Home > News > PASQUA e DIRITTI UMANI due messaggi che vanno di pari passo e nella stessa direzione

PASQUA e DIRITTI UMANI due messaggi che vanno di pari passo e nella stessa direzione

articolo pubblicato da: ignazio deriu | segnala un abuso

PASQUA e DIRITTI UMANI due messaggi che vanno di pari passo e nella stessa direzione

La necessità di divulgare i trenta articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani è sempre più sentita nella società. In verità ciò che traspare dal confronto tra le persone contattate dai volontari di Uniti per i Diritti Umani è la paura che il riconoscimento dei Diritti a tutti, possa in qualche modo ledere i nostri Diritti. Quasi che la condivisione dei miei Diritti comporti la rinuncia a qualcosa di acquisito con tanta fatica a cui non si vuole rinunciare. Un punto di vista che non ha motivo di esistere, dato che i diritti non sono qualcosa di economico o di materiale, ma qualcosa che spetta semplicemente perché apparteniamo TUTTI alla stessa categoria degli ESSERI UMANI.

D'altronde, chi vorrebbe che non gli si riconoscesse il diritto alla vita, a non essere discriminati, ad essere liberi e non schiavi, ad essere considerati uguali davanti alla legge e ad avere il diritto a un giusto processo? Come nessuno vorrebbe avere negati il diritto a potersi curare e a creare una propria famiglia e possedere una casa e cibo, il diritto alla libertà di pensiero, di espressione e di culto, allo svago e ad avere la possibilità di scegliere il governo in modo democratico. Diritti inalienabili che spettano a tutti e il fatto di concederli agli altri non possono che creare le basi per una società più giusta e solidale.

Solo la conoscenza dei valori della Dichiarazione Universale potrà far si che ognuno di noi faccia ciò che è nelle sue possibilità perché questi valori si realizzino e, come auspicava il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard farli “diventare una realtà e non un sogno idealistico”. Per ottenere realizzato questo sogno cui aspirano miliardi di persone in tutti i continenti, i volontari di Uniti per i Diritti Umani in collaborazione con quelli della Chiesa di Sciientology anche nella settimana di Pasqua promuoveranno nelle strade di Cagliari i libretti contenenti la storia e i trenta articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani promulgati nel 1948 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, divulgando così il messaggio del rispetto e dell’aiuto reciproco che unisce culture e razze diverse. Un messaggio che non si discosta da quello che vuole essere la Pasqua Cristiana che si festeggia in questi giorni.  Info: www.unitiperidirittiumani.it

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


La Chiesa di Scientology per l’educazione sui Diritti Umani


Pasqua 2011


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


Organizzazioni sui Diritti Umani


I Volontari di “ Gioventù per i diritti Umani” pronti a tornare nelle scuole


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

A SESTU una storia di Diritti negati: “dopo 32 anni di lavoro, non ho un giorno di contributi versati!

A SESTU una storia di Diritti negati: “dopo 32 anni di lavoro, non ho un giorno di contributi versati!
“I Diritti Umani? Cosa sono i Diritti Umani? Perché esistono i Diritti Umani? Ho 52 anni e lavoro in campagna da oltre 32 anni ma non ho un solo giorno di contributi versati!” È la denuncia fatta ai volontari di Uniti per i Diritti Umani e della Chiesa di Scientology da un signore di Sestu, mentre nella serata di lunedì 24 giugno, distribuivano gli opuscoli c (continua)

Olbia: i volontari non si arrendono di fronte al mondo della droga

Olbia: i volontari non si arrendono di fronte al mondo della droga
  Pronti per una nuova iniziativa ad Olbia i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology: martedì 25 giugno, in concomitanza della giornata internazionale contro l’abuso e il traffico illecito di droga, distribuiranno per le vie del commercio della città centinaia di libretti informativi riguardo gli effetti devastanti della (continua)

A UTA prosegue la campagna di prevenzione alle droghe

 A UTA prosegue la campagna di prevenzione alle droghe
    Se una dote va attribuita ai volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology è quella della perseveranza e della costanza. Da anni, infatti, continuano nelle azioni di prevenzione nei grandi come nei piccoli centri, con la distribuzione dei libretti informativi “la verità sulla droga”, le conferenze nelle scuole coinvo (continua)

Né proibizionismo né liberalizzazione, la soluzione è la prevenzione

Né proibizionismo né liberalizzazione, la soluzione è la prevenzione
            Da circa 25 anni i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla droga e della Chiesa di Scientology sono impegnati in tutto il mondo in campagne di prevenzione a tutti i tipi di droghe. C’è chi predica della liberalizzazione come l’antidoto allo spaccio illegale, nominando in questo modo lo stato come spacciatore le (continua)

A Sestu prevenzione e soppressione vanno di pari passo

A Sestu prevenzione e soppressione vanno di pari passo
            Sarà un caso (ma noi non crediamo tanto al caso) dopo le iniziative di prevenzione dei volontari, puntualmente nella località in cui si è fatta l’iniziativa, avviene un sequestro e l’arresto di qualche spacciatore da parte delle forze dell’ordine. È successo anche a Sestu, all’indomani de (continua)