Home > Altro > Consulente ADR: la nuova figura del trasporto merci pericolose

Consulente ADR: la nuova figura del trasporto merci pericolose

scritto da: Claudiamarchi | segnala un abuso

Consulente ADR: la nuova figura del trasporto merci pericolose


Una figura professionale nuova

La figura del Consulente ADR, per esteso "Consulente per la sicurezza ai trasporti di merci pericolose" è sostanzialmente molto giovane, introdotta nel nostro Paese dal Decreto Legislativo 04/02/2000 nr. 40. 
La figura del Consulente ADR è volta alla sicurezza dei trasporti di merci pericolose su strada, per ferrovia o per via navigabile.



In cosa consiste la figura del Consulente ADR

La figura del Consulente ADR è per così dire una figura di ‘garanzia' che supervisiona la corretta e sicura esecuzione del trasporto di rifiuti pericolosi ADR. Una figura di responsabilità che lavora al fianco dei vertici aziendali.
Tra le funzioni principali svolte dal Consulente ADR ricordiamo:

  • verifica dell’osservanza delle disposizioni in materia di trasporto di merci pericolose;
  • consiglia l’impresa nelle operazioni riguardanti il trasporto di merci pericolose;
  •  redige una relazione annuale che dovrà essere conservata per un periodo di 5 anni e messa a disposizione delle autorità su richiesta

 

Quali sono i requisiti per diventare consulente ADR

La figura del Consulente ADR può essere ricoperta tanto da personale interno all’azienda quanto da un libero professionista. Tra i requisiti da soddisfare troviamo:

  • essere in possesso del diploma di scuola secondaria, meglio se di formazione scientifica o giuridica
  • sostenere un esame per entrare in possesso del certificato che attesta l’idoneità del candidato a svolgere la mansione di consulente

 

rifiuti adr | rifiuti pericolosi adr |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Aeroporti di Roma: Fabrizio Palenzona "niente più bagagli smarriti con Net 6000"


F2i, insieme ad Ania, acquista Compagnia Ferroviaria Italiana. Il commento dell’AD Renato Ravanelli


Sicurezza in azienda: movimentazione di merci pericolose


Nomenclatura combinata e tariffe doganali in EU


Treno merci Cina-Italia: ecco perché agevolerà l'economia italiana


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Trasporto su strada: i dati del 2018

Trasporto su strada: i dati del 2018
Il "Dossier Trasporto merci su strada" di Anfia offre una fotografia del settore del trasporto su strada in Italia e in Unione EuropeaTrasporto su strada: la situazione nel nostro paeseIn Italia il settore del trasporto su strada ha visto impiegati per il 2018 oltre 330 mila addetti, un dato in calo rispetto agli ultimi anni e influenzato dal basso ricambio dei giovani. Rispetto all’anno preceden (continua)

Piegatura Strenx: cosa fare prima di eseguirla?

SSAB mette a disposizione dei professionisti un’utile guida che elenca alcune semplici regole da seguire prima di effettuare una piegatura Strenx. E tu, sai già tutto? Cosa fare prima della piegatura Strenx Il leader internazionale della siderurgia ha pubblicato una guida approfondita sulle corrette procedure da seguire prima di effettuare la piegatura Strenx. Un utile vademecum che for (continua)

Just in time logistica: quando l’ottimizzazione arriva dalla tecnologia

La logistica e i suoi servizi si stanno sempre più organizzando ed evolvendo anche in seguito all’emergenza sanitaria globale. Per continuare a esistere anche per il futuro, una visione just in time ha bisogno di un contributo sempre più concreto della tecnologia. Vediamo come  Logistica 4.0: quando l’innovazione migliora il processo Per riuscire a rimanere al passo con le innovazioni (continua)

Trasporto transnazionale di rifiuti: uno sguardo alle direttive europee

Negli ultimi anni il trasporto transnazionale di rifiuti ha visto crescere in maniera esponenziale le proprie attività. Una crescita che ha dovuto fin da subito scontrarsi con regolamenti e normative nazionali ed europee allo stesso tempo. Una complessità che non lascia spazio a errori e che richiede la messa in campo di professionalità esperte e competenti.La normativa vigente La normativ (continua)

Acciaio per l’industria alimentare, qual è il più adatto?

Acciaio per l’industria alimentare, qual è il più adatto?
I materiali che vengono a contatto con gli alimenti devono essere accompagnati da una dichiarazione particolare, detta MOCA: sai di cosa si tratta? Il decreto di legge del 12 dicembre 2007, n. 269, specifica quali caratteristiche devono avere i materiali che vengono in contatto con alimenti e bevande. Secondo il decreto, è vietato commercializzare e utilizzare materiali che sono destinati a venire in contatto con gli alimenti che siano in piombo, zinco, stagno o in leghe composte da più del 10% di piombo. L’acciaio inossidabile, invece, (continua)