Home > Primo Piano > Marco Carra: in treno per non dimenticare

Marco Carra: in treno per non dimenticare

scritto da: Marco Carra | segnala un abuso

Marco Carra: in treno per non dimenticare


Erano tutti invitati, giovedì, su quel treno, a una settimana esatta, per ricordare la tragedia e per farsi sentire: i cittadini, i sindaci, i candidati alla presidenza della regione e tutte le forze politiche del territorio. Il comitato pendolari di Crema ha organizzato per la giornata del primo febbraio un viaggio proprio su quella linea, la Cremona - Treviglio - Milano, dove una settimana prima tre persone avevano perso la vita. "Ci piacerebbe che, anche solo per un paio di fermate, foste con noi per non rendere invisibile e muta l'immensa tragedia ferroviaria di Pioltello" si legge sul volantino che ha fatto il giro del mondo, mediatico e non. Un viaggio della memoria e della consapevolezza, per ricordare e raccontare i problemi quotidiani dei pendolari che oggi si ritrovano a fare i conti anche con la sicurezza. In tanti hanno risposto all'appello: altri comitati dei pendolari, moltissimi sindaci della zona, ma anche rappresentanti dell'amministrazione comunale di Cremona, tre candidati alla presidenza, una breve apparizione dell'assessore Sorte e numerosi cittadini. Tanta commozione, numerose testimonianze e un messaggio forte e chiaro: non si deve abbassare la guardia sulla manutenzione, servono più investimenti, il minimo sindacale per rendere dignitosi e sicuri gli spostamenti di 740 mila cittadini lombardi utenti del servizio ferroviario regionale. Per un giorno, per una settimana, i riflettori hanno illuminato un pezzo di vita dei lombardi che troppo a lungo è rimasto nell'ombra. Non si devono spegnere più.

trenord | pioltello | treni | marco carra |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cibi lenti per lenti paesaggi visti dal "Treno Natura"


Marco Carra:crisi latte si supera con unità


Marco Carra:no alle discariche nella zona di ricarica degli acquiferi profondi


Avv. Marco Carra: tra poco in estinzione saranno gli agricoltori lombardi


Donato Carra e Patrizia D'Addario insieme per il nuovo format tv: " Occhio allo Chef "


Lo sport aggrega e avvicina persone e culture


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Avv. Marco Carra: sì al salario minimo

Avv. Marco Carra: sì al salario minimo
Dobbiamo ritornare a mettere il lavoro e la dignità dei lavoratori al centro dell’agenda politica, anche perché come dice l’art. 1 della Costituzione, siamo una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Uno dei modi per farlo è certamente l’istituzione del salario minimo, ma non , a mio avviso, con una cifra prestabilita per legge (c’è infatti la proposta di 9 euro lordi l’ora). Se, finora, non (continua)

Avv. Marco Carra: le donne e il lavoro

Avv. Marco Carra: le donne e il lavoro
Le donne nel mercato del lavoro italiano rappresentano una storia di disuguaglianze. E’ vero che Il tasso di occupazione femminile italiano è aumentato negli ultimi anni, toccando il 48,8 per cento, ma media europea è però del 60 per cento. I dati sul lavoro delle donne in Italia indicano inoltre che esiste una disparità tra uomini e donne, come dimostra plasticamente il fatto che la diminuzion (continua)

Avv. Marco Carra: subito il taglio del cuneo fiscale

Avv. Marco Carra: subito il taglio del cuneo fiscale
La priorità il lavoro, che risulta da tutti i sondaggi la prima e più grande preoccupazione degli italiani. La principale misura da introdurre subito è il taglio del cuneo fiscale, che è, in sostanza, la differenza tra lo stipendio lordo versato dal datore di lavoro e la busta paga netta incassata dai dipendenti. Dall’ultimo rapporto Istat risulta che la retribuzione netta che resta a disposizion (continua)

Avv. Marco Carra: disabile licenziata per aggravamento malattia

Avv. Marco Carra: disabile licenziata per aggravamento malattia
Una donna, dipendente di Eurospin Tirrenica a Vinci, invalida, assunta come categoria protetta e con un figlio, è stata licenziata. Motivo: in seguito all’aggravamento della sua patologia (patologia in base alla quale era stata assunta come categoria protetta), la lavoratrice ha superato il limite di sei mesi di malattia (previsti dal Contratto) in quanto stava effettuando terapie salva vita. A (continua)

Marco Carra: scompare ben 1 milione di bambini ogni anno in Europa

Marco Carra: scompare ben 1 milione di bambini ogni anno in Europa
Scompaiono perché minori, stranieri e non accompagnati, senza genitori, documenti e protezione. Solo una piccola percentuale viene ritrovata: in Italia la media è di un bambino scomparso ogni sette giorni, solo il 18 per cento torna a casa. A volte scompaiono perché sottratti da un genitore, altre perché in fuga dal luogo in cui vivono. In alcuni casi scompaiono perché intercettati e rapiti in un (continua)