Home > Altro > Stratasys: la stampa in 3D nella lotta al Covid-19

Stratasys: la stampa in 3D nella lotta al Covid-19

scritto da: Claudiamarchi | segnala un abuso


Stratasys è in prima linea nell’emergenza Covid-19. L’azienda americana ha messo a disposizione le proprie risorse e competenze di stampa 3D per aiutare il servizio sanitario

 

Una vera e propria mobilitazione nazionale, quella partita dagli stabilimenti americani della Stratasys, nota azienda attiva nel settore della stampa 3D. L'obiettivo di Strasys e di alcuni suoi partner è quello di fornire al servizio sanitario risorse e competenze che aiutino a sconfiggere il corona virus.

Stratasys dispone infatti di numerose stampanti 3D professionali grazie alle quali può mettere in campo una produzione di schermi facciali monouso facciali monouso per la protezione di tutto il personale che in questi mesi è in prima linea in tutto il mondo per arrestare la pandemia.

Gli schermi facciali prodotti dalle stampanti 3d Stratasys sono dotati di una visiera in plastica trasparente a copertura del volto intero in grado di proteggere medici, infermieri e l’intero servizio sanitario dal rischio contagio.

Quella di Stratasys è stata una vera chiamata alle armi: qualsiasi laboratorio di stampa 3D disposto a collaborare può farlo compilando un modulo online e seguendo le istruzioni riportate sul sito dell’azienda promotrice.

stratasys | stampanti 3d stratasys |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Stratasys e Tri-Tech 3D aprono un centro di formazione sulla stampa 3D


COVID e Cuore: nuovo portale web per supportare gli specialisti


COVID-19 e rischio coagulazione, nasce il primo registro italiano dei pazienti a cura degli scienziati della Fondazione Arianna Anticoagulazione


Emergenza Coronavirus e le difficili condizioni di noi medici lavoratori: la lettera aperta delle RSA ANMIRS


Prototipazione rapida: Stratasys lancia la serie F123


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Trasporto su strada: i dati del 2018

Trasporto su strada: i dati del 2018
Il "Dossier Trasporto merci su strada" di Anfia offre una fotografia del settore del trasporto su strada in Italia e in Unione EuropeaTrasporto su strada: la situazione nel nostro paeseIn Italia il settore del trasporto su strada ha visto impiegati per il 2018 oltre 330 mila addetti, un dato in calo rispetto agli ultimi anni e influenzato dal basso ricambio dei giovani. Rispetto all’anno preceden (continua)

Piegatura Strenx: cosa fare prima di eseguirla?

SSAB mette a disposizione dei professionisti un’utile guida che elenca alcune semplici regole da seguire prima di effettuare una piegatura Strenx. E tu, sai già tutto? Cosa fare prima della piegatura Strenx Il leader internazionale della siderurgia ha pubblicato una guida approfondita sulle corrette procedure da seguire prima di effettuare la piegatura Strenx. Un utile vademecum che for (continua)

Just in time logistica: quando l’ottimizzazione arriva dalla tecnologia

La logistica e i suoi servizi si stanno sempre più organizzando ed evolvendo anche in seguito all’emergenza sanitaria globale. Per continuare a esistere anche per il futuro, una visione just in time ha bisogno di un contributo sempre più concreto della tecnologia. Vediamo come  Logistica 4.0: quando l’innovazione migliora il processo Per riuscire a rimanere al passo con le innovazioni (continua)

Trasporto transnazionale di rifiuti: uno sguardo alle direttive europee

Negli ultimi anni il trasporto transnazionale di rifiuti ha visto crescere in maniera esponenziale le proprie attività. Una crescita che ha dovuto fin da subito scontrarsi con regolamenti e normative nazionali ed europee allo stesso tempo. Una complessità che non lascia spazio a errori e che richiede la messa in campo di professionalità esperte e competenti.La normativa vigente La normativ (continua)

Acciaio per l’industria alimentare, qual è il più adatto?

Acciaio per l’industria alimentare, qual è il più adatto?
I materiali che vengono a contatto con gli alimenti devono essere accompagnati da una dichiarazione particolare, detta MOCA: sai di cosa si tratta? Il decreto di legge del 12 dicembre 2007, n. 269, specifica quali caratteristiche devono avere i materiali che vengono in contatto con alimenti e bevande. Secondo il decreto, è vietato commercializzare e utilizzare materiali che sono destinati a venire in contatto con gli alimenti che siano in piombo, zinco, stagno o in leghe composte da più del 10% di piombo. L’acciaio inossidabile, invece, (continua)