Home > Lavoro e Formazione > Compressori aria: come rimuovere la condensa

Compressori aria: come rimuovere la condensa

scritto da: Claudiamarchi | segnala un abuso

Compressori aria: come rimuovere la condensa


 

Se hai avuto a che fare con un compressore Atlas Copco, sei consapevole di come non ci sia modo di evitare la formazione di condensa, un liquido formato dal vapore d'aria il cui accumulo può causare seri problemi come malfunzionamenti delle apparecchiature, tempi di inattività e inefficienze operative. Ecco perché la rimozione della condensa è fondamentale per la fornitura di aria secca e il funzionamento ottimale delle macchine.

 

Prima di capire come rimuovere la condensa dall'aria compressa, è importante capire la condensa stessa: in che modo e dove si forma.

 

La condensa si forma in seguito ad un aumento di pressione e/o ad un calo di temperatura

-          Si può formare in:

o   Aftercooler

o   Separatore di umidità

o   tubatura

o   Essiccatore ad aria refrigerata

o   filtri

o   Ricevitore d'aria

 

Fase di rimozione condensa 1

Il primo passo nella rimozione della condensa è separarla dal flusso d'aria. La separazione può essere effettuata da un cambiamento di velocità, simile al processo in un separatore meccanico ciclonico o ad impatto, o da un ricevitore d'aria. Un'ulteriore rimozione può essere ottenuta tramite l'uso di filtri a coalescenza. Gli essiccatori d'aria sono anch’essi utilizzati per ridurre il livello di vapore acqueo presente nell'aria compressa.

 

Fase di rimozione condensa 2

Il secondo passo prevede l'utilizzo di uno di queste 3 modalità per drenare automaticamente la condensa senza sprecare preziosa aria compressa:

-          Manuale. Gli operatori possono aprire manualmente le valvole per scaricare la condensa. Poiché questa non è un'opzione automatica, spesso le valvole manuali vengono lasciate aperte per periodi prolungati, consentendo così la fuoriuscita dell'aria compressa.

-          Trappole meccaniche livellate. Queste trappole si aprono quando viene raggiunto un certo livello di condensa e sono di due tipologie: trappole di tipo float e trappole a secchi rovesciati.

o   Le trappole float non sprecano aria quando funzionano correttamente, ma spesso richiedono più manutenzione.

o   Le trappole a secchi rovesciati richiedono meno manutenzione, ma possono sprecare aria compressa se il tasso di condensa è inadeguato per mantenere il livello del liquido nella trappola.

-          Elettrovalvole a comando elettrico. Le valvole di scarico con comando a solenoide hanno un dispositivo di temporizzazione che può essere impostato per l'apertura per un tempo specifico a livelli regolabili preimpostati.

-          Zero trappole per la perdita d'aria con serbatoi. Non viene sprecata aria compressa durante il funzionamento di una trappola a perdita d'aria zero. Il sensore di livello aziona un solenoide elettrico o una valvola a sfera e mantiene il livello di condensa nel serbatoio al di sotto del punto alto.

compressori aria | aria compressa | Atlas Copco |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’inedita collaborazione tra i due musicisti Armando Corsi e Mauro Culotta partirà dal Rodizio del Pian dei Grilli: due grandi anime unite per una serata di musica indimenticabile


Da ROMAUTOMOTIVE troverai una VENDITA COMPRESSORI ROMA molto articolata in grado di soddisfare ogni richiesta.


Vendita compressori a Roma scegli la qualità da Romautomotive


VENDITA COMPRESSORI ROMA A VITE CON TRASMISSIONE A CINGHIA


VENDITA COMPRESSORI DI FACILE MANUTENZIONE E INSTALLAZIONE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Trasporto su strada: i dati del 2018

Trasporto su strada: i dati del 2018
Il "Dossier Trasporto merci su strada" di Anfia offre una fotografia del settore del trasporto su strada in Italia e in Unione EuropeaTrasporto su strada: la situazione nel nostro paeseIn Italia il settore del trasporto su strada ha visto impiegati per il 2018 oltre 330 mila addetti, un dato in calo rispetto agli ultimi anni e influenzato dal basso ricambio dei giovani. Rispetto all’anno preceden (continua)

Piegatura Strenx: cosa fare prima di eseguirla?

SSAB mette a disposizione dei professionisti un’utile guida che elenca alcune semplici regole da seguire prima di effettuare una piegatura Strenx. E tu, sai già tutto? Cosa fare prima della piegatura Strenx Il leader internazionale della siderurgia ha pubblicato una guida approfondita sulle corrette procedure da seguire prima di effettuare la piegatura Strenx. Un utile vademecum che for (continua)

Just in time logistica: quando l’ottimizzazione arriva dalla tecnologia

La logistica e i suoi servizi si stanno sempre più organizzando ed evolvendo anche in seguito all’emergenza sanitaria globale. Per continuare a esistere anche per il futuro, una visione just in time ha bisogno di un contributo sempre più concreto della tecnologia. Vediamo come  Logistica 4.0: quando l’innovazione migliora il processo Per riuscire a rimanere al passo con le innovazioni (continua)

Trasporto transnazionale di rifiuti: uno sguardo alle direttive europee

Negli ultimi anni il trasporto transnazionale di rifiuti ha visto crescere in maniera esponenziale le proprie attività. Una crescita che ha dovuto fin da subito scontrarsi con regolamenti e normative nazionali ed europee allo stesso tempo. Una complessità che non lascia spazio a errori e che richiede la messa in campo di professionalità esperte e competenti.La normativa vigente La normativ (continua)

Acciaio per l’industria alimentare, qual è il più adatto?

Acciaio per l’industria alimentare, qual è il più adatto?
I materiali che vengono a contatto con gli alimenti devono essere accompagnati da una dichiarazione particolare, detta MOCA: sai di cosa si tratta? Il decreto di legge del 12 dicembre 2007, n. 269, specifica quali caratteristiche devono avere i materiali che vengono in contatto con alimenti e bevande. Secondo il decreto, è vietato commercializzare e utilizzare materiali che sono destinati a venire in contatto con gli alimenti che siano in piombo, zinco, stagno o in leghe composte da più del 10% di piombo. L’acciaio inossidabile, invece, (continua)