Home > Turismo e Vacanze > La basilica di San Lorenzo Maggiore Napoli

La basilica di San Lorenzo Maggiore Napoli

scritto da: Barbarella | segnala un abuso

La basilica di San Lorenzo Maggiore Napoli

La basilica di San Lorenzo Maggiore è una delle chiese monumentali di Napoli, considerata tra le più antiche della città. Risalente al XII secolo, la basilica si trova proprio nel cuore del centro antico di Napoli, vicino a Via San Gregorio Armeno, più precisamente in Piazza San Gaetano.


Ricca di storia e stratificazioni archeologiche, oltre la chiesa è possibile visitare il Museo dell’opera di San Lorenzo maggiore, e gli scavi archeologici dell’antico Macellum di Neapolis.

La storia di San Lorenzo Maggiore inizia nel 1235 quando papa Gregorio IX concesse a Napoli la costruzione di una struttura dedicata a San Lorenzo.

Proprio re Carlo I d’Angiò , partecipò alla costruzione della chiesa, donando cospicue somme di denaro così da sovvenzionare alla costruzione della basilica. La cosa particolare è che la chiesa alla fine risulta come un misto tra uno stile gotico francese e francescano.

Parteciparono alla costruzione dell’edificio architetti francesi, che si dedicarono alla realizzazione dell’abside, unicum architettonico in Italia, mentre spostandosi verso la navata, si nota maggiormente uno stile italiano, segno che nel corso degli anni successivi, la costruzione della chiesa fu affidata a progettisti italiani.

Nel corso dei secoli, la struttura architettonica ha subito numerosi rimaneggiamenti , anche a causa dei terremoti che colpirono Napoli. Nel XVI soprattutto nelle cappelle laterali, della navata, vennero aggiunti elementi in stile barocco, proprio a coprire l’aspetto gotico originario. Il pavimento venne ricoperto da mattoni, le colonne decorate con stucchi, gli archi e le finestre gotiche furono rimpicciolite e gli affreschi vennero imbiancati.

Nel 1882 fino al XX secolo, i tanti restauri hanno contribuito ad eliminare queste aggiunte, ad esclusione della facciata e controfacciata, opera di Ferdinando Sanfelice, della cappella Cacace e del cappellone di Sant’Antonio opera di Cosimo Fanzago.

Come detto sopra, oltre la chiesa è possibile visitare il Museo dell’opera di San Lorenzo. Situato all’interno del convento, espone antichi costumi ed arredi del convento, opere pittoriche, appartenenti a collezioni private, e resti della chiesa antica. Fa parte del circuito anche l’area archeologica di epoca greco- romana. I resti archeologici datati intorno alla seconda metà del I secolo, periodo in cui un tempo in piazza San Gaetano sorgeva l’agorà greca prima, ed il foro romano dopo. I sotterranei mettono in luce i resti del Macellum, ossia il mercato a coperto della città di epoca romana, le cui botteghe mostrano basamenti preesistenti di strutture greche risalenti al IV secolo a.C.

Vuoi visitare il centro antico di Napoli, contatta Naples and Italy, visita il loro sito avrai le migliori guide turistiche per visitare Napoli e non solo. www.guideturistichenapoli.it

Contatti

Naples and Italy visite guidate ed eventi

via Port’Alba 30 – 80134 Napoli (centro Antico)

telefono +39 081 549 9953 – 3404230980

WhatsApp +39 3357851710

e-mail visitenapoli@gmail.com

Fonte notizia: https://www.guideturistichenapoli.it/visite-guidate-napoli/


Napoli | Centro antico Napoli | Visite guidate Napoli | Guide turistiche Napoli | Chiesa di San Lorenzo Maggiore |



 

Potrebbe anche interessarti

Una squadra al servizio della Basilica e della città di Padova


La Veneranda Arca di S. Antonio si racconta


1394 Posti a Concorso al Comune di Napoli


Via di San Giovanni in Laterano 138 Roma: Basilica di Santa Maria Maggiore


Successo per la 1a edizione del PREMIO “AMIRA Progress”


Via di San Giovanni in Laterano 138 Roma a San Pietro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Carlo di Borbone e Maria Amalia di Sassonia, i sovrani di Napoli

Carlo di Borbone e Maria Amalia di Sassonia, i sovrani di Napoli
Il Regno di Napoli, arrivò al suo massimo splendore grazie al sovrano Carlo di Borbone, che tramite il suo amore per la conoscenza e lo studio, fece nascere l’archeologia proprio qui nel regno. Carlo era figlio di Elisabetta Farnese e Filippo V di Spagna, sposò Maria Amalia di Sassonia, donna innamorata dell’arte antica. I due diventati sovrani di Napoli , intrapresero nel regno una vera e proprio rivoluzione culturale. Carlo di Borbone, arrivò alla conquista del Regno a seguito della guerra di successione polacca. Dopo il conflitto si stabilì che la corona di Spagna dovesse essere (continua)

Quartieri spagnoli

Quartieri spagnoli
I Quartieri Spagnoli la loro unicità e la bellezza di vedute e scorci mozzafiato della città. Uno dei luoghi simbolo della città di Napoli, dove l’antico  e il moderno si intrecciano in un turbinio di colori, suoni e profumi; ci porterà ad attraversare secoli di storia.Attraverseremo le sue strade incontreremo luoghi cari alla cultura teatrale napoletana come , come la casa di Filumena Marturano, sino ad arrivare ad ammirare le opere di street art; come lo storico Maradona, con il (continua)

Tempio di Iside Pompei

Tempio di Iside Pompei
Il Tempio di Iside a Pompei, è una costruzione di epoca romana, sepolta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. L’eruzione, violenta, seppellì oltre l’antica città di Pompei, anche le antiche città di Ercolano, Oplontis e Stabia.Il Tempio di Iside venne ritrovato a seguito degli scavi archeologici promossi dai Borbone nel settecento. L’esplorazione della costruzione sacra ha fornito una grande quantità di reperti e pitture con soggetti religiosi, oggi custoditi, per la maggior parte al Museo Archeolog (continua)

Chiesa di Santa Maria del Parto Napoli

Chiesa di Santa Maria del Parto Napoli
La chiesa di Santa Maria del Parto, è una delle chiese monumentali della città di Napoli, sita più precisamente nel quartiere di Chiaia, nella zona di Mergellina. All’interno della chiesa ancora oggi si può ammirare la tomba del poeta Jacopo Sannazaro e il presepe di Giovanni da Nola.Federico I di Napoli, salito al trono del Regno nel 1497, concesse al Sannazaro una pensione di seicento ducati, oltre ad un terreno nella zona di Mergellina. Il terreno precedentemente era appartenuto ai monaci benedettini del convento dei Santi Severino e Sossio.Molto p (continua)

Chiesa del Gesù Nuovo Napoli

Chiesa del Gesù Nuovo Napoli
La chiesa del Gesù nuovo è una delle chiese più imponenti di Napoli. Situata nel cuore del centro antico della città di Napoli, in Piazza del Gesù, di fronte la guglia dell’Immacolata, è una delle chiese più cara ai napoletani, dato che all’interno è custodito il corpo di San Giuseppe Moscati, il medico napoletano canonizzato santo da papa Giovanni Paolo II nel 1987.La chiesa del Gesù Nuovo è una delle chiese con la massima concentrazione di pittura e scultura (continua)