Home > Lavoro e Formazione > Payper e il nuovo magazzino automatico

Payper e il nuovo magazzino automatico

scritto da: Claudia Marchi | segnala un abuso

Payper e il nuovo magazzino automatico


 Payper è un marchio che evoca libertà, voglia di esplorare il mondo. Il suo obiettivo è far vivere la passione e incarnare nei prodotti uno stile di vita, rivolgendosi a tutte quelle le generazioni che vogliono vivere con piacere la quotidianità, dal lavoro al viaggio. Payper è un marchio di abbigliamento prettamente casual, sportivo, promozionale e per il tempo libero. A fianco di questa linea, è stata parallelamente sviluppata una linea dedicata all’abbigliamento da lavoro.

 

L’azienda IndustrialWear, che ha pensato e sviluppato il brand Payper, ha optato per un investimento in logistica, implementando un magazzino automatico per colli a ripiani per 154.000 locazioni. L’esigenza di stoccaggio interessa cartoni e casse con diverse dimensioni, con profondità che vanno da 350 a 800 mm e altezze che spaziano da 220 a 420 mm, per un peso di 30 kg cadauna. Il magazzino è realizzato a 16 corsie, per 12 livelli di carico.

 

La particolarità dell’impianto sono i piani realizzati attraverso un sistema di tegole alternate vuoto-pieno al 50%, ottenendo buonissimi risultati in termini di risparmio economico e performance: risparmio sul peso proprio della struttura e diminuzione dei costi dell’impianto antincendio, dato che il sistema vuoto-pieno consente un ottimo percolamento. A completare l’impianto anche due sistemi di soppalco, per un totale di circa 600 metri quadri di superficie.

magazzino | magazzino automatico | automazione pallet |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Logistica e magazzino: come mettere ordine al magazzino


La profonda trasformazione del magazzino


Vendere online senza magazzino: 4 modi che funzionano


Cos’è il magazzino automatico e perché bisogna averlo


DAL PROSECCO A TRUCKPOOLING, COSI’ LOGISTIC NET SFIDA I GIGANTI DELL’E-COMMERCE


Conoscere la capacità produttiva di magazzino anche in assenza di risorse umane. Possibile con un WMS


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Analisi elementare: focus su uno dei capisaldi della chimica analitica

Analisi elementare: focus su uno dei capisaldi della chimica analitica
L’analisi elementare è una delle attività cardine dei laboratori di chimica. Uno dei suoi scopi è la determinazione della formula minima di un composto. Vediamo insieme alcuni passaggi fondamentali Analisi elementare: facciamo chiarezza In chimica analitica si definisce “analisi elementare” quell’analisi che permette di definire quali composti organici si uniscono per formare una sostanza o un materiale. La presenza di un determinato composto all’interno della sostanza o materiale viene espresso in formato percentuale. Esistono due tipologie di analisi elementare. La prima, di (continua)

Acciai antiusura: facciamo il punto

Acciai antiusura: usi e impieghi Le lamiere di acciaio antiusura e ad alta resistenza sono diffuse per la costruzione di parti di macchine e veicoli  a stretto contatto con materiali ad azione abrasiva, come per esempio, i cassoni dei mezzi per la movimentazione di terra, carbone, sabbia, rottami e detriti vari, o le betoniere, frantumatori, le benne delle scavatrici o i trasport (continua)

Totem interattivi: cosa sono e a cosa servono

Non sai cosa sono i totem interattivi? In questo articolo ti spieghiamo a cosa servono questi strumenti, sempre più diffusi e facili da usare. Ti è mai capitato di partecipare a una fiera, o a un altro evento pubblico, e di trovarti davanti a una colonna su cui era incastonato - o agganciato - uno schermo touch screen? Questa è la definizione più elementare di totem multimediale. In sostanza, un totem è un computer destinato all'uso pubblico. Considerato che questi strumenti possono essere usati da chiunque, il software installat (continua)

Rifiuti solidi: il problema (crescente) dello smaltimento

La mole di rifiuti prodotta ogni giorno da imprese e famiglie rischia di condurre il mondo verso una deriva letale. Cosa fare? Siamo sommersi dai rifiuti. Secondo le stime di uno studio pubblicato nel 2017 su Science Advances, entro il 2050 gli oceani potrebbero contenere più plastica che pesci. Oggi, già 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono nei mari e negli oceani di tutto il mondo. Negli ultimi 60 anni, si stima che siano sono state prodotte 8,3 miliardi di tonnellate di plastica. Avanti di questo pas (continua)

Spedizione pacchi: i comparatori prezzi dalla parte dei clienti

Spedizione pacchi: i comparatori prezzi dalla parte dei clienti
Arriva il comparatore europeo La Commissione Europea Pubblica ha recentemente pubblicato il comparatore di prezzi per la spedizione transfrontaliera dei pacchi. Grazie al comparatore, piccole e medie imprese, ma anche cittadini privati, potranno così conoscere nello specifico i servizi proposti e le alternative messe a disposizione per spedire un pacco in un altro stato europeo.All'interno de (continua)