Home > Ambiente e salute > Passive House e nuovi materiali costruttivi per l’efficientamento energetico!

Passive House e nuovi materiali costruttivi per l’efficientamento energetico!

scritto da: Claudia Marchi | segnala un abuso

Passive House e nuovi materiali costruttivi per l’efficientamento energetico!


 

Le Passive House puntano a raggiungere un bilancio energetico molto basso a partire dalla domanda energetica dell’edificio, scopriamo come!

Dal 2015 abbiamo iniziato a sentir parlare di Passive House come di un edificio che genera innegabili vantaggi in termini economici e di comfort. Infatti questo tipo di costruzione si caratterizza, perché riesce ad assicurare benessere termico senza o con una minima fonte energetica di riscaldamento interna all’edificio, non è dotata di impianto di riscaldamento “convenzionale” costituito da caldaia e termosifoni o sistemi analoghi.

La Passive Hause punta a raggiungere un bilancio energetico molto basso a partire dalla domanda energetica dell’edificio ed all’ottenimento di un elevato comfort termo-igrometrico. Tutto ciò è possibile tramite l’utilizzo di involucri edilizi ad alta tenuta all’aria, elevati spessori di isolamento termico ed infissi ad alte prestazioni.

Per quanto riguarda gli involucri esterni, si sta assistendo ad una tendenza all’innovazione tanto da sentir parlare di mattonipassivi”. Nel settore edile si sta lavorando alacremente per cercare nuovi prodotti fatti con materiali non convenzionali, ad es. che utilizzano fibre e alimenti o altre materie innovative per questo ambito di applicazione. È di pochi giorni fa, la notizia che in Spagna è stato brevettato un materiale chiamato Idroceramica (Hydroceramics) idoneo per la costruzione di mattoni, nato dalla combinazione di argilla e idrogel che consente di mantenere la temperatura costante degli ambienti interni e anche di 5/6° in meno rispetto a quelli esterni. Tutto ciò è possibile grazie alla struttura dell’idrogel che riesce ad assorbire acqua e umidità fino a 500 volte il suo peso e di rilasciarla lentamente, favorendo il rinfrescamento dell’edificio.

Il vantaggio delle Passive House è che possono essere costruite con ogni tipo di materiale, perché la loro efficienza deriva dalla predisposizione di altre soluzioni che comprendono:

·         l’isolamento termico (deve essere posato almeno su tutte le pareti esterne e prevedere anche la coibentazione del tetto),

·         il calore prodotto da fonti interne che viene preservato (cucina, elettrodomestici accesi, illuminazione, calore umano, …),

·         pompa di calore,

·         infissi ad alte prestazioni dotati di triplo vetro,

·         forma ed esposizione dell’edificio studiate per sfruttare al massimo l’esposizione al sole,

·         ventilazione meccanica controllata per il ricircolo dell’aria.

In sostanza, la casa è definita passiva, perché la somma degli apporti passivi di calore dell’irraggiamento solare trasmessi dalle finestre e il calore generato internamente all’edificio da elettrodomestici e dagli occupanti stessi sono quasi sufficienti a compensare le perdite dell’involucro durante la stagione fredda.

Per concludere, c’è da sperare che le innovazioni in ambito edilizio fungano da sprone per incentivare e favorire la costruzione di Passive House.

passive house |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Progettazione di edifici passivi: criteri e modelli


GEA BY GREEN ENERGY PARTNER CASACLIMA


Nasce Half House: vi presentiamo un oggetto di design esclusivo ed originale.


Salute e benessere: l’impegno di House to House


Rinnovabili.it presenta Fingreen specialista del Risparmio Energetico in Trentino


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Composizione e impiego degli acciai speciali

Gli acciai speciali, altrimenti definiti acciai legati, contengono, oltre al ferro e al carbonio, altri elementi chimici in percentuale tale da conferire al prodotto proprietà particolari. Solitamente gli elementi aggiunti sono: nichel, cromo, molibdeno, silicio, rame, piombo, manganese, tungsteno, ecc. Questi elementi speciali aggiunti negli acciai, oltre a produrre variazioni di caratteristiche e proprietà, determinano lo spostamento dei punti critici, un ritardo dell’inizio della trasformazione e l’aumento della durata della trasformazione.A seconda della lega, un impiego (continua)

L’importanza della piegatura nella lavorazione della lamiera

Cos’è una lamiera? Il termine “lamiera” identifica una placca metallica (di acciaio, rame, ottone o alluminio) derivata dalla trasformazione di bramme, ovvero prodotti semilavorati siderurgici a sezione rettangolare, e sono ottenute attraverso una colata continua di metallo allo stato liquido. A seconda della funzione a cui viene destinata tale lastra, le sue caratteristiche possono ess (continua)

Le tecniche di smussatura per un lavoro impeccabile

La smussatura è una delle lavorazioni meccaniche che serve per preparare i metalli alla saldatura. Si tratta, in particolare di quell’operazione di preparazione degli angoli, che fornisce loro una particolare forma adatta ad accogliere al meglio il procedimento della saldatura.Gli strumenti da utilizzare Per effettuare questa lavorazione vengono utilizzate le smussatrici, ovvero macchine ideate per eseguire smussi o cianfrini per mezzo di frese. A influire sulla scelta di tale (continua)

Tutto sull’acciaio antiusura: caratteristiche e applicazioni

Scegliere la giusta lamiera antiusura è importante: incrementa la performance e la produttività di attrezzature e componenti. Le qualità degli acciai antiusuraAffidarsi all’utilizzo di acciai speciali permette di ottenere prodotti finiti in grado di far fronte a importanti sollecitazioni, riducendo eventuali problematiche da consumo. Questa tipologia di acciai speciali resiste infatti alle sollecitazioni dell’usura e degli sfregamenti con durezze decisamente superiori ai normali acciai da costruzione, anche in (continua)

Taglio delle lamiere: funzionamento e vantaggi del taglio al plasma

Una delle procedure più vantaggiose ed efficiente per tagliare con facilità qualunque tipo di lamiera è il taglio al plasma. Ma come funziona e perché conviene? Procedimento per effettuare il taglio Ossitaglio, taglio a getto d'acqua, plasma, laser sono solo alcune delle tecniche che possono essere impiegate per tagliare diversi tipi di lamiere. La tecnologia più diffusa nel mondo dell’industria e di cui ti parleremo oggi è quella del taglio al laser, un procedimento brevettato nel 1995 da Robert Gage per la Union Carbide.  Basandosi su (continua)