Home > Lavoro e Formazione > Aria compressa: tre passaggi per ridurre al minimo i costi

Aria compressa: tre passaggi per ridurre al minimo i costi

scritto da: Claudiamarchi | segnala un abuso

Aria compressa: tre passaggi per ridurre al minimo i costi


Che l’aria compressa sia una delle utility più importanti e fondamentale per tantissime aziende e settori, non è certamente una novità. Quello che forse non sappiamo o non conosciamo a fondo è che ci troviamo di fronte ad un grandissimo consumatore di energia. Se ne deduce che qualsiasi sistema che punta a garantire un notevole risparmio all’interno dei sistemi di aria compressa può avete un impatto decisivo sui costi aziendali e sull’ambiente circostante.

Possiamo iniziare la nostra operazione di minimizzazione costi seguendo questi passaggi:

1 - Analisi dell’installazione

Prima di installare i macchinari ad aria compressa, è sempre opportuno contattare il nostro produttore per pre-valutare l’installazione, così da calcolare in maniera approssimativa i costi energetici e le emissioni di anidride carbonica che si possono ridurre.

2 - Ottimizza il consumo di energia

Una soluzione per ridurre il consumo energetico complessivo è recuperare il calore scartato, riutilizzandolo all’interno del ciclo di produzione. Il recupero di calore può essere utilizzato, ad esempio, per preriscaldare l'alimentazione idrica utilizzando una caldaia ad acqua calda oppure i radiatori di riscaldamento.ù

Un’altra modalità per ottimizzare l'installazione del compressore è tramite l'uso di un sistema di controllo centrale, tramite un controller centrale. Questo collega tutti i compressori e gli essiccatori con l’obiettivo di ridurre la banda di pressione generale ed eliminare quindi la necessità di una pressione di esercizio più elevata.

3 - Monitora la tua installazione

I sistemi di monitoraggio da remoto possono offrirci una visione molto completa della produzione di aria compressa. Questi non solamente controllano e confermano le soluzioni di risparmio, ma aiutano anche a prevedere potenziali problemi futuri. Il sistema tiene inoltre costantemente traccia delle modifiche alla produzione e ci informa anche sui miglioramenti futuri.

 

Per qualsiasi dubbio a riguardo, è comunque sempre consigliabile consultare il parere un esperto di aria compressa, soprattutto se si tratta di argomenti che riguardano il funzionamento corretto ed estremamente sicuro di un sistema. Vi consigliamo quindi di contattare un concessionario ufficiale di Atlas Copco, il leader mondiale per quel che concerne l’aria compressa.

Noi vi suggeriamo Cenci Aria Compressa, concessionario ufficiale e partner per i compressori a Piacenza, Reggio Emilia, Parma, Cremona, Lodi e Pavia. Grazie all’impegno costante, alla professionalità e all’affiatamento delle risorse umane che compongono l’azienda, Cenci è riuscita a soddisfare un vasto mercato, affermandosi sia nel settore industriale che nelle costruzioni, conquistando la fiducia delle maggiori società presenti nelle zone di competenza.

aria compressa | consumi | risparmio energetico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Costi di acquisto e di manutenzione di un compressore per officine - Romautomotive


Assistenza compressori e utensili? Ci pensa Cenci S.r.l.!


Vendita compressori a Roma scegli la qualità da Romautomotive


Compressori aria: come rimuovere la condensa


Aria compressa: 7 consigli per un utilizzo sicuro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Trasporto su strada: i dati del 2018

Trasporto su strada: i dati del 2018
Il "Dossier Trasporto merci su strada" di Anfia offre una fotografia del settore del trasporto su strada in Italia e in Unione EuropeaTrasporto su strada: la situazione nel nostro paeseIn Italia il settore del trasporto su strada ha visto impiegati per il 2018 oltre 330 mila addetti, un dato in calo rispetto agli ultimi anni e influenzato dal basso ricambio dei giovani. Rispetto all’anno preceden (continua)

Piegatura Strenx: cosa fare prima di eseguirla?

SSAB mette a disposizione dei professionisti un’utile guida che elenca alcune semplici regole da seguire prima di effettuare una piegatura Strenx. E tu, sai già tutto? Cosa fare prima della piegatura Strenx Il leader internazionale della siderurgia ha pubblicato una guida approfondita sulle corrette procedure da seguire prima di effettuare la piegatura Strenx. Un utile vademecum che for (continua)

Just in time logistica: quando l’ottimizzazione arriva dalla tecnologia

La logistica e i suoi servizi si stanno sempre più organizzando ed evolvendo anche in seguito all’emergenza sanitaria globale. Per continuare a esistere anche per il futuro, una visione just in time ha bisogno di un contributo sempre più concreto della tecnologia. Vediamo come  Logistica 4.0: quando l’innovazione migliora il processo Per riuscire a rimanere al passo con le innovazioni (continua)

Trasporto transnazionale di rifiuti: uno sguardo alle direttive europee

Negli ultimi anni il trasporto transnazionale di rifiuti ha visto crescere in maniera esponenziale le proprie attività. Una crescita che ha dovuto fin da subito scontrarsi con regolamenti e normative nazionali ed europee allo stesso tempo. Una complessità che non lascia spazio a errori e che richiede la messa in campo di professionalità esperte e competenti.La normativa vigente La normativ (continua)

Acciaio per l’industria alimentare, qual è il più adatto?

Acciaio per l’industria alimentare, qual è il più adatto?
I materiali che vengono a contatto con gli alimenti devono essere accompagnati da una dichiarazione particolare, detta MOCA: sai di cosa si tratta? Il decreto di legge del 12 dicembre 2007, n. 269, specifica quali caratteristiche devono avere i materiali che vengono in contatto con alimenti e bevande. Secondo il decreto, è vietato commercializzare e utilizzare materiali che sono destinati a venire in contatto con gli alimenti che siano in piombo, zinco, stagno o in leghe composte da più del 10% di piombo. L’acciaio inossidabile, invece, (continua)