Home > Economia e Finanza > Lavoratori Precari. Si accentua il divario tra ricchi e poveri

Lavoratori Precari. Si accentua il divario tra ricchi e poveri

scritto da: Ristorando | segnala un abuso

Molti finiscono per dover chiedere il reddito di cittadinanza per avere un sostentamento. Non tutti però possono accedere a questo aiuto. Ad esempio, gli imprenditori che falliscono o chiudono un'attività, avendo costoro debiti pregressi con l'INPS, non ne hanno diritto.


Immagine

Come abbiamo potuto constatare tutti, veniamo da un periodo difficile, la pandemia da Covid19 ci ha colpito duramente e il settore della ristorazione e del turismo hanno subito perdite considerevoli.

Chiusure, lockdown e restrizioni non hanno di certo contribuito a migliorare la situazione, con il governo che ha promesso ristori e sostegni, ma purtroppo, non è riuscito a mantenere queste promesse lasciando soli milioni di lavoratori e imprenditori del settore. Inutile dire che moltissime persone hanno perso il loro lavoro.

Negli ultimi mesi si è registrata una crescita degli impieghi, in contemporanea all'eliminazione di green pass e restrizioni di vario tipo. Ma non è tutto oro quello che luccica.

Infatti molti di questi posti di lavoro sono a tempo determinato, quindi precari senza molte garanzie. In Italia, secondo le rilevazioni ISTAT, i precari sono circa 3 milioni (3.077.000) a dicembre 2021. A gennaio 2022, in base ai dati INPS, sono stati assunti con un contratto di lavoro precario o a tempo determinato 503.158 lavoratori.

In parole povere, questo significa che ci sono milioni di persone che non hanno garanzie di avere una retribuzione fissa e molte volte adeguata alle mansioni svolte.

Se andiamo ad analizzare nel dettaglio, ad esempio nel 2021 un adulto medio ha guadagnato 16.700€, che non consentono spesso e volentieri di avere un potere d'acquisto adeguato, rispetto agli anni passati. Se poi consideriamo che il 10% più ricco della popolazione detiene infatti il 52% del reddito globale, mentre alla metà più povera rimane l’8,5%, traspaiono ancora di più le disuguaglianze, con la metà più povera che possiede il 2% della ricchezza totale contro il 76% del 10% più ricco.

Se a tutto questo aggiungiamo anche che molte aziende sono sull'orlo del fallimento, abbiamo un quadro alquanto desolante. Da quanto emerge, questo default potrebbe riguardare circa 500 mila imprese, pari al 43% dei contribuenti, che non sono state in grado di pagare le rate delle imposte pregresse e sospese a seguito della normativa emergenziale.

Infatti il governo sta intimando a quest'ultimi il pagamento del residuo dovuto, comprensivo di sanzioni e interessi, per essere venuta meno la rottamazione. Tutto ciò con pochissimo preavviso e con molte aziende già precedentemente in difficoltà.

Dunque, la situazione è difficile per gli imprenditori. Purtroppo alcuni sono stati costretti a valutare opzioni come la rateizzazione tributaria e utilizzare metodi alternativi alla rottamazione per pagare a saldo e stralcio il debito residuo.

E per le attività che chiudono? Cosa ne sarà di tutti i lavoratori di queste imprese? Bella domanda!

 

Per molti lavoratori, come abbiamo visto in precedenza, si prospettano lavori a tempo determinato, senza garanzia di proroghe né tanto meno assunzioni dirette. Le agenzie interinali la fanno da padrone in questi casi, ma non sempre riescono a soddisfare le necessità dei lavoratori che impiegano e, quindi, parliamo anche del personale della ristorazione.

Molti finiscono per dover chiedere il reddito di cittadinanza per avere un sostentamento. Non tutti però possono accedere a questo aiuto. Ad esempio, gli imprenditori che falliscono o chiudono un'attività, avendo costoro debiti pregressi con l'INPS, non ne hanno diritto.

Oltre al danno la beffa. Non solo non hanno beneficiato di nessun tipo di ristoro nel periodo di lockdown, ma ora non hanno diritto neanche al reddito di cittadinanza.

Noi de LaVoceDellaRistorazione pensiamo che per risollevare questo paese ci vogliano delle linee guida da seguire pedissequamente. Azioni decise e perentorie, come combattere la precarietà, alleggerire la fiscalità, regolamentare i nuovi lavori e agevolare il dialogo tra domanda e offerta. Abbracciare una vera cultura d’impresa con una visione globale e a lungo termine, formare e specializzare le risorse umane e alzare i salari medi, ancora al di sotto rispetto al resto dell'Europa.


Fonte notizia: https://www.lavocedellaristorazione.it/blog-voce-della-ristorazione/


ristorante | turismo | cibo | personale | cameriere | chef | cucina | bar | pub | food |



 

Potrebbe anche interessarti

Lavoro: quando 4 morti al giorno non sono più l'eccezione


Corsi in e-learning per la sicurezza di lavoratori stranieri e RLS


Recensione del libro di Robert Kiyosaki – Fake. Soldi finti. Falsi maestri. Fake asset.


Le questioni sollevate dallo sciopero in Amazon


Evviva il 1° Maggio, giornata internazionale di solidarietà e di lotta del proletariato contro il capitalismo!


Aumentano gli uomini nel lavoro domestico


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Dieta chetogenica e digiuno per vivere meglio;la voce della ristorazione

negli ultimi anni, con l’incrementarsi della dedizione verso l’attività fisica, il corpo e l’estetica sono fiorite e state ideate da medici esperti e nutrizionisti moltissime diete, adatte a esigenze e gusti Oggi inauguriamo una nuova serie di articoli riguardanti un fattore che sembra strutturare tutto quello che c’è attorno al cibo, che fornisce una base per tutto il resto: la dieta. Attenzione, con dieta non intendiamo il cambiamento delle abitudini alimentari per portare ad un dimagrimento: noi parliamo di una scelta consapevole, atta a garantire uno stato di salute forte ed equilibrato per la (continua)

Ristorazione post Covid:socializzazione!

Ristorazione post Covid:socializzazione!
L’idea di creare incontri nel tuo ristorante potrebbe essere un’ottima moda di marketing da sottoporre, magari, per prova durante il giorno di San Valentino: quale migliore occasione romantica per favorire l’incontro tra le persone? La popolazione in Italia purtroppo, da qualche anno a questa parte, continua a diminuire per ragioni prettamente economiche – decidere di avere un figlio “costa”, in media, dai 7.000 ai 15.000 euro solo per i primissimi anni di vita. Ma, appunto, in un mondo freneticamente sempre più in corsa ed accelerato, come si può tornare ad avere dei rapporti sociali?Oggi analizzeremo questo fenomeno con un’ (continua)

Modi per guadagnare con la tua attività ristorativa: La voce della Ristorazione

Modi per guadagnare con la tua attività ristorativa: La voce della Ristorazione
Il nostro metodo dovrà essere seguito da persone del settore, altrimenti potrebbe non giungere all’effetto desiderato: ci sono informazioni, inoltre, come tariffari che vanno calcolati singolarmente, utente per utente. Sei in procinto di aprire la tua attività di ristorazione, sia essa sia un’osteria, un ristorante, una pizzeria? Oppure sei già titolare di una di esse? Hai un agriturismo o una piccola trattoria in città?Esistono, sicuramente, dei mezzi per portare clientela nella tua attività ristorativa, ma oggi affronteremo un modo quasi rivoluzionario, il quale ti permetterebbe di guadagnare e, soprattutto, d (continua)

Ristorazione anno 2024:Niente distanza è ora cibo e umanità

Ristorazione anno 2024:Niente distanza è ora cibo e umanità
Niente più distanza, finalmente queste “barriere” sono state abbattute, c’è bisogno di contatto umano per ripartire! Ebbene miei cari lettori, finalmente possiamo dirlo,questo Covid-19 ce lo lasciamo alle spalle!Certo,non sarà facile tornare alla normalità di tutti i giorni, purtroppo la paura ed il terrore che ci è stato inculcato in questi mesi è ancora dentro di noi, però è il momento di reagire e tornare alle nostre vecchie,ma anche nuove, abitudini!Non vedete l’ora di tornare nel vostro ristorante preferito (continua)

I RISTORATORI SI RIBELLANO: NON POSSIAMO CHIUDERE SE IL GOVERNO NON CI AIUTA!

I RISTORATORI SI RIBELLANO: NON POSSIAMO CHIUDERE SE IL GOVERNO NON CI AIUTA!
L’Italia stessa non aiuta l’imprenditore, riempiendolo di tasse e scartoffie ancor prima di cominciare la propria attività. Basti pensare per l’appunto all’Inghilterra... Miei cari lettori, oggi ho per voi un argomento, che a mio parere è fondamentale da approfondire: Il Ristoratore deve essere multato se non segue le regole? Deve essere fatto senza un avviso?Ebbene,mi sono imbattuto in diversi pensieri, chi afferma che gli avvisi siano inutili in quanto le disposizioni sono state già date ed è quindi già la disposizione stessa un “avviso” e chi invece afferma che, (continua)