Home > Ambiente e salute > Gli Edifici a Energia Quasi Zero (nZEB) e Passivhaus – binomio perfetto per l’efficientamento energetico!

Gli Edifici a Energia Quasi Zero (nZEB) e Passivhaus – binomio perfetto per l’efficientamento energetico!

articolo pubblicato da: claudiamarchi | segnala un abuso

Gli Edifici a Energia Quasi Zero (nZEB) e Passivhaus – binomio perfetto per l’efficientamento energetico!

Un edificio a energia quasi a zero genera innegabili vantaggi in termini economici e di comfort se realizzato a partire da una Passivhaus.

Fatta questa doverosa premessa, è facile comprendere come sia meglio realizzare prima un edificio con caratteristiche Passivhaus e poi eventualmente dotarlo di impiantistica ad energie rinnovabili.

Prima di trarre le conclusioni, dobbiamo partire dalla base e confrontare una Passivhaus con un edificio a energia zero:

-          le Passivhaus puntano a raggiungere un bilancio energetico molto basso a partire dalla domanda energetica dell’edificio ed all’ottenimento di un elevato comfort termo-igrometrico, tramite l’utilizzo di involucri edilizi ad alta tenuta all’aria, elevati spessori di isolamento termico ed infissi ad alte prestazioni;

-          gli Edifici a Energia quasi Zero riescono ad azzerare maggiormente il loro fabbisogno energetico annuale tramite l’efficientamento degli apporti energetici, sfruttando, quindi, le energie derivanti da fonti rinnovabili, il riscaldamento e raffrescamento solare passivo e l’illuminazione naturale, non sempre quindi con significativi risultati in termini di contenimento delle dispersioni energetiche.

Entrambi gli edifici, Passivhaus e ad Energia quasi Zero, hanno l’obiettivo di ridurre al massimo la quantità di energia proveniente da fonti fossili utilizzata per il riscaldamento o il raffrescamento. La riduzione delle dispersioni energetiche dovrebbe essere la priorità.

Un edificio a energia quasi zero porta a vantaggi in termini economici e di comfort se realizzato a partire da una Passivhaus. Dunque meglio se prima si realizza un edificio con caratteristiche Passivhaus e poi, eventualmente, dotarlo di impiantistica ad energie rinnovabili.

Ad ogni modo pochissimi edifici a energia quasi zero, in un mare di inefficienza energetica, possono fare molto poco per ridurre le attuali emissioni di anidride carbonica.

Per iniziare un percorso di miglioramento, bisogna pensare di partire con la riqualificazione e la costruzione di edifici più efficienti e, successivamente, pensare di utilizzare le energie rinnovabili sugli edifici.

Tanti edifici residenziali esistenti, purtroppo, non hanno superficie coperta sufficiente e, tanto meno, l’orientamento e l’esposizione al sole adeguati per poter rendere fattibile un edificio a energia quasi zero, mentre il raggiungimento delle prestazioni energetiche di una Passivhaus potrebbe essere più attuabile e meno difficoltoso.

Le compagnie energetiche potrebbero avere le carte in regola e le possibilità per occuparsi di sviluppare progetti per le energie rinnovabili su ampia scala e dismettere gli impianti a carbone e, in generale, dalle fonti fossili.

A lungo termine, questa sarebbe la soluzione, che avrebbe maggior impatto sulla società, perché comporterebbe la diminuzione collettiva dei costi e dell’impatto ambientale degli edifici.

In conclusione, si può serenamente dire che, se ognuno facesse la propria parte, l’impatto delle nostre azioni darebbe un beneficio a favore di tutti e del pianeta.

edifici a energia quasi zero | passivhaus | efficienza energetica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

GEA BY GREEN ENERGY PARTNER CASACLIMA


EDILIZIA GREEN IN ITALIA: CRESCE L’ECONOMIA E MIGLIORA L’AMBIENTE


Rinnovabili.it presenta Fingreen specialista del Risparmio Energetico in Trentino


Axpo Italia e Axpo Energy Solutions scendono in campo per rispondere alle sfide energetiche


Perché l’Isolamento Termico sarà una grande storia di successo in Europa”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Stampanti 3D: alleate chiave in campo medico

Stampanti 3D: alleate chiave in campo medico
  I vantaggi delle stampanti 3D in campo medico  Sempre di più le stampanti 3D entrano a far parte dell’operatività del settore industriale. Uno dei settori più coinvolti negli ultimi anni è senza dubbio quello medicale. Apparecchi dentali, acustici e protesi sono sempre di più coinvolti nel processo d’innovazione. L’introduzione de (continua)

Passive House e nuovi materiali costruttivi per l’efficientamento energetico!

Passive House e nuovi materiali costruttivi per l’efficientamento energetico!
  Le Passive House puntano a raggiungere un bilancio energetico molto basso a partire dalla domanda energetica dell’edificio, scopriamo come! Dal 2015 abbiamo iniziato a sentir parlare di Passive House come di un edificio che genera innegabili vantaggi in termini economici e di comfort. Infatti questo tipo di costruzione si caratterizza, perché riesce ad assicurare benessere te (continua)

Illuminazione casa con la domotica: costi e benefici

Illuminazione casa con la domotica: costi e benefici
  Si parla sempre più spesso di casa domotica, ma cosa si intende esattamente con questa definizione? Quali sono i costi e i vantaggi di illuminare la casa con un impianto domotico?   Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale e la domotica hanno rivoluzionato il modo di vivere delle nostre abitazioni. Sempre più connessi tra di noi e ai nostri dispositivi porta (continua)

Lavorazione lamiera: tutto quello che devi sapere

Lavorazione lamiera: tutto quello che devi sapere
  Lamiera: di cosa stiamo parlando? La lamiera è una lega ottenuta da ferro e carbonio, dove la diversa percentuale di carbonio contenuta incide sulla durezza della stessa. Data l’esistenza di tipologie differenti di lamiera, esistono anche differenti metodologie di lavorazione della stessa, a partire dal taglio. Vediamone insieme alcuni esempi.   Taglio al laser Utiliz (continua)

Aspiratori professionali: come si installano?

Aspiratori professionali: come si installano?
  La ventilazione di un locale si può ottenere attraverso varie soluzioni: quelle più utilizzate si basano sulla semplice estrazione dell’aria. Grazie a questo sistema, l'estrazione dell'aria viziata viene effettuata da un lato del locale, affidando alle diverse fessure il compito di immettere aria fresca all'interno. Un altro metodo consiste nell'immettere forzatamente (continua)