Home > Turismo e Vacanze > Reggia di Caserta

Reggia di Caserta

scritto da: Barbarella | segnala un abuso

Reggia di Caserta

La Reggia di Caserta, uno dei palazzi reali più grandi d’Europa. Il sogno del sovrano Carlo III di Borbone.


Il Re volle commissionare il progetto, al più grande architetto del 700 Luigi Vanvitelli.

Carlo III di Borbone, era preso da una sorta di competizione, con la casa reale Francese. Il sovrano era desideroso di donare a Napoli, una costruzione cosi imponente, da poter far svolgere alla città, il ruolo di capitale a livello Europeo.

Per motivi di sicurezza, per la famiglia reale si scelse Caserta. Il Re chiese che il progetto di Luigi Vanvitelli, comprendesse oltre al palazzo, anche il parco, la sistemazione dell’area urbana circostante e la costruzione di un nuovo acquedotto, l’Acquedotto Carolino.

La costruzione della Reggia di Caserta, inizia con la posa della prima pietra il 20 gennaio 1752. I lavori andarono spediti fino al 1759, anno in cui Carlo di Borbone, morto il re di Spagna, lasciò il regno di Napoli per raggiungere Madrid.

Dopo la partenza del Re, i lavori di costruzione del Palazzo, rallentarono. Infatti alla morte di Luigi Vanvitelli, i lavori non erano ancora completati. Carlo Vanvitelli il figlio, e successivamente altri architetti, finirono i lavori di costruzione dell’imponente palazzo, nel secolo successivo.

La Reggia di Caserta già nel 1845, era considerata una delle costruzioni, più suggestive ed imponenti a mondo. Unico palazzo capace di rivaleggiare con Versailles.

Il palazzo reale della Reggia di Caserta comprende 1.200 stanze e 1.742 finestre. La Cappella Palatina è considerata il capolavoro dell’ultimo barocco di Luigi Vanvitelli. Appena si entra all’interno del palazzo, si assiste a tutta l’imponenza architettonica del genio di Vanvitelli. La sensazione che si prova entrando negli appartamenti reali è quella di trovarsi in un luogo fuori dal tempo dove regnano sfarzo, ricchezza e lusso.

A contribuire alla grandiosità della Reggia di Caserta, è il parco che si estende per 3 chilometri di lunghezza su 120 ettari di superficie. Molto suggestive sono le sue fontane che partendo dal limite settentrionale del giardino all’italiana, lo collegano al giardino all’inglese.

Vuoi visitare la Reggia di Caserta, contatta Naples and Italy e visita il loro sito, avrai le migliori guide turistiche per visitare Napoli. www.guideturistichenapoli.it

Contatti

Naples and Italy visite guidate ed eventi

via Port’Alba 30 – 80134 Napoli (centro Antico)

telefono +39 081 549 9953 – 3404230980

WhatsApp +39 3357851710

e-mail visitenapoli@gmail.com


Fonte notizia: https://www.guideturistichenapoli.it/visite-guidate-napoli/


Napoli | Reggia di Caserta Caserta | Visite guidate Napoli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Easy Rider, il mito della motocicletta – Motociclette alla Reggia di Venaria


Sempre più successo per la Pizza


Notte Bianca a Caserta 2019: la carica dei 60.000 partecipanti ha reso indimenticabile l’evento


Casertadeluxe, la scelta migliore per visitare Caserta e la sua incantevole provincia


Architettura, arte e storia in un social network “Reale”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Casa della Venere in conchiglia Pompei

La casa della Venere in conchiglia, che si trova negli scavi archeologici di Pompei. è famosa per il dipinto della Venere dai capelli ricci distesa su una conchiglia. La casa della Venere in conchiglia, venne scoperta tra il 1933 ed il 1935. La casa ha un grande peristilio, che è in pratica il centro della domus.Sul peristilio affacciavano vari ambienti della casa con pareti decorate in IV stile. Solo una piccola eccezione la notiamo per il grande oecus , ossia una stanza utilizzata come ambiente di ricevimento della casa romana. L’oecus, costruito ad oves (continua)

Capri l’isola Azzurra

Capri l’isola Azzurra
Capri, l’isola azzurra dell’amore, con un paesaggio scolpito dal vento e dal mare, e dalla bellezza mozzafiato. Capri è situata all’imbocco del golfo di Napoli, a soli 5 Km. Dalla Penisola Sorrentina. L’isola era nota anticamente come l’isola delle Sirene. Ha coste calcaree e molto frastagliate, tra le quali il mare penetra creando scenari suggestivi.Nelle acque circostanti emergono grossi scogli aguzzi, detti Faraglioni. Rinomate a partire dall’ottocento per la loro bellezza sono la Grotta Azzurra e l (continua)

Teatro Grande di Pompei

Teatro Grande di Pompei
Il Teatro Grande di Pompei, è una costruzione teatrale di epoca romana. Il Teatro venne sepolto, anch’esso dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Venne ritrovato a seguito degli scavi archeologici dell’antica città di Pompei, promossi da Carlo III di Borbone. Al suo interno venivano rappresentate commedie, mimi, pantomimi e atellane.Il Teatro Grande viene ancora oggi utilizzato, per spettacoli di ogni tipo, così a testimoniare la continuità tra la città antica e quella moderna. Nelle città greche e romane, il teatro era un divertiment (continua)

Palazzo Reale di Napoli

Palazzo Reale di Napoli
Il Palazzo Reale di Napoli, affaccia su piazza del Plebiscito. In un unico edificio si uniscono storia, arte e cultura. La sua facciata racconta la storia del regno di Napoli. All’interno delle nicchie volute dal Vanvitelli, si trovano per volere di Umberto I, otto statue raffiguranti, i sovrani più rappresentativi delle dinastie che hanno regnato su Napoli: Ruggero d’Altavilla, Federico II di Svevia, Carlo I d’Angiò, Alfonso I d’Aragona, Carlo V, Carlo di Borbone, Gioacchino Murat, Vittorio Emanuele II.La costruzione di Palazzo Reale, si decise nel XVII secolo, qu (continua)

Il Tempio di Apollo Scavi di Pompei

Il Tempio di Apollo Scavi di Pompei
Il Tempio di Apollo, che si trova all’interno degli scavi archeologici di Pompei, è sempre stato considerato come il cuore della spiritualità dell’antica città di Pompei. Il tempio di epoca romana, risalirebbe al VIII-VII secolo a. C, subì la stessa sorte dell’antica città che venne sepolta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.Si tratta di uno dei templi più antichi di Pompei, nonché, per molti anni, quello più frequentato. La comunità religiosa nacque per il culto della divinità solare, a cui erano devoti Greci, Etruschi e i Sanniti. Il culto al dio Apollo, e (continua)