Home > Lavoro e Formazione > Compressori aria: come rimuovere la condensa

Compressori aria: come rimuovere la condensa

scritto da: Claudia Marchi | segnala un abuso

Compressori aria: come rimuovere la condensa


 

Se hai avuto a che fare con un compressore Atlas Copco, sei consapevole di come non ci sia modo di evitare la formazione di condensa, un liquido formato dal vapore d'aria il cui accumulo può causare seri problemi come malfunzionamenti delle apparecchiature, tempi di inattività e inefficienze operative. Ecco perché la rimozione della condensa è fondamentale per la fornitura di aria secca e il funzionamento ottimale delle macchine.

 

Prima di capire come rimuovere la condensa dall'aria compressa, è importante capire la condensa stessa: in che modo e dove si forma.

 

La condensa si forma in seguito ad un aumento di pressione e/o ad un calo di temperatura

-          Si può formare in:

o   Aftercooler

o   Separatore di umidità

o   tubatura

o   Essiccatore ad aria refrigerata

o   filtri

o   Ricevitore d'aria

 

Fase di rimozione condensa 1

Il primo passo nella rimozione della condensa è separarla dal flusso d'aria. La separazione può essere effettuata da un cambiamento di velocità, simile al processo in un separatore meccanico ciclonico o ad impatto, o da un ricevitore d'aria. Un'ulteriore rimozione può essere ottenuta tramite l'uso di filtri a coalescenza. Gli essiccatori d'aria sono anch’essi utilizzati per ridurre il livello di vapore acqueo presente nell'aria compressa.

 

Fase di rimozione condensa 2

Il secondo passo prevede l'utilizzo di uno di queste 3 modalità per drenare automaticamente la condensa senza sprecare preziosa aria compressa:

-          Manuale. Gli operatori possono aprire manualmente le valvole per scaricare la condensa. Poiché questa non è un'opzione automatica, spesso le valvole manuali vengono lasciate aperte per periodi prolungati, consentendo così la fuoriuscita dell'aria compressa.

-          Trappole meccaniche livellate. Queste trappole si aprono quando viene raggiunto un certo livello di condensa e sono di due tipologie: trappole di tipo float e trappole a secchi rovesciati.

o   Le trappole float non sprecano aria quando funzionano correttamente, ma spesso richiedono più manutenzione.

o   Le trappole a secchi rovesciati richiedono meno manutenzione, ma possono sprecare aria compressa se il tasso di condensa è inadeguato per mantenere il livello del liquido nella trappola.

-          Elettrovalvole a comando elettrico. Le valvole di scarico con comando a solenoide hanno un dispositivo di temporizzazione che può essere impostato per l'apertura per un tempo specifico a livelli regolabili preimpostati.

-          Zero trappole per la perdita d'aria con serbatoi. Non viene sprecata aria compressa durante il funzionamento di una trappola a perdita d'aria zero. Il sensore di livello aziona un solenoide elettrico o una valvola a sfera e mantiene il livello di condensa nel serbatoio al di sotto del punto alto.

compressori aria | aria compressa | Atlas Copco |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’inedita collaborazione tra i due musicisti Armando Corsi e Mauro Culotta partirà dal Rodizio del Pian dei Grilli: due grandi anime unite per una serata di musica indimenticabile


Da ROMAUTOMOTIVE troverai una VENDITA COMPRESSORI ROMA molto articolata in grado di soddisfare ogni richiesta.


Vendita compressori a Roma scegli la qualità da Romautomotive


VENDITA COMPRESSORI ROMA A VITE CON TRASMISSIONE A CINGHIA


VENDITA COMPRESSORI DI FACILE MANUTENZIONE E INSTALLAZIONE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Ossitaglio: cosa devi sapere

Ossitaglio: cosa devi sapere
Cos’è l’ossitaglio Le tecniche più comuni nell’ambito della lavorazione industriale delle lamiere sono tre: ossitaglio, taglio al plasma e taglio al laser. Ecco perché quando parliamo di ossitaglio in associazione alle lamiere lo facciamo riferendoci a una tecnica di taglio particolare, che si distingue dalle altre per la possibilità di ottenere spigoli vivi e non arrotondati . Per compre (continua)

Densimetro digitale: cos’è e come usarlo correttamente?

Densimetro digitale: di cosa parliamo? Come suggerisce il nome, il densimetro digitale utilizzato in gran parte dei laboratori è lo strumento cardine per determinare la densità e con essa la purezza e concentrazione di un campione e la sua composizione. Determinare la densità dei campioni è fondamentale in determinati settori per garantire la qualità tanto delle materie prime quanto dei pro (continua)

Edilizia e salute: la risposta vincente del Giardino delle Gemme, progetto green di Montanari Costruzioni

Edilizia e salute: la risposta vincente del Giardino delle Gemme, progetto green di Montanari Costruzioni
IL PROBLEMAPochi ne parlano, ma gli esperti stanno analizzando il problema dell’inquinamento indoor da molto tempo ed oggi, in tempo di pandemia, le rilevazioni scientifiche effettuate confermano che un ricambio frequente negli ambienti chiusi (abitazioni, scuole, uffici) aiuta a limitare le concentrazioni di inquinanti e di contagi da Covid-19.Con la pandemia, ancora così presente nella nostra vi (continua)

Trasporti internazionali: cosa cambia con l’ultimo DPCM

Con il nuovo DPCM cambiano le regole di ingresso e uscita dal nostro Paese per tutti gli addetti del settore dei trasporti internazionali. Non uno stop generale del settore Quello di cui stiamo parlando non è però un blocco completo al settore. I trasporti internazionali rimangono in essere e non si sono mai fermati. Quello che cambia con l’ultimo Decreto in materia di corona virus sono alc (continua)

Cos'è la stampa termica

A differenza delle stampanti a getto d'inchiostro, le stampanti termiche non emettono inchiostro liquido attraverso un ugello. Al contrario, le stampanti termiche usano piccoli elementi riscaldanti per attivare e trasferire i pigmenti sul supporto di carta.In generale, le stampanti termiche sono utilizzate per creare etichette, codici a barre, scontrini e ricevute fiscali. Le stampanti term (continua)