Home > Lavoro e Formazione > Compressori aria: come rimuovere la condensa

Compressori aria: come rimuovere la condensa

articolo pubblicato da: claudiamarchi | segnala un abuso

Compressori aria: come rimuovere la condensa

 

Se hai avuto a che fare con un compressore Atlas Copco, sei consapevole di come non ci sia modo di evitare la formazione di condensa, un liquido formato dal vapore d'aria il cui accumulo può causare seri problemi come malfunzionamenti delle apparecchiature, tempi di inattività e inefficienze operative. Ecco perché la rimozione della condensa è fondamentale per la fornitura di aria secca e il funzionamento ottimale delle macchine.

 

Prima di capire come rimuovere la condensa dall'aria compressa, è importante capire la condensa stessa: in che modo e dove si forma.

 

La condensa si forma in seguito ad un aumento di pressione e/o ad un calo di temperatura

-          Si può formare in:

o   Aftercooler

o   Separatore di umidità

o   tubatura

o   Essiccatore ad aria refrigerata

o   filtri

o   Ricevitore d'aria

 

Fase di rimozione condensa 1

Il primo passo nella rimozione della condensa è separarla dal flusso d'aria. La separazione può essere effettuata da un cambiamento di velocità, simile al processo in un separatore meccanico ciclonico o ad impatto, o da un ricevitore d'aria. Un'ulteriore rimozione può essere ottenuta tramite l'uso di filtri a coalescenza. Gli essiccatori d'aria sono anch’essi utilizzati per ridurre il livello di vapore acqueo presente nell'aria compressa.

 

Fase di rimozione condensa 2

Il secondo passo prevede l'utilizzo di uno di queste 3 modalità per drenare automaticamente la condensa senza sprecare preziosa aria compressa:

-          Manuale. Gli operatori possono aprire manualmente le valvole per scaricare la condensa. Poiché questa non è un'opzione automatica, spesso le valvole manuali vengono lasciate aperte per periodi prolungati, consentendo così la fuoriuscita dell'aria compressa.

-          Trappole meccaniche livellate. Queste trappole si aprono quando viene raggiunto un certo livello di condensa e sono di due tipologie: trappole di tipo float e trappole a secchi rovesciati.

o   Le trappole float non sprecano aria quando funzionano correttamente, ma spesso richiedono più manutenzione.

o   Le trappole a secchi rovesciati richiedono meno manutenzione, ma possono sprecare aria compressa se il tasso di condensa è inadeguato per mantenere il livello del liquido nella trappola.

-          Elettrovalvole a comando elettrico. Le valvole di scarico con comando a solenoide hanno un dispositivo di temporizzazione che può essere impostato per l'apertura per un tempo specifico a livelli regolabili preimpostati.

-          Zero trappole per la perdita d'aria con serbatoi. Non viene sprecata aria compressa durante il funzionamento di una trappola a perdita d'aria zero. Il sensore di livello aziona un solenoide elettrico o una valvola a sfera e mantiene il livello di condensa nel serbatoio al di sotto del punto alto.

compressori aria | aria compressa | Atlas Copco |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’inedita collaborazione tra i due musicisti Armando Corsi e Mauro Culotta partirà dal Rodizio del Pian dei Grilli: due grandi anime unite per una serata di musica indimenticabile


Da ROMAUTOMOTIVE troverai una VENDITA COMPRESSORI ROMA molto articolata in grado di soddisfare ogni richiesta.


Vendita compressori a Roma scegli la qualità da Romautomotive


VENDITA COMPRESSORI ROMA A VITE CON TRASMISSIONE A CINGHIA


VENDITA COMPRESSORI DI FACILE MANUTENZIONE E INSTALLAZIONE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Servizio trasporti internazionali: nuove regole a livello europeo

Servizio trasporti internazionali: nuove regole a livello europeo
  Nuove regole a livello europeo inizieranno a interessare i trasporti internazionali. Dopo due anni di stagnazione il documento sulla mopbilità è stato accettato da tutti gli attori in gioco. Commissione, Consiglio e Parlamento europeo hanno finalmente un accordo. Ma quali sono le novità in termini di tachigrafo digitale?   Tachigrafo digitale: ora obbligatorio (continua)

Interphone Cellularline: offerta imperdibile per Natale!

Interphone Cellularline: offerta imperdibile per Natale!
  L’occasione giusta per acquistare l’interfono per moto che hai sempre sognato! Dal 13 al 31 dicembre Interphone propone sul suo sito web una promozione natalizia da non perdere: acquistando alcuni modelli di interfoni (singoli o in coppia) si avrà in omaggio un accessorio! Vediamo l’offerta nel dettaglio: ·         A (continua)

Sistemi di aspirazione per cucine professionali

Sistemi di aspirazione per cucine professionali
  Nelle cucine professionali di ristoranti, mense e pizzerie è necessario inserire dei sistemi di aspirazione che mantengano l’aria pulita e l’ambiente confortevole. Ma quali sono i sistemi di aspirazione per le cucine professionali? Ne esistono molti in commercio, ma possono essere divisi in due categorie: le cappe e gli aspiratori professionali. Ovviamente, i modelli e (continua)

L’illuminazione giardino – Cornice luminosa per abbinare funzionalità e decoro

L’illuminazione giardino – Cornice luminosa per abbinare funzionalità e decoro
 L’illuminazione dei parchi e dei giardini ha la funzione di esaltare e valorizzare con la luce gli elementi naturali e l’arredo giardino, offrendo punti luce funzionali ed al contempo decorativi     Se ricerchi sempre un tocco di design e l’estetica è per te essenziale per dare un accento di eleganza e personalità, l’illuminazione del giardi (continua)

Autotrasporti: arrivano gli incentivi per rinnovare la flotta

Autotrasporti: arrivano gli incentivi per rinnovare la flotta
Gli autotrasportatori hanno di che gioire in questi ultimi giorni del 2019. Il decreto fiscale 2020 che fa riferimento alla legge di bilancio prevede infatti la possibilità di spendere fino a 20 mila euro per il rinnovo della propria flotta aziendale. Obiettivi del decreto sono la riduzione degli incidenti e degli impatti negativi sul clima. Avrà infatti priorità l’acqui (continua)