Home > Scuola e Università > La Beckett University di Leeds (UK) implementa il Wi-Fi 6 con Extreme Networks

La Beckett University di Leeds (UK) implementa il Wi-Fi 6 con Extreme Networks

scritto da: Hideas19 | segnala un abuso

La Beckett University di Leeds (UK) implementa il Wi-Fi 6 con Extreme Networks


Extreme Networks annuncia che la Beckett University di Leeds, nel Regno Unito, ha implementato - tra le prime in Europa - la tecnologia Wi-Fi 6 per gli 85 edifici del campus e gli impianti sportivi. Il progetto fa parte di un investimento complessivo di 200 milioni di sterline a supporto delle iniziative di trasformazione digitale, e ha l'obiettivo di supportare l'attività dei 2.900 dipendenti e dei 28.000 studenti.

Extreme ha progettato un'infrastruttura dedicata basata su Extreme Elements, con il software Extreme Management Center, la tecnologia Extreme Fabric Connect, 2.000 access point Wi-Fi 6 (che verranno installati nei prossimi 12 mesi) e i prodotti Extreme Switching. La rete permette l'accesso remoto da qualsiasi punto del campus e offre maggiore capacità, sicurezza ed efficienza.

Le caratteristiche più importanti sono:

- Prestazioni ottimizzate con Wi-Fi 6: Le soluzioni ExtremeWireless Wi-Fi 6 offrono maggiore flessibilità e ampiezza di banda per supportare più apparati, compresi quelli IoT, e applicazioni avanzate. Progettati in modo specifico per gli ambienti più difficili, gli access point assicurano una connettività Wi-Fi sicura, con prestazioni superiori del 40% rispetto a quelli Wi-Fi 5, e connessioni più stabili per la condivisione in tempo reale sui social media, lo streaming video, e le applicazioni mobili.

- Controllo automatizzato in tempo reale del traffico di rete: Il software Extreme Management Center fornisce un percorso verso la visibilità end-to-end in tempo reale e il controllo della rete. Usando l'automazione per le attività manuali più ripetitive, la Beckett University riesce ad aumentare l'efficienza delle operazioni quotidiane, ridurre i costi e migliorare le prestazioni in tutta l'area del campus.

- Servizi avanzati nella periferia della rete: ExtremeSwitching permette alla Beckett University di estendere i servizi di rete virtuale fino alla periferia della rete, far collassare più livelli in un'unica architettura di servizi logici, e creare un punto di controllo centrale. I servizi nella periferia creano una rete scalabile ed efficiente sotto il profilo dei costi capace di supportare migliaia di porte remote.

- Semplicità della rete: Extreme Fabric Connect elimina la complessità della rete, e fornisce a Beckett University una tecnologia di nuova generazione che ottimizza la disponibilità del sistema, integra la resilienza del sistema e dei servizi e migliora la visibilità della rete. Ciò permette di sostenere una rete molto più robusta e resiliente rispetto alle alternative, che può scalare facilmente e rapidamente con l'aggiunta di nuovi servizi.

- Efficienza e sicurezza operativa: La tecnologia fabric di Extreme permette al servizio IT dell'istituzione di estendere la struttura fino alla periferia e attraverso il campus, offrendo funzionalità di roaming che semplificano il lavoro dello staff e l'erogazione dei servizi per il team tecnico. Inoltre, la tecnologia Extreme permette una separazione logica e fisica tra le tecnologie consumer IoT (con i rischi associati) e le tecnologie e le informazioni enterprise che devono essere protette in modo appropriato.

Tutto questo completa le iniziative di trasformazione digitale della Beckett University, che sono alla base della missione dell'università, che è quella di essere essere un'istituzione eccellente, accessibile e impegnata a livello globale.

La nuova architettura di rete dedicata, con Extreme Fabric Connect, gli strumenti più recenti dell'Extreme Management Center e il Wi-Fi 6, non solo offre la giusta tecnologia, un Total Cost of Ownership competitivo e un'elevata affidabilità, ma è anche a prova di futuro per soddisfare le esigenze di scalabilità del proprio corpo studentesco.

Basem El-Haddadeh, Director IT Services della Beckett University di Leeds, ha commentato: "La nostra infrastruttura di rete è la linfa vitale della nostra organizzazione e un fattore importante per la trasformazione digitale, e grazie alla presenza di tecnologie come Wi-Fi 6 ed Extreme Fabric Connect riuscirà a soddisfare tutte le nostre esigenze in termini di potenza e scalabilità e a sostenere la nostra visione dell'uso della tecnologia per migliorare l'impegno, la retention e il raggiungimento degli obiettivi da parte degli studenti.


Fonte notizia: https://it.extremenetworks.com/


Wi-Fi 6 | rete wireless | università | switching | access point |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Extreme Networks presenta un ecosistema per SDN e data center aperto, globale e basato su standard


Extreme Networks presenta un’offerta per WiFi di qualità assicurando ai clienti di Aruba e HP un valore unico sul mercato


Extreme Networks ha organizzato la Channel Partner Conference per EMEA/LATAM a Lisbona, confermando l’impegno “Partner First”


Nuovo software e nuovi switch di Extreme Networks aiuteranno le direzioni IT ad accelerare la trasformazione digitale


Extreme Networks sigla una partnership con IMG per offrire una straordinaria Fan Experience a università, stadi e centri sportivi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Extreme Networks lancia #NewNormal e offre l'accesso illimitato ai dati per gli utenti ExtremeCloud IQ

Extreme Networks lancia #NewNormal e offre l'accesso illimitato ai dati per gli utenti ExtremeCloud IQ
L'azienda lancia un programma completo per sostenere i propri clienti e offre l'accesso illimitato ai dati a tutti gli utenti ExtremeCloud IQ La pandemia ha accelerato tutti i processi di trasformazione digitale, spingendouna rapida adozione di nuove tecnologie cloud a supporto del lavoro a distanza e dell'apprendimento online. Per sostenere gli sforzi dei propri clienti Extreme Networks lancia l'iniziativa NewNormal (nuova normalità), un programma completo che sfrutta le potenzialità di ExtremeCloud IQ, l'unica piattaform (continua)

Extreme Networks supporta partner e clienti con il programma LEAP

Extreme Networks supporta partner e clienti con il programma LEAP
Extreme Networks estende il programma LEAP (Lending Enablement & Assistance Program) - a sostegno dell'attività operativa di partner di canale e clienti - al 30 settembre 2020, con condizioni finanziarie particolari e l'accesso a un ampio portafoglio di opzioni di formazione online gratuite e altri incentivi. Flessibilità nel Finanziamento L'operatività di imprese e (continua)

Wes Durow è il nuovo Chief Marketing Officer di Extreme Networks

Wes Durow è il nuovo Chief Marketing Officer di Extreme Networks
Extreme Networks annuncia la nomina di Wes Durow a Chief Marketing Officer. Durow ha 25 anni di esperienza nel marketing, nelle aree del cloud e delle reti, e proviene da un'esperienza di 5 anni in Mitel dove si è occupato di soluzioni cloud per la comunicazione e la collaborazione. "Siamo entusiasti e onorati di accogliere Wes (continua)

Extreme Networks continua la rapida espansione della strategia cloud con ExtremeCloud IQ

Extreme Networks continua la rapida espansione della strategia cloud con ExtremeCloud IQ
Extreme Networks annuncia l'espansione delle soluzioni cloud di quarta generazione e della piattaforma di gestione ExtremeCloud IQ, e il nuovo modello semplificato di licenze Pilot per la famiglia di edge switch e di access point. Inoltre, presenta i nuovi Portable Branch Kits (PBK) e Rapid Outdoor Connectivity Kits (continua)

Extreme Networks per lo smart working e la connettività da remoto

Extreme Networks per lo smart working e la connettività da remoto
Extreme Networks risponde alla rapida crescita della domanda di connettività remota - in tutti i settori - con il Portable Branch Kit, una soluzione che permette di implementare una rete remota simile in tutto e per tutto a quella aziendale, sviluppata sulla base dell'esperienza di alcuni dipendenti che hanno l'ufficio all'interno dell'abitazione, come nel caso di David Coleman - respo (continua)