Home > News > Creiamo la pace insieme - 21 settembre: GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA PACE

Creiamo la pace insieme - 21 settembre: GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA PACE

scritto da: Notiziepubblichepadova | segnala un abuso

Creiamo la pace insieme - 21 settembre:  GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA PACE

E’ una giornata fondamentale in un mondo afflitto dalle guerre…. E oggi da un nemico uguale per tutti, come il Covid19.


E’ una giornata fondamentale in un mondo afflitto dalle guerre…. E oggi da un nemico uguale per tutti,  come il Covid19.

Che siano conosciute o meno veicolate mediaticamente, come quelle che coinvolgono tante minoranze nel mondo, la giornata ha lo scopo di parlare di queste guerre, creando maggiore consapevolezza:  il primo passo per la fine delle ostilità. 

Il tema scelto dall’ONU per la giornata del 2020 è “Creiamo la pace insieme.” Quest’anno il nemico è uguale per tutti. Siamo tutti coinvolti ed effetto di questa terribile pandemia da Covid 19, dove il nemico è uguale per tutti e solamente uniti potremo proteggere noi stessi e gli altri. 

Ecco dove entra in campo l’attuazione della Dichiarazione dei i diritti umani. In ogni aspetto dell’esistenza. 

LEGGE INTERNAZIONALE SUI DIRITTI UMANI

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani è uno standard ideale che le nazioni di tutto il mondo condividono, ma non ha forza di legge. Pertanto, tra il 1948 ed il 1966, il compito principale della Commissione delle Nazioni Unite per i Diritti Umani è stato quello di creare un corpo di leggi internazionali sui diritti umani basato sulla Dichiarazione e di istituire i meccanismi necessari a farne osservare l’attuazione e l’uso.

La Commissione sui Diritti Umani ha creato due importanti documenti: il Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici (ICCPR) e il Patto Internazionale sui Diritti Economici, Sociali e Culturali (ICESCR). Entrambi divennero leggi internazionali nel 1976. Insieme alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, questi due Patti costituiscono quello che è noto come Documento Internazionale dei Diritti.

La ICCPR si concentra su questioni quali il diritto alla vita, la libertà di parola, di religione e di voto. La ICESCR si concentra sul cibo, istruzione, salute e asilo. Entrambi questi patti proclamano questi diritti per tutte le persone e proibiscono la discriminazione.

L’articolo 26 della ICCPR diede vita al Comitato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani. Il Comitato, composto da esperti sui diritti umani, è responsabile di assicurarsi che ogni firmatario dell’ICCPR adempia alle sue funzioni. Il Comitato esamina i rapporti forniti dai vari Paesi ogni cinque anni per assicurarsi che stiano adempiendo al Patto e pubblica i suoi ritrovamenti in merito alle prestazioni di ogni paese.

Molte nazioni che ratificarono l’ICCPR accettarono anche che il Comitato per i Diritti Umani potesse indagare in merito ad affermazioni da parte di individui ed organizzazioni inerenti a violazioni dei loro diritti da parte dello stato. Prima di presentare un appello al Comitato, il querelante deve aver fatto tutti i ricorsi legali nei tribunali di quel paese. In seguito all’indagine, il Comitato ne pubblica i risultati. Questi ritrovamenti hanno un grande potere. Se il Comitato appoggia le affermazioni del querelante, lo stato interessato deve intraprendere delle misure per porre rimedio all’abuso.

SUCCESSIVI DOCUMENTI SUI DIRITTI UMANI DELLE NAZIONI UNITE

In aggiunta agli accordi inclusi nel Documento Internazionale dei Diritti, le Nazioni Unite hanno adottato più di venti trattati principali che trattano ulteriormente i diritti umani. Questi includono convenzioni per prevenire e proibire specifici abusi quali la tortura ed il genocidio e per proteggere specifici elementi vulnerabili della popolazione, quali i rifugiati (Convenzione Relativa allo Status dei Rifugiati, 1951), le donne (Convenzione sull'Eliminazione di Tutte le Forme di Discriminazione Contro le Donne, 1979) ed i bambini (Convenzione sui Diritti dell’Infanzia, 1989). Altre convenzioni trattano della discriminazione razziale, della prevenzione del genocidio, dei diritti politici delle donne, della proibizione della schiavitù e della tortura.

Ognuno di questi trattati ha istituito un comitato di esperti per monitorare l’attuazione delle relative disposizioni da parte degli Stati membri.

La pace è preziosa. Essa deve essere nutrita, mantenuta e difesa.

Per questo motivo  anche il filosofo L. Ron Hubbard ha sempre sostenuto che attraverso la conoscenza dei diritti umani si ottiene una migliore convivenza, sostenendo che: “i diritti umani devono essere resi una realtà non un sogno idealistico”.

Ogni anno a sostegno della dignità, pace e tolleranza i volontari di Uniti per i diritti umani distribuiscono nelle mani dei cittadini migliaia di opuscoli dal titolo: “Che cosa sono i diritti umani”.

Nonostante negli anni i diritti umani siano avanzati attraverso leggi e convenzioni internazionali, venendo inclusi nella costituzione di molte  nazioni, più del 95 percento della popolazione del mondo non è consapevole della Dichiarazione Universale e i 30 diritti che delinea.

La campagna di Uniti per i Diritti Umani  ha proprio lo scopo di diffondere la conoscenza dei 30 diritti umani. E’ incentrata sul premiato documentario La Storia dei Diritti Umani, un film che spiega la storia, l’ evoluzione e il valore dei diritti umani fondamentali che condividiamo. Altri elementi della campagna includono una serie di 30 annunci di pubblica utilità, uno per ognuno dei 30 diritti nella Dichiarazione Universale, un kit informativo che viene inviato alle persone che si occupano di istruire i gruppi e un pacchetto per gli insegnanti per l’attuazione della campagna in scuole, istituti professionali e università.

Per dare la possibilità ad ampio raggio di conoscere la Dichiarazione dei Diritti Umani clicca sul sito: www.unitiperidirittiumani.it

 

 

 

Giornata internazionale della pace | Covid19 | diritti umani | legge internazionale sui diritti umani | Uniti per i diritti umani | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

BRUSCIANO IN PREGHIERA VEGLIA E DIGIUNO PER LA PACE di Antonio Castaldo


AIS VENETO: SI TORNA A SCUOLA CON I NUOVI CORSI PER SOMMELIER


“PREMIO INTERNAZIONALE SAN FRANCESCO 2015” per la Pace e Non-Violenza


COMUNE DI GRANTORTO – GIORNATA CELEBRATIVA IN ONORE DEI CADUTI E INAUGURAZIONE DEL MONUMENTO DEDICATO AI CADUTI PER LA PACE


GIORNATA CELEBRATIVA IN ONORE DEI CADUTI


Carroponte: ecco il programma della prossima settimana


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LA VIA DELLA FELICITA’: FORNIRE UN RUOLO ATTIVO NELLO SVILUPPARE RESPONSABILITÀ, FIDUCIA E DECORO.

LA VIA DELLA FELICITA’: FORNIRE UN RUOLO ATTIVO NELLO SVILUPPARE RESPONSABILITÀ, FIDUCIA E DECORO.
Non stiamo vivendo un momento facile, un ruolo attivo nello sviluppare responsabilità, fiducia e decoro. Non stiamo vivendo un momento facile, un ruolo attivo nello sviluppare responsabilità, fiducia e decoro.Laddove i principi morali della gentilezza e del rispetto reciproco non hanno alcuna importanza o significato, come ci possiamo aspettare che gli individui, per non parlare di intere nazioni, si trattino in modo dignitoso? Esiste un modo per avere una vita più felice e più sicura per l (continua)

VOLONTARI e VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE PER AIUTARE LA CROAZIA La settimana dell’armonia interreligiosa all’insegna della solidarietà ai terremotati

VOLONTARI e  VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE  PER AIUTARE LA CROAZIA La settimana dell’armonia interreligiosa  all’insegna della solidarietà ai terremotati
Ministri volontari di Scientology, rappresentanti di altre fedi e volontari di protezione civile si sono incontrati sabato in rete per raccogliere materiale di prima necessità da portare ai terremotati della Croazia. Ministri volontari di Scientology, rappresentanti di altre fedi  e volontari di protezione civile si sono incontrati sabato in rete per raccogliere materiale di prima necessità da portare ai terremotati della Croazia. La chiamata all’azione ha avuto l’adesione dei Ministri Volontari di Scientology di Torino, Milano, Brescia, Verona, Padova, Pordenone, Roma, Cagliari, dalla Caritas, UPF, (continua)

L’Onu proclama il 4 febbraio Giornata internazionale della fratellanza umana

L’Onu proclama il 4 febbraio Giornata internazionale della fratellanza umana
Infondere il ripristino dei valori morali, alla base del rispetto reciproco Infondere il ripristino dei valori morali, alla base del rispetto reciproco, è l’impegno dei volontari del gruppo La via della felicità e di Scientology di Senigallia, che oggi, a sostegno di questa importante giornata Internazionale a Fano hanno consegnato mano su mano copie dell’audiolibro La via della felicità; che potrebbe considerarsi il primo codice morale non religioso basato interamen (continua)

Incessante l’impegno dei volontari a Rimini per creare prevenzione alla droga.

Incessante l’impegno dei volontari a Rimini per creare prevenzione alla droga.
Il problema Covid19 sta portando i nostri ragazzi a cambiare abitudini, ma molti problemi legati alle difficoltà emotive portano anche all’uso di droga e alcol, come emerge da studi effettuati da specialisti del settore sulla scena attuale. La droga, oltre al Coronavirus sta continuando a distruggere la nostra società. Il problema Covid19 sta portando i nostri ragazzi a cambiare abitudini, ma molti problemi legati alle difficoltà emotive portano anche all’uso di droga e alcol, come emerge da studi effettuati da specialisti del settore sulla scena attuale. Anche questo è un grosso problema che durerà per molto tempo.Le drogh (continua)

Giorno della Memoria: ricordare con la Dichiarazione dei Diritti Umani.

Giorno della Memoria: ricordare con la Dichiarazione dei Diritti Umani.
Mercoledì 27 gennaio 2021 è la giornata in Ricordo della Shoah e dei milioni di vittime di uno dei più grandi genocidi della storia. Mercoledì 27 gennaio 2021 è la giornata in Ricordo della Shoah e dei milioni di vittime di uno dei più grandi genocidi della storia. Questo è ciò che rappresenta il Giorno della Memoria, descritto da Primo Levi. "Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre".Per i (continua)