Home > Altro > COME SPIGHE DI GRANO:storia delle rappresaglie naziste nel Fabrianese

COME SPIGHE DI GRANO:storia delle rappresaglie naziste nel Fabrianese

articolo pubblicato da: Emanueladei | segnala un abuso

COME SPIGHE DI GRANO:storia delle rappresaglie naziste nel Fabrianese
Dino Cencio, scrittore anconetano, dopo “La Libertà dentro” che ha per tema la guerra dei Balcani, pubblica una nuova opera che riguarda le rappresaglie naziste avvenute nella zona del Fabrianese nel giugno e luglio del 1944.

“Come spighe di grano”, edito da Il Seme Bianco, è una storia di odio da parte dei nazisti contro il popolo italiano, reo di tradimento con l’armistizio dell’8 settembre 1943. Odio che si sprigiona come vendetta su civili innocenti, sui contadini, pretestuosamente accusati di aver ucciso un soldato tedesco.

È la narrazione dello stato d’animo della gente, in continua apprensione per la loro sorte. Vi si legge la paura di rimanere vittime dell’ira e della crudeltà dei nazisti; ma anche il desiderio di pace, di libertà, di una vita normale. Nel Fabrianese, dove sono presenti formazioni partigiane, moltissimi civili innocenti, per lo più contadini, perdono la vita trucidati dalla furia nazista.

L’eccidio della famiglia Baldini, di cui tratta questo racconto, si è perpetrato di fronte alla capanna degli attrezzi della loro casa di campagna. Furono uccisi sei uomini, di cui quattro appartenenti a quella famiglia. Due riuscirono miracolosamente a salvarsi. La storia di questi eccidi si basa sulla testimonianza diretta dei sopravvissuti.

“Avevo circa nove anni eravamo tutti a tavola, i discorsi tornavano spesso a una casa di campagna, durante il periodo della guerra. Vi abitavano i miei e dovettero abbandonarla subito dopo per una qualche disgrazia. In mia presenza ne parlavano per accenni, per sottintesi, forse per non rivelarmi qualcosa che non dovevo sapere. Tutte le volte che facevo domande o mi azzittivano, o cambiavano discorso.”

Una storia intrisa di ricordi e dolori per un passato che ha segnato l’io narrante di queste vicende spezzando la sua famiglia.

Dino Cencio è nato nel 1945 ad Ancona, dove vive. Laureato in Lettere Moderne all’Università Carlo Bo di Urbino ha pubblicato un romanzo sulla guerra nei Balcani, La libertà dentro (2014), Albatros.

COME SPIGHE DI GRANO, Dino Cencio, Il Seme Bianco, pp.127, euro 12,90

COME SPIGHE DI GRANO | Dino Cencio | Il Seme Bianco | nazismo | Fabriano | guerra 1944 | partigiani | rappresaglie |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il Grano Duro Senatore Cappelli, Tutto Quello Che C'è Da Sapere


Erba di grano: una preziosa alleata per il benessere e la bellezza


Prevenire il diabete? Sì, con l'aiuto del grano khorasan KAMUT®


Tutto Quello Che Ci Sta Da Sapere Sul Grano Senatore Cappelli, La Storia


Inaugurazione della mostra "Girolamo Ciulla, l'artista e altri animali" Galleria Susanna Orlando Pietrasanta


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

EAP: Nuove truffe per far pagare i libri agli esordienti

EAP: Nuove truffe per far pagare i libri agli esordienti
Esistono molti modi per pubblicare un libro, lo si può fare anche da soli trovando un sito che impagina e poi stampa per te. Questi siti, poi pubblicizzano l’opera si Amazon, Ibs etc, ma il libro non va in libreria, insomma non c’è distribuzione. Ma se ci sia affida una casa editrice seria, questa la distribuzione ce l’ha e di affida a un distributore che promuove il libro nelle librerie. La (continua)

UN AMORE SENZA TEMPO DI MICHELE FALZONE

UN AMORE SENZA TEMPO DI MICHELE FALZONE
UN AMORE SENZA TEMPO Esce il nuovo romanzo di Michele Falzone “Un amore senza tempo” edito da Il Seme Bianco. Siamo a Parigi. Ferdinando, scrittore e filosofo di fama, ormai settantenne, vive un momento di profondo disagio esistenziale. Nel tentativo di addomesticare le angosce della vecchiaia e il pensiero ricorrente della morte, ricompone tutti i ritagli della sua esistenza: dalle inquietu (continua)

Noi antabusiani: come sopravvivere all’Antabuse e sconfiggere la dipendenza da alcol

Noi antabusiani: come sopravvivere all’Antabuse e sconfiggere la dipendenza da alcol
Esce il libro autobiografico di Lucia Besana sul tema disintossicazione dalla dipendenza dall’alcol.L'autrice tratta l'argomento dell'etilismo rimuovendo con ironia ogni tabù, soffermandosi sui meccanismi psicologici e sociali che possono causare la dipendenza e l'ossessione per l'alcol e fornendo una serie di indicazioni pratiche al problema. Dall'utilizzo di un farmaco di nome Antabuse, del q (continua)

“L’ultimo veggente”: quando la speranza di un cambiamento, a volte, uccide

“L’ultimo veggente”: quando la speranza di un cambiamento, a volte, uccide
“L’ultimo veggente” di Salvatore Varsallona, edito da Il Seme Bianco, narra la quotidianità di un piccolo centro della Sicilia che viene d’improvviso sconvolta dalle apparizioni della Madonna. Il veggente è un ragazzo di 18 anni che viene da un altro paese e che nessuno conosce. Le apparizioni avvengono in campagna, sopra un albero di ciliegio il primo gioved& (continua)

“Il Vecchio”: una storia di riscatto e tenerezza

“Il Vecchio”: una storia di riscatto e tenerezza
Esce il romanzo di Marco Acciavatti, “ Il vecchio”, edito da Il Seme Bianco, che racconta la la storia di un povero vecchio vive in solitudine consumato dal dolore per gli affetti perduti e dal rimorso per gli errori fatti. Conduce la sua esistenza chiuso in se stesso attendendo, anzi quasi desiderando, la fine, quando inaspettatamente arriva nella sua vita una scintilla di speranza c (continua)