Home > Altro > Zucchero: quando la purezza te la dice il polarimetro

Zucchero: quando la purezza te la dice il polarimetro

scritto da: Claudia Marchi | segnala un abuso


L’industria alimentare è, a ragione, uno dei settori che più di ogni altro fanno affidamento su accurate analisi chimiche e di laboratorio per definire la qualità dei cibi che ogni giorno le famiglie italiane portano in tavola. Tra gli alimenti sottoposti a rigide analisi, lo zucchero. Vediamo insieme in cosa consiste l’analisi di polarimetria e come si usa il polarimetro


Come si usa il polarimetro nell’industria dello zucchero

Tra gli strumenti maggiormente coinvolti nell’industria alimentare, ma non solo (pensiamo per esempio all’industria cosmetica), troviamo il polarimetro, dispositivo impiegato generalmente nei laboratori per misurare la direzione di polarizzazione della luce o la rotazione di una sostanza otticamente attiva. Nel mondo esistono infatti sostanze organiche e inorganiche otticamente attive: queste sono in grado di influenzare e quindi di determinare la direzione di oscillazione della luce polarizzata attorno a un determinato angolo. Una proprietà dovuta in primo luogo dalla loro struttura chimica. Il principio del polarimetro si realizza introducendo una sostanza otticamente attiva disciolta tra due filtri polarizzatori, incrociati a 90 gradi. L'intensità della luce sul rivelatore, dietro il secondo filtro polarizzatore, varia in funzione della posizione angolare di questi due filtri. Tornando al caso dello zucchero, il polarimetro viene in questo caso utilizzato per determinare la sua qualità, quindi la quantità di saccarosio contenuto in esso. Questo indice aiuta a determinare la purezza del prodotto.


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Fast Zuccheri, da quasi 30 anni massima qualità per la lavorazione di zucchero bianco e di canna in bustina


Fast Zuccheri produce e confeziona zucchero semolato vending, per l’industria e in bustina


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Polarimetro: funzionamento e uso dello strumento da laboratorio


Rinaldi distribuisce i Rhum Agricoli martinicani La Mauny.


Dolci che passione!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Dichiarazione di Conformità MOCA: cos'è e chi deve farla

Dichiarazione di Conformità MOCA: cos'è e chi deve farla
La Dichiarazione di Conformità MOCA (Materiali e Oggetti a Contatto con Alimenti) è una certificazione che garantisce il rispetto di determinati requisiti in tema di igiene alimentare. I materiali e gli oggetti che richiedono la certificazione MOCA sono davvero molti e appartenenti a diverse categorie. Le attività soggette a rilasciare la Dichiarazione di Conformità MOCA sono di (continua)

Perché la carta termica sta sostituendo la carta comune per la stampa di scontrini e ricevute

Quando si tratta di eseguire pagamenti con carte di credito o bancomat, il venditore deve disporre di uno o più terminali di pagamento, noti come POS (Point of Sale). Questi strumenti sono equipaggiati con una stampante termica, attraverso cui è possibile emettere, in tempi molto rapidi, una copia della ricevuta che attesti l'avvenuta transazione. In situazioni simili, sarebbe impensabile u (continua)

Chi è e cosa fa un gestore di immobili

Il gestore di proprietà immobiliari? Può essere un solo professionista o una società. Oltre a doversi assumere tante responsabilità, deve avere competenze solide in più materie. Vediamo meglio perché... Un gestore di proprietà immobiliari è un professionista o una società assunto per supervisionare le operazioni quotidiane di una qualunque unità immobiliare. Sempre più spesso, proprietari di immobili e investitori immobiliari assumono gestori di proprietà quando non sono disposti, o non sono in grado di, gestire le proprietà in autonomia. Quindi, il gestore della proprietà immobiliare a (continua)

Progettazione di edifici passivi: criteri e modelli

Progettazione di edifici passivi: criteri e modelli
Il termine casa passiva viene sempre più utilizzato in Italia: derivante dal Nord Europa, la Passiv Haus è un edificio che copre la maggior parte del suo fabbisogno energetico per il riscaldamento o il raffrescamento ricorrendo a dispositivi passivi. Il termine casa passiva viene sempre più utilizzato in Italia: derivante dal Nord Europa, la Passiv Haus è un edificio che copre la maggior parte del suo fabbisogno energetico per il riscaldamento o il raffrescamento ricorrendo a dispositivi passivi. In altre parole, è una casa che si assicura il benessere termico non attraverso caldaie, termosifoni, o normali sistemi di produzione e dist (continua)

Il rispetto per l’ambiente passa anche dalla logistica

Nell’ultimo anno le vendite e-commerce hanno subito una crescita esponenziale. Questa nuova realtà ha portato le aziende della logistica e del mondo dei trasporti a nuove consapevolezze. Una tra tante? La necessità di packaging sempre più sostenibili per il mondo di domani. Scopriamo insieme qualcosa di più Più acquisti, più imballaggi: un bene o un male?È proprio vero: a un numero sempre più alto di acquisti su piattaforme e-commerce, segue un aumento proporzionale degli imballaggi. Un dato negativo? Nì. La situazione che stiamo vivendo da un anno a questa parte ha in realtà accelerato un approccio che già da tempo molte aziende della logistica e del trasporto avevano deciso di seguire. Un numero se (continua)