Home > Cultura > Tre registi, il lockdown artistico e il mondo che verrà

Tre registi, il lockdown artistico e il mondo che verrà

scritto da: Cristinavannuzzi | segnala un abuso

Tre registi, il lockdown artistico e il mondo che verrà

Alessandro Ingrà, Massimo Di Stefano e Marco Frosini raccontano il prima e il dopo della loro professione


Tre registi, il lockdown artistico e il mondo che verrà Alessandro Ingrà, Massimo Di Stefano e Marco Frosini raccontano il prima e il dopo della loro professione Firenze Sembra passato tanto tempo ma sono appena passati circa 50 giorni da quando Alessandro Ingrà, attore regista e cabarettista ha fermato la pre-produzione del suo nuovo film dal titolo "Un week end al mare" una commedia thriller diretta insieme ai registi Massimo Di Stefano e Marco Frosini. IL lockdown ha bloccato il nuovo progetto. Un lavoro, quello del cinema, che non potrà riprendere fino a quando il contagio sarà a zero, un lavoro che non è praticamente possibile fare con modalità di lavoro agile cioè in smart working. I tre registi, già autori e director del film giallo/thriller "Storia di un Inganno", girato a fine 2013 nel territorio toscano, tra Greve in Chianti, Firenze e Fiesole e uscito al cinema e in TV, raccontano il loro lavoro cristallizzato a quasi due mesi fa. “Eravamo nella fase dei casting, sopralluoghi, ricerca sponsor e organizzazione e di punto in bianco è arrivato questo fulmine al ciel sereno - dicono i tre registi. Al primo casting, appena la settimana prima del grande blocco, ad ogni attore e attrice a fine provino, Alessandro diceva a tutti la solita cosa: “Inizieremo le riprese a settembre, Coronavirus permettendo!” E intanto Marco e Massimo lo prendevano un po’ in giro. Nessuno ancora poteva prevedere quanto sarebbe accaduto. Il contagio zero sarà l’unica possibilità per tornare a lavorare su una produzione. In un film, ci sono scene di contatto per gli attori e sul set c’è molta gente anche in una produzione a basso costo. Con la ripresa attualmente programmata, sarà forse possibile fare sopralluoghi e casting, uno ad uno su appuntamento e con il distanziamento sociale e dispositivi di prevenzione. “L'atmosfera nelle città è surreale, sembrano enormi set cinematografici abbandonati - dice Ingrà - ma il nostro settore non potrà ripartire se non quando il contagio sarà a zero. E allora le storie riprenderanno a essere raccontate, forse con una consapevolezza e una profondità ancora maggiore. Ora è il tempo della speranza e dell’attesa. I miei nonni - continua Ingrà - mi hanno raccontato tante volte della guerra a Firenze, dell'alluvione del 1966 e mi son sempre detto che con il progresso e la tecnologia eventi così drammatici non sarebbero più accaduti e invece è successo.” Ma i tre sono convinti che tutto finirà con l’estate e sognano di tornare a girare, a raccontare storie. Intanto scrivono e pensano ad altri soggetti guardando e ringraziando medici, infermieri, volontari che ogni giorno si muovono per dare una possibilità a questo paese. “Una cosa è certa - concludono - l'Italia ce la farà e ripartirà, compreso il cinema ed il teatro". press: Roberta Capanni

cinema | cultura | lockdown |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

VINCENZO CAPUA IL NUOVO SINGOLO “WEEKEND”. DAL 9 GIUGNO IN RADIO E DIGITALE


“Road to Omnichannel: la nuova era dell’e-commerce?”: questo il tema al centro del primo appuntamento di Road to Omnichannel, il nuovo ciclo di webinar di Blogmeter dedicato alla omnicanalità


Al via accordi @ DISACCORDI – Festival Internazionale del Cortometraggio – 17. Edizione ONLINE


MAX PAIELLA racconta il suo lockdown ai microfoni di Lingue a Sonagli


Dal 6 al 10 dicembre nella splendida cornice di Ronciglione si svolgerà la nuova edizione di “Cubo Cine Festival 2017”, contenitore culturale dedicato al cinema e l’audiovisivo.


Annunciati i vincitori del “Cubo Cine Award 2017”. Il Cubo Festival si svolgerà dal 6 al 10 dicembre nella splendida cornice di Ronciglione.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La Scuola di Economia Biblica

La Scuola di Economia Biblica
La Scuola di Economia Biblica è un progetto promosso dalla Scuola di Economia Civile e dal Polo Lionello Bonfanti. È nata dal desiderio di offrire spazi di approfondimento sui libri della Bibbia attraverso nuove prospettive di lettura, curate dall’economista Luigino Bruni, che da anni pubblica i suoi commenti biblici nella terza pagina domenicale di Avvenire, raccolti da Edizioni Dehoniane in diversi libri.   Perché una Scuola di Economia Biblica Mercato, moneta, debito, profitto, ma anche merito e sacrificio: nel grande racconto biblico sono presenti la maggior parte delle categorie, anche economiche, che hanno fondato la nostra civiltà. Dentro la Bibbia si trovano letture sociologiche, economiche e politico-economiche che la Scuola sta portando alla luce, facendole dialogare con (continua)

LA MODA SOSTENIBILE

LA MODA SOSTENIBILE
Moda sostenibile: cosa significa realmente? se ne parla tantissimo ma c’è sempre più confusione. Oggi più che mai la verità attorno al tema “moda e sostenibilità” è manipolata da aziende e stakeholder il cui unico interesse continua ad essere il profitto, ai danni di milioni di persone e dell’ambiente. Anche l’educazione attorno ad un tema così sensibile è diventata puramente un business invece che un servizio. Una direzione pericolosa che esclude milioni di persone. Taking Action Abbiamo dunque sentito l’esigenza di potenziare ed amplificare i nostri progetti formativi (WRÅD Education) attraverso la creazione di SCHOOL OF WRÅD (S.O.W.), la prima piattaforma indipendente e digitale dedicata alla cultura della sostenibilità con un focus particolare su design, comunicazione e management. MODA SOSTENIBILESCHOOL OF WRÅD (S.O.W.), la prima piattaforma indipendente e digitale dedicata alla cultura della sostenibilitàModa sostenibile: cosa significa realmente? Se ne parla tantissimo ma c’è sempre più confusione, così WRÅD ha colto l’esigenza di potenziare ed amplificare i progetti formativi (WRÅD Education) attraverso la creazione di SCHOOL OF WRÅD (S.O.W.), la prima piattafo (continua)

Proposte Natalizie allo Spazio Art d'Or a Bari

Proposte Natalizie allo Spazio Art d'Or a Bari
Natale allo Spazio Art d'Or a Bari "Les petits animaux pour le FAI" la proposta natalizia di Marina Corazziari, piccole spille raffiguranti animaletti scelte in favore del FAI (Fondo Ambiente Italiano) NATALE ALLO SPAZIO ART d’OR A BARISabato 19 e domenica 20 dalle ore 11,00 alle 20,00Il primo Natale allo Spazio Art d’Or, la galleria multimediale delle eccellenze del made in Italy inaugurata a ottobre da Marina Corazziari, un progetto   innovativo che la stilista di gioielli curava da tempo,  una realtà internazionale composta da creativi a 360° nel campo dell'arte, della mo (continua)

COME GLI DEI di Vito Antonio Loprieno

COME GLI DEI di Vito Antonio Loprieno
Giovedì 17 dicembre 2020 ore 17,00 con Vito Antonio Loprieno autore di "Come gli Dei" - Radici Future Edz. per ‘L’après midi a l’Art d’Or’ in via Melo, 188 - Bari dove l'autore dialogherà con Antonio V. Gelormini, per fare un altro salto nella Storia, in questo anomalo clima natalizio, che ci vede resistere agli attacchi pandemici. “COME GLI DEI” Appuntamento per l’après midi allo Spazio Art d’OrGiovedì 17 dicembre ore 17,00  Spazio Art d’Or, galleria multimediale delle eccellenze del made in Italy, vuole essere una innovativa realtà internazionale composta da creativi a 360° nel campo dell'arte, della moda e del design, un progetto fortemente innovativo per la città di Bari, che mira a creare una sinergia (continua)

CARAFA – IL SIGILLO DEL CRISTO VELATO

CARAFA – IL SIGILLO DEL CRISTO VELATO
AMOR VINCIT OMNIA - Fabrizio Carafa e Maria d’Avalos si amavano da morire. Una passione travolgente che li condusse all’immolazione estrema, per regalarli alla storia e dar vita a una “Palingenesi” dei sentimenti senza tempo. In “Carafa - il sigillo del Cristo Velato” - Gelsorosso Edz., Alfredo De Giovanni e la sua squadra di speleologi ‘letterari’ passano dal sottosuolo murgiano di Castel del Monte a quello partenopeo della più blasonata Napoli Capitale.   CARAFA – IL SIGILLO DEL CRISTO VELATO ALLO SPAZIO ART d’OR  AMOR VINCIT OMNIA - Fabrizio Carafa e Maria d’Avalos si amavano da morire. Una passione travolgente che li condusse all’immolazione estrema, per regalarli alla storia e dar vita a una “Palingenesi” dei sentimenti senza tempo.In “Carafa - il sigillo del Cristo Velato” - Gelsorosso Edz., Alfredo De Giovanni e (continua)