Home > Lavoro e Formazione > Aria compressa: tre passaggi per ridurre al minimo i costi

Aria compressa: tre passaggi per ridurre al minimo i costi

scritto da: Claudia Marchi | segnala un abuso

Aria compressa: tre passaggi per ridurre al minimo i costi


Che l’aria compressa sia una delle utility più importanti e fondamentale per tantissime aziende e settori, non è certamente una novità. Quello che forse non sappiamo o non conosciamo a fondo è che ci troviamo di fronte ad un grandissimo consumatore di energia. Se ne deduce che qualsiasi sistema che punta a garantire un notevole risparmio all’interno dei sistemi di aria compressa può avete un impatto decisivo sui costi aziendali e sull’ambiente circostante.

Possiamo iniziare la nostra operazione di minimizzazione costi seguendo questi passaggi:

1 - Analisi dell’installazione

Prima di installare i macchinari ad aria compressa, è sempre opportuno contattare il nostro produttore per pre-valutare l’installazione, così da calcolare in maniera approssimativa i costi energetici e le emissioni di anidride carbonica che si possono ridurre.

2 - Ottimizza il consumo di energia

Una soluzione per ridurre il consumo energetico complessivo è recuperare il calore scartato, riutilizzandolo all’interno del ciclo di produzione. Il recupero di calore può essere utilizzato, ad esempio, per preriscaldare l'alimentazione idrica utilizzando una caldaia ad acqua calda oppure i radiatori di riscaldamento.ù

Un’altra modalità per ottimizzare l'installazione del compressore è tramite l'uso di un sistema di controllo centrale, tramite un controller centrale. Questo collega tutti i compressori e gli essiccatori con l’obiettivo di ridurre la banda di pressione generale ed eliminare quindi la necessità di una pressione di esercizio più elevata.

3 - Monitora la tua installazione

I sistemi di monitoraggio da remoto possono offrirci una visione molto completa della produzione di aria compressa. Questi non solamente controllano e confermano le soluzioni di risparmio, ma aiutano anche a prevedere potenziali problemi futuri. Il sistema tiene inoltre costantemente traccia delle modifiche alla produzione e ci informa anche sui miglioramenti futuri.

 

Per qualsiasi dubbio a riguardo, è comunque sempre consigliabile consultare il parere un esperto di aria compressa, soprattutto se si tratta di argomenti che riguardano il funzionamento corretto ed estremamente sicuro di un sistema. Vi consigliamo quindi di contattare un concessionario ufficiale di Atlas Copco, il leader mondiale per quel che concerne l’aria compressa.

Noi vi suggeriamo Cenci Aria Compressa, concessionario ufficiale e partner per i compressori a Piacenza, Reggio Emilia, Parma, Cremona, Lodi e Pavia. Grazie all’impegno costante, alla professionalità e all’affiatamento delle risorse umane che compongono l’azienda, Cenci è riuscita a soddisfare un vasto mercato, affermandosi sia nel settore industriale che nelle costruzioni, conquistando la fiducia delle maggiori società presenti nelle zone di competenza.

aria compressa | consumi | risparmio energetico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Costi di acquisto e di manutenzione di un compressore per officine - Romautomotive


Assistenza compressori e utensili? Ci pensa Cenci S.r.l.!


Romautomotive vendita di attrezzature per autofficine e gommisti a Roma e nel Lazio


Vendita compressori a Roma scegli la qualità da Romautomotive


L'intervista a Erno Rossi per i suoi 40 anni di professione...


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Polarimetro: funzionamento e uso dello strumento da laboratorio

Polarimetria: un po’ di storiaIl fisico Francois Jean Dominique Arago gettò per primo le basi della polarimetria tagliando un cristallo di quarzo perpendicolare all'asse del cristallo, notando così una rotazione della luce polarizzata linearmente sul cristallo stesso.È stato poi lo scienziato Jean Baptiste Biot a osservare che la stessa rotazione dell’asse di polarizzazione registrata da Arago per (continua)

Ossitaglio: cosa devi sapere

Ossitaglio: cosa devi sapere
Cos’è l’ossitaglio Le tecniche più comuni nell’ambito della lavorazione industriale delle lamiere sono tre: ossitaglio, taglio al plasma e taglio al laser. Ecco perché quando parliamo di ossitaglio in associazione alle lamiere lo facciamo riferendoci a una tecnica di taglio particolare, che si distingue dalle altre per la possibilità di ottenere spigoli vivi e non arrotondati . Per compre (continua)

Densimetro digitale: cos’è e come usarlo correttamente?

Densimetro digitale: di cosa parliamo? Come suggerisce il nome, il densimetro digitale utilizzato in gran parte dei laboratori è lo strumento cardine per determinare la densità e con essa la purezza e concentrazione di un campione e la sua composizione. Determinare la densità dei campioni è fondamentale in determinati settori per garantire la qualità tanto delle materie prime quanto dei pro (continua)

Edilizia e salute: la risposta vincente del Giardino delle Gemme, progetto green di Montanari Costruzioni

Edilizia e salute: la risposta vincente del Giardino delle Gemme, progetto green di Montanari Costruzioni
IL PROBLEMAPochi ne parlano, ma gli esperti stanno analizzando il problema dell’inquinamento indoor da molto tempo ed oggi, in tempo di pandemia, le rilevazioni scientifiche effettuate confermano che un ricambio frequente negli ambienti chiusi (abitazioni, scuole, uffici) aiuta a limitare le concentrazioni di inquinanti e di contagi da Covid-19.Con la pandemia, ancora così presente nella nostra vi (continua)

Trasporti internazionali: cosa cambia con l’ultimo DPCM

Con il nuovo DPCM cambiano le regole di ingresso e uscita dal nostro Paese per tutti gli addetti del settore dei trasporti internazionali. Non uno stop generale del settore Quello di cui stiamo parlando non è però un blocco completo al settore. I trasporti internazionali rimangono in essere e non si sono mai fermati. Quello che cambia con l’ultimo Decreto in materia di corona virus sono alc (continua)