Home > News > Superbia 28, tutto carbonio per uno scafo proiettato nel futuro

Superbia 28, tutto carbonio per uno scafo proiettato nel futuro

scritto da: Abergamini | segnala un abuso

Superbia 28, tutto carbonio per uno scafo proiettato nel futuro

Prodotto di nicchia, ma dalle grandi potenzialità. Il Superbia 28 è stato varato recentemente e rappresenta la finalizzazione del primo progetto voluto dalla start-up “Occhilupo Yacht&Carbon”, giovane realtà costituita nel 2019 i cui componenti provengono da collaborazioni progettuali con importanti realtà del settore automotive, militare e spaziale.


L’azienda, nata dalla passione per la nautica di Alessandro Occhilupo, si propone di impiegare nel settore nautico i materiali e le tecniche costruttive più avanzate utilizzate nel mondo delle super-car e in ambito aerospaziale.

 
La scommessa non era facile ma il primo obbiettivo è stato raggiunto: mettere in acqua una barca realizzata interamente in fibra di carbonio capace di raggiungere performance da brivido con una potenza relativamente contenuta in relazione alla dimensione dello scafo. Tutto è stato ideato in funzione di massimizzare il rapporto peso/potenza. L’imbarcazione equipaggiata con due motori fuoribordo da 200hp ciascuno raggiunge la ragguardevole velocità di 48 nodi in completa sicurezza. Sono in corso test finalizzati alla scelta delle eliche ideali per incrementare le performances. La velocità di progetto prevista con motorizzazioni più potenti sfiora i 60 nodi.
 
Il design è stato curato da Gianluca Meschino: le linee e le forme, aggressive e al contempo eleganti, sono studiate per esaltare il carattere sportivo dello scafo coniugando comfort e vivibilità a bordo. Lo studio del design ha posto particolare attenzione non solo alle linee d’acqua ma anche all’opera morta poiché sono state adottate soluzioni aerodinamiche sulle murate verso poppavia mutuate dalle prese d’aria delle auto da corsa. La particolare soluzione è funzionale ad aumentare la pressione dell’aria sulla zona poppiera della barca a vantaggio di stabilità ed assetto alle alte velocità.
 
L’approccio progettuale è stato fondamentale poiché, prima della fase di lavorazione, sono state applicate le tecniche avanzate di simulazione tra cui la fluidodinamica numerica e l’analisi strutturale. Questi processi hanno agevolato, sui materiali effettivamente utilizzati, prove di trazione e flessione per testare l’effettivo comportamento dei materiali stessi sotto stress. La laminazione dello scafo e delle sovrastrutture è stata eseguita utilizzando unicamente il carbonio attraverso la tecnica di infusione sottovuoto con resina epossidica. Ciò ha prodotto strutture resistenti e leggere.
 
Superbia 28 è disponibile in tre versioni ed è modellabile a seconda delle esigenze di ogni armatore. E’ possibile scegliere le tinte delle livree esterne (pastello o metallizzate) fino alla definizione degli allestimenti interni ovvero pellami, tessuti, cuscinerie e optional. La personalizzazione rappresenta un vanto per il cantiere che si propone di mettere al servizio del cliente il know-how, la sensibilità e la fantasia del proprio personale affinchè ogni yacht realizzato abbia caratteristiche distintive uniche. In ottica propulsiva, proprio in considerazione del peso ridotto dell’imbarcazione, per i modelli successivi sono allo studio soluzioni “green” che prevedono l’impiego di motori elettrici con alterazioni marginali sulle prestazioni.

nautica | barche | yacht | Superbia | carbonio | Occhilupo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ecco il video del secondo singolo dei Brahaman, “Superbia”


Il legno materiale da costruzione sostenibile per un‘Europa Climate Neutral nel 2050


Ridurre l’impatto ambientale partendo dal printing


Il fumo uccide svapare NO!


RANCRAFT “RD SETTE”: walk-around, open e cabinato in soli 7 metri


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nuovo Heron 38: in carena la vera novità

Nuovo Heron 38: in carena la vera novità
Dopo una lunga fase progettuale e una attenta valutazione anche in fase di costruzione, è sceso in acqua Heron 38, il nuovo modello di Heron Yacht. Rispetto al primogenito del cantiere, ovvero Heron 56, le linee d’acqua sono state ridisegnate per sfruttare appieno le propulsioni fuoribordo di ultima generazione mentre non cambiano le forme dello scafo sopra la linea di galleggiamento a confermare lo stile del brand. In controtendenza con Heron 56 che era caratterizzato da una carena completamente liscia, il nuovo 38’ presenta una novità assoluta a livello tecnico con l’inserimento nell’opera viva dei pattini di sostentamento idrodinamico da mezza nave fino a poppavia per agevolare la planata e sfruttare appieno la potenza dei motori. Non cambia la fisionomia dello scafo sopra la linea di galleggiamen (continua)

Rizzardi sul palcoscenico del Nauticsud

Rizzardi sul palcoscenico del Nauticsud
Dal 9 al 17 Febbraio il cantiere parteciperà ad uno dei saloni nautici storicamente più apprezzati dalla clientela Rizzardi. Dopo la presenza al BOOT, Salone Nautico di Dusseldorf, il cantiere esporrà al Nauticsud il modello 48IN,  barca che si adatta perfettamente agli spostamenti veloci nella splendida costiera partenopea. Lo yacht gode di una silhouette affusola (continua)

Non solo design minimal, Schenker presenta il dissalatore per la nautica ZEN 50

Non solo design minimal, Schenker presenta il dissalatore per la nautica ZEN 50
Schenker amplia la serie dei dissalatori  ZEN con il nuovo “50”. A dispetto del design minimalista dal quale prende spunto la gamma, ZEN 50 copre le esigenze di imbarcazioni con dimensione intorno ai 45-50 piedi in grado di ospitare a bordo equipaggi formati solitamente da 5-6 componenti.  ZEN 50 ricalca perfettamente i punti di forza del modello più piccolo ovvero mi (continua)

RIZZARDI 48’ IN, lo sport-coupè realizzato a misura di armatore

RIZZARDI 48’ IN, lo sport-coupè realizzato a misura di armatore
Rizzardi presenta una versione inedita del 48IN proseguendo la filosofia del brand, sinonimo da sempre di sportività e raffinatezza. Uno sport coupè che fonde impatto estetico e tecnologia puntando sul sodalizio ideale tra carena, trasmissioni di superficie e motorizzazione.  La filosofia di produzione tracciata dal cantiere è quella della gamma “yachts custom&rdqu (continua)

I sistemi di copertura OPAC, combinazione di tecnologia e design, esposti al Metstrade di Amsterdam,

I sistemi di copertura OPAC, combinazione di tecnologia e design, esposti al Metstrade di Amsterdam,
Ad Amsterdam, l’azienda torinese ha esposto il meglio della sua produzione: un tetto lamellare in alluminio retraibile per i ponti superiori degli yacht e una movimentazione che permette di recuperare altezza in coperta. Si tratta di soluzioni progettate e realizzate completamente all’interno della società.  Grande interesse hanno riscosso ad Amsterdam i prodotti dell&rsqu (continua)