rovescia per la svolta energetica è iniziato, ma le emissioni di CO2 aumentano: Sun Contracting entra in azione
Le emissioni mondiali di CO2 sono aumentate dell’11% tra il 2010 e il 2018. Questo è quanto riporta uno studio condotto dall’istituto berlinese di ricerca sul clima, Mercator Research Institute on Global Commons and Climate Change (MCC) con un team di rinomati ricercatori provenienti da tutti i sei continenti. Il tempo stringe ed è ora arrivato il momento di mettere davvero in moto la transizione energetica di cui tanto si parla. La gran parte delle emissioni a livello mondiale si spartisce tra i settori della mobilità, delle spedizioni merci, del consumo di carni e delle industrie. Anche la produzione di elettricità da carbone rimane ancora uno tra i principali settori di emissioni di gas serra. L’unico caso speciale è quello del settore energetico europeo: tra il 1990 e il 2009, è stato l’unico ambito capace di ridu (continua)

La fine delle fonti fossili di energia si avvicina: i costi delle rinnovabili si abbassano in maniera sempre più significativa

La fine delle fonti fossili di energia si avvicina: i costi delle rinnovabili si abbassano in maniera sempre più significativa
La quota delle energie rinnovabili, i cui costi sono inferiori alle energie fossili più economiche, nel 2020 si è raddoppiata. L’ultimo decennio (2010 – 2020) ha rappresentato un periodo storico importante per l’elettricità verde, che da energia costosa di nicchia è entrata in una competizione testa a testa con i combustibili fossili, grazie ai costi sempre più bassi. I dati recenti dimostrano chiaramente che l’inizio della fine delle fonti di energia non rinnovabile è sempre più imminente. Secondo il rapporto sui costi delle rinnovabili dell’agenzia internazionale per l’energia rinnovabile IRENA, 162 GW, cioè il 62%, della fornitura totale di energia elettrica rinnovabile, sono stati prodotti l’anno scorso a un costo inferiore rispetto all’alternativa fossile più competitiva. Particolarmente emozionante è il fatto che le energie rinnovabili stanno già posizionandosi sotto i cos (continua)

Non c’è paragone: le energie fossili sono 40 volte più inquinanti delle rinnovabili

Non c’è paragone: le energie fossili sono 40 volte più inquinanti delle rinnovabili
Le energie rinnovabili emettono CO2, sia durante la loro produzione che durante la loro installazione. Ciò nonostante, si utilizza prevalentemente l’espressione CO2 neutrale. E non del tutto a torto. Per ogni chilowattora di elettricità prodotta, una centrale a lignite rilascia circa 40 volte più gas serra dannosi per il clima e l’ambiente rispetto a un impianto solare. Nemmeno nelle peggiori condizioni generali pensabili, l’inquinamento dell’ambiente e le emissioni di CO2 provocati dalle energie rinnovabili arrivano ad approssimarsi a quelli generati dalle fonti fossili. La società di consulenza Sphera Solutions e il Fraunhofer Institute for Building Physics (IBP) hanno calcolato l’impatto di sistemi di produzione energetica. Mentre una centrale elettrica a (continua)

Il fotovoltaico dà buoni frutti: la perfetta sintonia tra coltivazione di frutti di bosco e produzione di energia fotovoltaica

Il fotovoltaico dà buoni frutti: la perfetta sintonia tra coltivazione di frutti di bosco e produzione di energia fotovoltaica
L’agro-fotovoltaico è la pacifica coesistenza di due forme importanti della sostenibilità. Per quanto riguarda la biodiversità e la sinergia tra agricoltura e produzione di energia si sa già molto, ma una tesi è del tutto nuova e in sperimentazione: il fotovoltaico si armonizza in maniera eccellente con la coltivazione dei frutti di bosco. L’azienda tedesca BayWa r.e., in collaborazione con l’università olandese Wageningen University & Research, sta osservando cosa succede alle colture di frutti di bosco sopra cui vengono installati dei moduli fotovoltaici. Al posto dei soliti tunnel di plastica, i moduli fotovoltaici vengono utilizzati per proteggere le piante dei frutti da eventi metereologici come grandine, forti piogge (continua)