Home > Musica > MilleVoci senza Dino? Impossibile!

MilleVoci senza Dino? Impossibile!

scritto da: Millevoci | segnala un abuso

MilleVoci senza Dino? Impossibile!

Dino, all'anagrafe è Eugenio Zambelli, dotato di una buona intonazione, partecipava ai primi concorsi quando era ancora bambino. Si trovava spesso a gareggiare con una sua coetanea, Gigliola Cinquetti. La incontrò nel 1959 ad uno spettacolo di operetta per ragazzi. Due anni dopo, il primo Pinocchietto d'oro con il celebre successo di Mina Le mille bolle blu. Proprio durante una di queste esibizioni nel dicembre 1961 viene notato da Ennio Ottofaro, che gli propone di entrare come voce solista nel gruppo musicale de "Kings".


Dotato di una buona intonazione, ancor bambino partecipò ai primi concorsi e spesso si ritrova a gareggiare con una certa  Gigliola Cinquetti, che incontrò per la prima volta nel 1959 durante uno spettacolo di operetta per ragazzi che, due anni dopo, superò arrivando primo al Pinocchietto d'oro col celebre successo di Mina Le mille bolle blu.

Proprio durante una di queste esibizioni nel dicembre 1961 venne notato da Ennio Ottofaro, che gli propone di entrare come voce solista nel gruppo dei Kings.

Nel 1963 i Kings parteciparono alla seconda edizione del Festival degli sconosciuti di Ariccia classificandosi al primo posto.

Teddy Reno rimase colpito dalla voce del cantante, e propose ad Eugenio un contratto con l'ARC col nome d'arte "Dino" che era già il diminutivo adottato in famiglia. I Kings furono scritturati come gruppo d'accompagnamento del cantante.

Il primo 45 giri di Dino, Eravamo amici/Così come sei, venne pubblicato nella primavera del 1964: la canzone sul lato A fu iscritta all'edizione del Cantagiro (quello di una volta che non c'è più), ed  il cantante arrivò primo in alcune tappe, diventando presto un idolo per le ragazzine (anche per il suo bell'aspetto). Ottenne un buon successo di vendita (superiore a quello della canzone vincitrice, La voglia dell'estate di Paolo Mosca).

Venne chiamato come ospite in molte trasmissioni televisive, tra cui La fiera dei sogni, presentata da Mike Bongiorno, e il successo del disco viene superato dal secondo, contenente sul lato A una canzone scritta per lui da Sergio Endrigo e Sergio BardottiTe lo leggo negli occhi, che diventa uno dei brani più noti degli anni '60 (e in seguito verrà reincisa anche da Giorgio Gaber e Franco Battiato), e sul retro una cover di I should have known better dei Beatles, tradotta da Don Backy come Cerca di capire.

Con il terzo disco, Il ballo della bussola, fu rottura con i Kings: la casa discografica scelse infatti l'arrangiamento del maestro Ennio Morricone e non quello, decisamente più rock del gruppo. Dino, posto davanti alla scelta si adeguò, mentre i Kings  rifiutarono di accompagnarlo al Cantagiro abbandonando l'ARC. Furono sostituiti da un altro gruppo veronese, i Misfits, poi Rollicks.

In ogni caso Il ballo della bussola partecipò nuovamente al Cantagiro, questa volta tra i Big, ottenendo molto successo (sul lato B vi è Ma c'è un momento del giorno, cover di You've lost that lovin' feelin' dei Righteous Brothers); pubblicò poi il suo primo album, Dino, e partecipò a vari musicarelli: Fu protagonista ne Le sedicenni di Luigi Petrini e in Altissima pressione di Enzo Trapani (con Gianni MorandiFrançoise HardyLucio DallaNino Taranto e Agnes Spaak), lanciando rispettivamente Sai, sai, sai (arrangiata da Bruno Canfora) e Il ragazzo di ghiaccio (su musica ancora di Morricone). Queste due canzoni diedero vita al suo quarto singolo.

Il primo contatto con il cinema avvenne con la proposta del regista Luchino Visconti per un ruolo nel film Vaghe stelle dell'Orsa, poi affidato a Jean Sorel poiché il sedicenne Dino rifiutò per dedicarsi interamente alla carriera di cantante.

Il successo continuò negli anni successivi, con una nuova partecipazione al Cantagiro nel 1966 con Chi più di me (scritto da Paul Anka, con sul retro Comincia l'amore, di Lucio Dalla), a Scala reale dello stesso anno con Piccola mia piccola, e nel 1967 con l'incisione in italiano di una canzone di Stevie WonderA place in the sun, che diventò Il sole è di tutti e che viene cantata anche dallo stesso cantante statunitense.

Nel 1968 partecipò al Festival di Sanremo con Gli occhi miei, che fu poi ripresa anche da Tom Jones e diventando un suo cavallo di battaglia con il titolo di Help Yourself. Pubblicò poi una cover in italiano di The Sound of Silence di Simon and Garfunkel, intitolata La tua immagine.

Segue Simone Simonette, partecipante ad Un disco per l'estate 1969.

Il secondo album, Dino, e il singolo pubblicato nello stesso periodo, Bye bye city, non ottennero successo (nonostante questa sia una buona canzone di Pierre Groscolas, e sul retro vi sia la bella cover di The windmills of your mind di Michel Legrand, tratta dalla colonna sonora di Il caso Thomas Crown, film del 1968 di Norman Jewison).

Dopo una pausa forzata dovuta al servizio militare, con il cambio di casa discografica e il passaggio alla RCA Italiana non ottenne risultati di rilievo, nonostante la partecipazione a Un disco per l'estate 1971 con Notte calda.

Passò poi alla Ariston Records e partecipò ad Un disco per l'estate 1973 con scarsi risultati, nonostante la canzone Parla chiaro Teresa, scritta da Luciano Rossi, sia discreta: decise quindi di abbandonare l'attività musicale e si trasferì a Torino.

Tornò quindi sulle scene sull'onda del revival degli anni '60. Era ancora in attività, si esibiva e incise anche alcuni cd con materiale inedito.

Dal 2010 è ospite fisso nel programma musicale televisivo MilleVoci di Gianni Turco, visibile in tutta Europa sulla piattaforma Sky e sul digitale terrestre in Italia. Oltre che ad esibirsi con brani di suoi successi del passato, Dino presenta, in questo programma, anche canzoni inedite.

Dal 16 novembre 2011 è stato impegnato nella commedia musicale Noi che... Gli anni migliori di Carlo Conti al Teatro Salone Margherita (Roma). Nel 2019 incide per l'etichetta Lavocedelledonne il brano "Angela" di Luigi Tenco incluso nella compilation "Il regno di Luigi"


Fonte notizia: http://www.millevoci.it


dino | te lo leggo negli occhi | festival | millevoci | gi ochi miei | castrocaro |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MilleVoci, in preparazione la nuova edizione 2017.


Ci siamo! MilleVoci al nastro di partenza.


MilleVoci, presto in onda.


MilleVoci si triplica.


Arteam Cup 2020


MileVoci, sempre in alto!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.
Niente compensi né gettoni di presenza ma uno show televisivo con tutti i crismi, diffuso gratuitamente alle emittenti che lo vogliono. È ‘MilleVoci’, cui la nostra rivista da sempre dà volentieri una mano. “MilleVoci” è uno spettacolo musicale in onda su molte Tv italiane, regionali, nazionali, su Sky per l'Europa. E' senza fini di lucro, diretto ad un pubblico d'ogni età, distribuito gratuitamente alle emittenti televisive che ne fanno richiesta ma adatto anche alla diffusione radiofonica. È anche inserito su portali musicali in internet. 'MilleVoci”, realizzato ogni anno in primavera (fatta ec (continua)

Giovanna Nocetti: "Chi non è stato almeno una volta a MilleVoci... è nessuno!"

Giovanna Nocetti:
Studia canto e chitarra con la professoressa Ida Neukusler, ed inizia a partecipare a numerosi concorsi canori per dilettanti. Si trasferisce a Milano e studia armonia jazz con il maestro Sante Palumbo, che riesce a procurarle un contratto con la Meazzi, etichetta con cui debutta nel 1967. Nel 1969 partecipò al gioco televisivo Settevoci con il brano Il muro cadrà facendosi conoscere a livello nazionale.Nel 1970 passò alla Ariston Records e partecipò al Cantagiro (quello vero di un volta) con Canne al vento, scritta da Mino Reitano; nello stesso anno partecipò alla Mostra internazionale di musica leggera  (continua)

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.
Si trasferisce ancora bambino da Vigevano, sua città Natale, a Genova, città dove frequenta l'Istituto Nautico; a soli 14 anni incide il primo 45 giri con due brani, Sono dannato e Flirt, due pezzi Rock 'n' roll che esegue con l'accompagnamento dell'Orchestra Zanti e con la denominazione Gianfranco Maisano. Durante il periodo scolastico si esibiva dal vivo con un suo gruppo nei locali della sua città, e venne notato dal maestro Gian Piero Reverberi che gli fece incidere una sua canzone, Ma se tu vorrai, per la Assolo, una sottoetichetta della Karim. Il disco suscitò l'attenzione della RCA Italiana, che decise di contrattarlo.Nel 1963 partecipò, con Se mi v (continua)

I "Romans" non potevano mancare a MilleVoci.

I
Il gruppo dei "Romans" vide la sua fondazione nel 1959 per iniziativa di Renato Lodispoto che, lasciato il gruppo "The Happy Friends" per formarne uno più moderno, contattò lo studente di ragioneria Ignazio Polizzi (poi Polizzy) Carbonelli che si presentava come pianista e cantante. Insieme contattarono un collega di Polizzy, Alberto Cori, sassofonista. A loro volta i tre contattarono uno studente dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia, Diego Petrera, batterista, ed assieme diedero vita ai primi concerti nella loro città col nome de "I Romans". Mancava un chitarrista e proprio durante un'esibizione al dancing Olimpo, al quartiere Tuscolano, furono contattati da un "pischello", un certo Claudio Natili, allora studente di liceo classico. L'accordo fu raggiunto ed il sodalizio iniziò con esibizioni in tour, con un repertorio di  canzoni scritte dal duo Polizzy-Natili.Nel 1957 si classificarono al terzo posto nella quarta (continua)

A MilleVoci i "Milk and coffee".

A MilleVoci i
I Milk and Coffee sono un gruppo musicale italiano, formatosi alla fine degli anni settanta. Il quartetto è sempre stato composto da una voce maschile e tre femminili. La formazione: Daniel Faro, Morena Rosini, Monica Persiani e Irina La Font. Ai loro esordi, nel 1977, con formazione diversa dall'attuale, composero il tema del film Pugni dollari e spinaci: Goodbye San Francisco. L'anno successivo il brano Lady Blue fu prestato come sigla ad Alto gradimento, celebre programma trasmesso da Rai Radio 2.Nel 1980 parteciparono al format televisivo A tutto gag, che adottò come sigla il brano Indian (continua)