Home > Cibo e Alimentazione > Food Supply Chain Management: il ruolo del consulente aziendale

Food Supply Chain Management: il ruolo del consulente aziendale

scritto da: Claudiamarchi | segnala un abuso

Food Supply Chain Management: il ruolo del consulente aziendale


 

Si parla poco di Food Supply Chain Management e del ruolo che il consulente aziendale svolge nell’ottimizzazione delle attività aziendali: il suo ruolo è, invece, importantissimo e strategico.

 

La catena di approvvigionamento alimentare è composta da una serie di attività interdipendenti, che portano i prodotti dalle fattorie fino ai piatti dei consumatori, e che abbraccia un'ampia gamma di discipline.

Il Food Supply Chain Management riunisce la più importante di queste discipline e mira sia a fornire una comprensione esaustiva della catena, che a sostenere coloro che gestiscono parti della catena e a migliorare lo sviluppo delle attività di ricerca nella disciplina.

La gestione della filiera alimentare segue una struttura che per semplificazione potremmo chiamare “dalla fattoria alla tavola”. Il consulente aziendale interpellato dall’azienda che si occupa di logistica alimentare o di ristorazione veloce deve avere conoscenze che spaziano dalla produzione agricola a quella alimentare, dal commercio all’ingrosso all’approvvigionamento dei supermercati, dalla temperatura controllata alla logistica.

La catena di approvvigionamento alimentare è profondamente interconnessa alla salute umana, alla salute dell’ambiente, alla società e all’economia. Le decisioni, quindi, hanno impatti ben oltre tale catena. Per garantire che i benefici di una decisione superino i rischi relativi al food system, le decisioni prese dai produttori devono tenere in considerazione l’intera gamma di potenziali effetti sulla salute, sull’ambiente, sulla società, sull’economia.

Decisioni sulle politiche e le pratiche alimentari, quindi, possono avere impatti sia positivi che negativi. Per giungere a una decisione in cui i vantaggi superino i rischi, i responsabili delle decisioni devono considerare attentamente un’ampia gamma di effetti e interazioni in ambito sanitario, ambientale, sociale ed economico.

Per questo è bene affidarsi a consulenti veramente esperti in ambito di food supply chain, dei veri e propri manager della catena di approvvigionamento che, grazie all’esperienza e alle capacità acquisite sul campo, possono indirizzare le aziende verso strategie veramente illuminate e volte alla salvaguardia della sicurezza alimentare in un contesto di ottimizzazione finanziaria ed espansione del mercato.

food supply chain management |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CHEP garantisce ai clienti un’esperienza digitale ottimale


Brambles nominata leader della propria categoria nel Dow Jones Sustainability World Index 2017


Logistica e supply chain; workshop e seminari per meglio orrizzontarsi durante la crisi: Global Logistics, 21 e 22 novembre 2012 a Lazise (VR)


CHEP ospita il primo evento di trasporto collaborativo con i clienti in Europa per ottimizzare le reti logistiche


Findus sceglie la soluzione CHEP per i suoi top brand nel rispetto dell'ambiente


Big Data & Digital Supply Chain: a che punto siamo?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Trasporto su strada: i dati del 2018

Trasporto su strada: i dati del 2018
Il "Dossier Trasporto merci su strada" di Anfia offre una fotografia del settore del trasporto su strada in Italia e in Unione EuropeaTrasporto su strada: la situazione nel nostro paeseIn Italia il settore del trasporto su strada ha visto impiegati per il 2018 oltre 330 mila addetti, un dato in calo rispetto agli ultimi anni e influenzato dal basso ricambio dei giovani. Rispetto all’anno preceden (continua)

Piegatura Strenx: cosa fare prima di eseguirla?

SSAB mette a disposizione dei professionisti un’utile guida che elenca alcune semplici regole da seguire prima di effettuare una piegatura Strenx. E tu, sai già tutto? Cosa fare prima della piegatura Strenx Il leader internazionale della siderurgia ha pubblicato una guida approfondita sulle corrette procedure da seguire prima di effettuare la piegatura Strenx. Un utile vademecum che for (continua)

Just in time logistica: quando l’ottimizzazione arriva dalla tecnologia

La logistica e i suoi servizi si stanno sempre più organizzando ed evolvendo anche in seguito all’emergenza sanitaria globale. Per continuare a esistere anche per il futuro, una visione just in time ha bisogno di un contributo sempre più concreto della tecnologia. Vediamo come  Logistica 4.0: quando l’innovazione migliora il processo Per riuscire a rimanere al passo con le innovazioni (continua)

Trasporto transnazionale di rifiuti: uno sguardo alle direttive europee

Negli ultimi anni il trasporto transnazionale di rifiuti ha visto crescere in maniera esponenziale le proprie attività. Una crescita che ha dovuto fin da subito scontrarsi con regolamenti e normative nazionali ed europee allo stesso tempo. Una complessità che non lascia spazio a errori e che richiede la messa in campo di professionalità esperte e competenti.La normativa vigente La normativ (continua)

Acciaio per l’industria alimentare, qual è il più adatto?

Acciaio per l’industria alimentare, qual è il più adatto?
I materiali che vengono a contatto con gli alimenti devono essere accompagnati da una dichiarazione particolare, detta MOCA: sai di cosa si tratta? Il decreto di legge del 12 dicembre 2007, n. 269, specifica quali caratteristiche devono avere i materiali che vengono in contatto con alimenti e bevande. Secondo il decreto, è vietato commercializzare e utilizzare materiali che sono destinati a venire in contatto con gli alimenti che siano in piombo, zinco, stagno o in leghe composte da più del 10% di piombo. L’acciaio inossidabile, invece, (continua)