Home > Ambiente e salute > COVID-19, la prevenzione inizia in casa

COVID-19, la prevenzione inizia in casa

scritto da: Di Renzo Regulatory Affairs | segnala un abuso

COVID-19, la prevenzione inizia in casa

Cosa fare per difenderci dal coronavirus quando ci troviamo in ambienti molto frequentati (posto di lavoro, mezzi pubblici, negozi, bar e ristoranti ecc.) ormai lo sappiamo tutti: mantenere il distanziamento sociale, indossare sempre la mascherina, lavare o disinfettare spesso le mani.


Cosa dobbiamo fare, invece, per difenderci tra le mura domestiche? La maggior parte di noi, infatti, ha imparato a sentirsi sicuro “almeno” in casa: è qui che ci sentiamo di toglierci la mascherina e toccare oggetti e superfici in tutta tranquillità. Tuttavia, anche in casa è bene prendere le dovute precauzioni , soprattutto se la nostra vita quotidiana ci porta spesso fuori o comunque in contatto con altre persone, non su base regolare. Niente paura, a meno di malati COVID tra i conviventi, non è necessario procedere a chissà quale disinfezione. Basterà continuare con la normale prassi di pulizia, scegliendo i prodotti da usare in maniera più mirata. Per la casa, in generale, è bene usare prodotti a base di candeggina o alcol, preferibilmente quelli che siano stati autorizzati come Presidi medico chirurgici: questo significa che le proprietà disinfettanti del prodotto sono state testate e in molti casi si può trovare in etichetta anche la dichiarazione che il prodotto è attivo nei confronti dei virus. Riconoscere i PMC è abbastanza semplice, poiché essi recano sempre il simbolo di una croce rossa stampata sull’etichetta, il numero di registrazione come PMC e la percentuale di principio attivo. Meglio usare questi prodotti puri o poco diluiti, arieggiando gli ambienti dopo il loro utilizzo. Anche i normali detersivi e detergenti possono comunque essere di aiuto, soprattutto in quelle zone della casa in cui non c’è passaggio con l’esterno. Pur non avendo efficacia comprovata contro virus e batteri, questi prodotti sono in grado di rimuoverli – come fa il sapone quando ci laviamo le mani – riducendo così la loro permanenza sulle superfici. Per lavare piatti e stoviglie, che potremmo aver contagiato senza saperlo, il consiglio è di usare sempre la lavastoviglie, con risciacquo a 70°C. In mancanza di una lavastoviglie, i piatti devono essere strofinati bene , in modo che l’azione meccanica possa sopperire alla bassa temperatura dell’acqua. Vestiti e scarpe non necessitano di disinfezione: l’unica accortezza è togliersi le scarpe appena si è in casa, lavando immediatamente le mani. Per tutto gli altri oggetti che tocchiamo spesso, soprattutto i cellulari e la tastiera del computer, è consigliato l’uso di alcol puro da applicare con un panno morbido per non fare danni. Tutt’altra storia sono l’igiene e la disinfezione in caso di un familiare infetto, soprattutto se in quarantena in casa. In questi casi, è bene informarsi sui siti del Ministero della Salute, delle regioni o della ASL sulla corretta prassi da seguire per bloccare la trasmissione del virus, fino alla negativizzazione del soggetto. Poche accortezze, da mettere in pratica con più attenzione del solito e con molta pazienza. 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

COVID-19 e rischio coagulazione, nasce il primo registro italiano dei pazienti a cura degli scienziati della Fondazione Arianna Anticoagulazione


Gli effetti a breve e lungo termine del Covid-19: dolore, alterazione del sonno, ansia, paura


Emergenza Coronavirus e le difficili condizioni di noi medici lavoratori: la lettera aperta delle RSA ANMIRS


Ictus: “Indispensabile prevenzione primaria dei fattori di rischio quanto tempestiva e corretta diagnosi di patologie correlate”


Laboratorio analisi Roma – prevenzione di Maggio con il Gruppo Sanem


Per Carlo Spinelli (IDD) ospedali ed RSA della Lombardia vere e proprie bombe al CoVid-19


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Dove lo butto? Un’etichetta ci aiuta a differenziare

Dove lo butto? Un’etichetta ci aiuta a differenziare
L’introduzione, su tutto il territorio nazionale, della raccolta differenziata ha portato nelle nostre vite un dubbio amletico quotidiano: dove buttare cosa. I sistemi variano da comune a comune, ma le multe sono ovunque salate, ed individuare il contenitore giusto non è sempre facile per tutti gli articoli. Dove lo butto il flacone del deodorante, mezzo di vetro e mezzo di plastica? E i gusci delle cozze vanno comunque nell’umido? E i cartoni unti della pizza?Se poi, alla difficoltà, si aggiungono lo scarso impegno e la disinformazione dei cittadini – (continua)

Integratori alimentari per il corpo e la mente

Integratori alimentari per il corpo e la mente
Allenare il corpo e mantenere attiva la mente, questo è il trucco non trucco per mantenersi giovane e prevenire alcune malattie. Esercizio fisico e mentale, un’alimentazione sana e a supportarci possono esserci d’aiuto gli integratori alimentari. Se per mantenere efficiente il corpo, facciamo esercizi fisici, camminate all’aperto, iniziamo ad andare costantemente in bicicletta, per la mente è importante leggere molto ed esercitarsi, per esempio, con l’enigmistica. Oltre che a tenere allenata la mente bisogna anche dargli il giusto cibo per mantenersi giovane. Una dieta che contiene verdura, frutta, cereali integrali, latti (continua)

Arte più scienza, uguale HOMO

Arte più scienza, uguale HOMO
L'arte e la scienza sono un binomio imprescindibile, un legame che spesso viene interrogato dall'uomo per capirne la forza e la durata. Sapevate che Leopardi è stato uno storico dell’astronomia? E che Galileo s’interessava di musica? Storie, aneddoti e riflessioni sul tema della rapporto tra l’arte e la scienza ci vengono raccontato da Pietro Greco, giornalista che da sempre si occupa di divulgazione scientifica in Italia.Il suo nuovo libro, Homo. Arte e scienza, pubblicato da Di Renzo Editore, ci racconta i grandi momenti della s (continua)

Il packaging farmaceutico per la sicurezza del medicinale

Il packaging farmaceutico per la sicurezza del medicinale
Il packaging nel settore farmaceutico è importante perché deve proteggere il medicinale, informare allo stesso tempo il paziente come conservarlo e come assumerlo. Quando si parla di contenitore del medicinale, si pensa solamente alla scatola esterna, in realtà il packaging farmaceutico si divide in due parti separate. L’imballaggio o packaging primario è l’involucro che è a stretto contatto con il medicinale ed è quello che, principalmente, lo difenderà dagli agenti esterni. Fanno parte di questa categoria, per esempio, i blist (continua)

Gli occhiali su misura sono dispositivi medici

Gli occhiali su misura sono dispositivi medici
Gli occhiali da vista sono dispositivi medici su misura in quanto vengono consegnati e realizzati dall'ottico, mediante composizione della lente e della montatura, su specifica prescrizione medica per un singolo paziente. L’occhiale da vista su misura è composto da un accessorio (la montatura) e da dispositivi di serie (le lenti). Il prodotto finale, frutto dell’operazione di montaggio impatta la capacità visiva dell’utilizzatore al punto di compensare le ametropie.Questi prodotti sono oggi disciplinati dalla Direttiva 93/42/CEE e dal Regolamento 2017/745 UE. A partire da maggio 2021l questa suddetta direttiva sarà (continua)