Home > Lavoro e Formazione > Il packaging farmaceutico per la sicurezza del medicinale

Il packaging farmaceutico per la sicurezza del medicinale

scritto da: Di Renzo Regulatory Affairs | segnala un abuso

Il packaging farmaceutico per la sicurezza del medicinale

Il packaging nel settore farmaceutico è importante perché deve proteggere il medicinale, informare allo stesso tempo il paziente come conservarlo e come assumerlo.


Quando si parla di contenitore del medicinale, si pensa solamente alla scatola esterna, in realtà il packaging farmaceutico si divide in due parti separate. L’imballaggio o packaging primario è l’involucro che è a stretto contatto con il medicinale

ed è quello che, principalmente, lo difenderà dagli agenti esterni. Fanno parte di questa categoria, per esempio, i blister che contengono le capsule o compresse, le bustine che contengono le polveri o granulati, le fiale per le soluzioni, ecc.

Il packaging secondario invece è l’involucro più esterno, come la scatola di cartone che conterrà il packaging primario e riporterà le informazioni necessarie e obbligatorie che riguardano il medicinale o integratore alimentare.

nche il packaging secondario avrà la funzione di conservare il prodotto in maniera adeguata proteggendolo, per esempio, da contaminazioni esterne come umidità e dalla luce. Quando si parla di packaging farmaceutico non si deve pensare a dei semplici contenitori, ma a mille regole da rispettare da parte del produttore del farmaco. Il confezionamento deve, per esempio, prevenire l’uso da parte dei bambini utilizzando dei sistemi di blocco come il tappo a pressione e rotazione.

Progettare e realizzare il packaging farmaceutico è un lavoro delicato e oggi che si guarda anche all'ecologia, si stanno studiando nuove tecnologie e nuovi metodi per realizzarli. Uno dei maggiori sprechi, per esempio, sono gli scarti di produzione dei blister in alluminio. Per ovviare a questo problema si sta pensando di utilizzare le stampanti in 3D per sostituire le presse per conferire le forme e limitare quindi gli sprechi di produzione.

L’altro problema è l’eccessivo uso della plastica e anche qui le industrie specializzate stanno studiando il modo per utilizzare materiale meno inquinanti, come le bioplastiche, ma che possano assicurare sempre una adeguata sicurezza di conservazione del prodotto farmaceutico.

Infine il packaging farmaceutico deve anche guardare al problema della contraffazione. In piena pandemia Covid-19, le autorità internazionali, con l’operazione PANGEA XIII, hanno sequestrato molti prodotti farmaceutici illegali e contraffatti, per un valore di 14 milioni di dollari.

Tra i medicinali più sequestrati ci sono antibiotici, farmaci per disfunzioni erettili e antidolorifici. Cosa centra il packaging con i medicinali contraffatti? La lotta contro questo tipo di traffico illecito passa anche attraverso le scatole del medicinale con l’applicazione di codici generati casualmente e memorizzati in database e con l’applicazione di una filigrana che ne garantisce l’originalità.

packaging farmaceutico | farmci |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Acquistare packaging personalizzato dalla Cina


Farmaco brevetto scaduto: la responsabilità del medico prescrittore


Il farmaco generico e le norme sulla responsabilità nella prescrizione


Concorso fotografico Packlick Mem. G. Meana: premiate la sostenibilità e la creatività fotografica


ADF Award 2020: premiato Arnistil di DOC Ofta per il packaging più innovativo in farmacia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Scegliere le mascherine in base alla situazione

Scegliere le mascherine in base alla situazione
Le raccomandazioni per superare la pandemia e abbassare la curva dei contagi da Covid-19 sono sempre le stesse. Mantenimento della distanza interpersonale, lavarsi spesso le mani con sapone o con gel igienizzante e indossare la mascherina anche all’aperto. Dall’inizio della pandemia abbiamo iniziato a prendere conoscenza con varie terminologie legate alle protezioni facciali e abbiamo iniziato a riconoscere la differenza tra mascherine auto-prodotte, mascherine chirurgiche e mascherine FFP2 e FFP3.Quelle autoprodotte, chiamate anche di comunità, non possono essere considerate dispositivi medici né tanto meno dispositivi di protezione individuali, ma (continua)

Integratori, quali i danni di un consumo eccessivo?

Integratori, quali i danni di un consumo eccessivo?
La maggior parte dei consumatori ritiene che l’assunzione di sostanze “naturali” posso sola essere un beneficio, e non perdono troppo tempo a verificarne l’origine o le quantità. In aggiunta, la grande disponibilità di prodotti erboristici e integratori alimentari in tutti i canali di vendita – supermercati, siti internet, farmacie – rende estremamente semplice approvvigionarsi di tutte le varietà che il mercato può offrire. È infatti noto a tutti che gli integratori alimentari non sono medicinali, non necessitano di una ricetta del medico, e sono generalmente ben tollerati. Tuttavia, non è altrettanto noto che essi possono comunque avere effetti indesiderati, che possono essere dovuti a ipersensibilità individuali, a patologie concomitanti, ad abuso o a scarsa qualità del prodotto. Se prima di procedere (continua)

COVID-19, la prevenzione inizia in casa

COVID-19, la prevenzione inizia in casa
Cosa fare per difenderci dal coronavirus quando ci troviamo in ambienti molto frequentati (posto di lavoro, mezzi pubblici, negozi, bar e ristoranti ecc.) ormai lo sappiamo tutti: mantenere il distanziamento sociale, indossare sempre la mascherina, lavare o disinfettare spesso le mani. Cosa dobbiamo fare, invece, per difenderci tra le mura domestiche? La maggior parte di noi, infatti, ha imparato a sentirsi sicuro “almeno” in casa: è qui che ci sentiamo di toglierci la mascherina e toccare oggetti e superfici in tutta tranquillità. Tuttavia, anche in casa è bene prendere le dovute precauzioni , soprattutto se la nostra vita quotidiana  (continua)

Dove lo butto? Un’etichetta ci aiuta a differenziare

Dove lo butto? Un’etichetta ci aiuta a differenziare
L’introduzione, su tutto il territorio nazionale, della raccolta differenziata ha portato nelle nostre vite un dubbio amletico quotidiano: dove buttare cosa. I sistemi variano da comune a comune, ma le multe sono ovunque salate, ed individuare il contenitore giusto non è sempre facile per tutti gli articoli. Dove lo butto il flacone del deodorante, mezzo di vetro e mezzo di plastica? E i gusci delle cozze vanno comunque nell’umido? E i cartoni unti della pizza?Se poi, alla difficoltà, si aggiungono lo scarso impegno e la disinformazione dei cittadini – (continua)

Integratori alimentari per il corpo e la mente

Integratori alimentari per il corpo e la mente
Allenare il corpo e mantenere attiva la mente, questo è il trucco non trucco per mantenersi giovane e prevenire alcune malattie. Esercizio fisico e mentale, un’alimentazione sana e a supportarci possono esserci d’aiuto gli integratori alimentari. Se per mantenere efficiente il corpo, facciamo esercizi fisici, camminate all’aperto, iniziamo ad andare costantemente in bicicletta, per la mente è importante leggere molto ed esercitarsi, per esempio, con l’enigmistica. Oltre che a tenere allenata la mente bisogna anche dargli il giusto cibo per mantenersi giovane. Una dieta che contiene verdura, frutta, cereali integrali, latti (continua)