Home > Ambiente e salute > Integratori alimentari per il corpo e la mente

Integratori alimentari per il corpo e la mente

scritto da: Di Renzo Regulatory Affairs | segnala un abuso

Integratori alimentari per il corpo e la mente

Allenare il corpo e mantenere attiva la mente, questo è il trucco non trucco per mantenersi giovane e prevenire alcune malattie. Esercizio fisico e mentale, un’alimentazione sana e a supportarci possono esserci d’aiuto gli integratori alimentari.


Se per mantenere efficiente il corpo, facciamo esercizi fisici, camminate all’aperto, iniziamo ad andare costantemente in bicicletta, per la mente è importante leggere molto ed esercitarsi, per esempio, con l’enigmistica.

Oltre che a tenere allenata la mente bisogna anche dargli il giusto cibo per mantenersi giovane. Una dieta che contiene verdura, frutta, cereali integrali, latticini, frutti di mare e olio è un’alimentazione equilibrata che soddisfa i requisiti per avere sempre un cervello attivo e reattivo. Una dieta equilibrata deve includere, ogni giorno, due o tre porzioni di frutta e verdura. Molti frutti e verdure contengono molti antiossidanti

La frutta secca, come le noci, è ricca di omega-3, utile per il sistema circolatorio tenendo sotto controllo il colesterolo. Quando alcuni di questi alimenti viene a mancare è possibile riequilibrare con degli integratori alimentari, che non devono sostituire una corretta alimentazione ma supportarla e integrarla

Il nostro cervello è sovra stimolato, lavoro, impegni stressanti e preoccupazioni, appesantiscono il carico di lavoro affaticandolo, causando problemi di concentrazione, facendolo invecchiare precocemente.

Gli integratori alimentari idonei per aiutare la mente a non invecchiare, possono aiutare a migliorare il pensiero cognitivo, migliorare la memoria e la creatività, livellare gli sbalzi d’umore e ridurre il rischio di demenza senile.

La parola da tenere sempre a mente è aiutare. Gli integratori alimentari non devono sostituirsi ad un’alimentazione equilibrata e ad una vita sana, ma possono essere di supporto a questa. Altra cosa da non dimenticare è quella di chiedere sempre al proprio medico curante se si può assumere quel determinato integratore

Questo perché un integratore alimentare potrebbe interagire in modo negativo con un farmaco che si assume per curare una determinata malattia o se quel tipo di integratore sia incompatibile con una patologia di cui si soffre.

Il fatto di vedere le confezioni di integratori sugli scaffali del supermercato non è indice di rischi per controindicazioni. L’importante è affidarsi sempre a chi ci conosce a livello sanitario.

Da un paio di anni tra le tante confezioni troviamo anche quelle indicate come integratori biologici. La dicitura non deve ingannare il consumatore, il prodotto non è meglio degli altri, ha come peculiarità di essere generato con prodotti provenienti da allevamenti o piantagioni che hanno ottenuto il certificato di produzione biologica.

Un integratore alimentare per essere dichiarato tale, deve essere prodotto con almeno il 95% da materie di provenienza biologica. L’acquisto di un integratore alimentare deve essere fatto con oculatezza, senza affidarsi a brand poco conosciuti o che non ripettino le normative vigenti per la produzione e la messa in commercio.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Festival Smart Cityness: l’innovazione territoriale e la collaborazione locale, dal 2 al 4 ottobre, Cagliari


EUGENIO RIPEPI: “ROMA NON SI RADE” è il nuovo album del cantautore ligure in uscita il 3 luglio


Per un Inverno al top: Integratori Energetici


Integratori Alimentari Naturali. Quali Benefici?


Aziende produttrici di integratori alimentari contro la diarrea


Acquistare integratori alimentari online è sicuro?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Arte più scienza, uguale HOMO

Arte più scienza, uguale HOMO
L'arte e la scienza sono un binomio imprescindibile, un legame che spesso viene interrogato dall'uomo per capirne la forza e la durata. Sapevate che Leopardi è stato uno storico dell’astronomia? E che Galileo s’interessava di musica? Storie, aneddoti e riflessioni sul tema della rapporto tra l’arte e la scienza ci vengono raccontato da Pietro Greco, giornalista che da sempre si occupa di divulgazione scientifica in Italia.Il suo nuovo libro, Homo. Arte e scienza, pubblicato da Di Renzo Editore, ci racconta i grandi momenti della s (continua)

Il packaging farmaceutico per la sicurezza del medicinale

Il packaging farmaceutico per la sicurezza del medicinale
Il packaging nel settore farmaceutico è importante perché deve proteggere il medicinale, informare allo stesso tempo il paziente come conservarlo e come assumerlo. Quando si parla di contenitore del medicinale, si pensa solamente alla scatola esterna, in realtà il packaging farmaceutico si divide in due parti separate. L’imballaggio o packaging primario è l’involucro che è a stretto contatto con il medicinale ed è quello che, principalmente, lo difenderà dagli agenti esterni. Fanno parte di questa categoria, per esempio, i blist (continua)

Gli occhiali su misura sono dispositivi medici

Gli occhiali su misura sono dispositivi medici
Gli occhiali da vista sono dispositivi medici su misura in quanto vengono consegnati e realizzati dall'ottico, mediante composizione della lente e della montatura, su specifica prescrizione medica per un singolo paziente. L’occhiale da vista su misura è composto da un accessorio (la montatura) e da dispositivi di serie (le lenti). Il prodotto finale, frutto dell’operazione di montaggio impatta la capacità visiva dell’utilizzatore al punto di compensare le ametropie.Questi prodotti sono oggi disciplinati dalla Direttiva 93/42/CEE e dal Regolamento 2017/745 UE. A partire da maggio 2021l questa suddetta direttiva sarà (continua)

Regole e rischi della pubblicità dei medicinali omeopatici

Regole e rischi della pubblicità dei medicinali omeopatici
La normativa vigente in materia di pubblicità dei medicinali omeopatici deriva dal D.lgs. 219/2006 e dalle modifiche introdotte con il D.lgs. n. 274 del 29 dicembre 2007. Si definisce medicinale omeopatico ogni medicamento ottenuto utilizzando sostanze di origine minerale, chimica, vegetale, animale e biologica secondo processi di produzione specifici indicati nelle farmacopee ufficiali. I medicinali omeopatici attualmente in commercio in Italia hanno goduto delle disposizioni transitorie definite dall’art. 20 del D.lgs. 219/2006 che ha permesso ai prodotti già presenti sul mercato alla data del 6 giugno 1995 di rimanere in commercio, in virtù di una disposizione ope legis. La Procedura di rinnovo dell’autorizzazione ope legis (Legge n. 190/2014) ha consentito (continua)

Superare un lutto non è facile se il lutto viene negato

Superare un lutto non è facile se il lutto viene negato
Siamo nella fase 3 della più grande pandemia di questo secolo. Con se il Covid-19 ha fatto molte vittime e portato con se molti strascichi sulle persone che hanno lasciato le sale intensive degli ospedali. Traumi psicologici si riscontrano sulle persone che non hanno retto al lockdown e alla quarantena forzata. Molte di queste persone hanno paura ad uscire di nuovo, stanno (continua)