Home > Cibo e Alimentazione > Ingrosso di Frutta e verdura online per il settore ristorativo

Ingrosso di Frutta e verdura online per il settore ristorativo

scritto da: Ristorando | segnala un abuso

Uno dei principali vantaggi che l’agricoltore potrebbe avere sul mercato riguarda il settore turistico, in particolare la categoria di frutta e verdura.



“Per dare un’idea dell’entità del mercato ortofrutticolo si consideri che, secondo dati ISMEA presentati nel 2015, il settore in valore realizza circa: 4 mld € in frutta (per 8 mio/t), 1,2 mld € in agrumi (per 2,7 mio/t), 300 mio € in frutta in guscio (per 198.000 t), e ben 7 mld € in ortaggi, legumi e patate (per 12 mio/t). Della produzione totale di ognuna delle quattro categorie, la domanda proveniente dall’horeca ammonta: al 28% in frutta, al 23% in agrumi, al 5% in frutta in guscio ed al 22% in ortaggi, legumi e patate. Il resto trova sbocco nel retail dividendosi tra GDO e tradizionali.”

Dati che dicono molto e che gli agricoltori, e i ristoratori, dovrebbero tenere fortemente in considerazione. Ci sono importanti iniziative che quest’anno hanno cercato di creare un legame tra agricoltori e mondo della ristorazione, quelle di Coldiretti ad esempio, che con la FAI (Firmato Agricoltori Italiani) ha promosso le produzioni e agricole e ortofrutticole locali in esercizi commerciali. Ne sono un esempio i corner dell’associazione, che trovano posto negli autogrill “Chef Express” e in alcune GDO, a Km0.

La finalità del progetto è quella di riuscire a raggiungere la lunghezza del canale commerciale e riuscire a promuovere prodotti e filiere certificate al 100% e Made in Italy. In aiuto, anche la crescente consapevolezza che si sta sviluppando nel nostro paese riguardo il consumo di cibo salutare. Ovviamente, bisogna evitare di svalutare le produzioni agricole, svendendo i loro prodotti al pari di quelli prodotti dalle multinazionali.

Il libro degli ingredienti andrà utilizzato con finalità di marketing, in maniera intelligente. Juicebar è stata la prima azienda del settore ristorativo a credere in tutto questo, facendo arrivare in una nota catena di palestre prodotti genuini a Km0, assolutamente in linea con la clientela del luogo.

Un’altra novità in arrivo riguarda lo sviluppo dell’offerta. Verrà infatti utilizzata una nuova macchina a pressione a freddo per l’estrazione di frutta e verdura. In questo modo la freschezza delle bevande ottenute durerà più a lungo e si potrà implementare la filiera del take away.

Grazie a questi piccoli passi avanti si spera che verrà data sempre maggiore importanza agli agricoltori locali e che si arrivino a stipulare accordi vantaggiosi per i ristoratori che potranno rifornirsi da loro e non più dalle multinazionali. In questo senso, se sei agricoltore, conviene sviluppare bene la tua presenza online, che ti permetterà di trovare nuovi clienti ed espanderti.

Stanno nascendo, pian piano, sempre più siti che offrono il servizio di vendita di frutta e verdura all’ingrosso. Prodotti destinati in gran parte al settore ristorativo che vengono controllati da agronomi specializzati. Offrono prodotti di stagione e ogni settimana sono disponibili apposite offerte per i ristoratori. Si tratta di aziende italiane, che offrono i prodotti del nostro territorio, senza importare dall’estero.

Se sei un agricoltore questo è il momento giusto per muoverti in tal senso. Crea la tua presenza online, fatti conoscere, studia la concorrenza e offri il miglior servizio nella tua zona. Lo scopo è arrivare a più attività della ristorazione possibile, creare delle relazioni stabili e durature con loro, fare dei patti di compra-vendita vantaggiosi per entrambi. Non lasciarti spaventare dall’investimento iniziale, basta davvero poco per costruirsi un sito di tutto rispetto che frutti. Senza investimento non si ha guadagno. Prima lo capisci e prima inizierai a guadagnare davvero.

 

 


Fonte notizia: https://www.lavocedellaristorazione.it/imprenditori-a-km-zero/


ristorante | turismo | cibo | personale | cameriere | chef | cucina | bar | pub | food | agricoltura |



 

Potrebbe anche interessarti

Bicarbonato Frutta&Verdura Solvay® lava senza danneggiare la buccia


Perché comprare all'ingrosso online: i Pro e i Contro


Focaccia veggy e birra, il menu da divano per seguire gli Europei come allo stadio


Comprare all'ingrosso elettronica risparmiando: dove e come farlo


Recensione sulle 10 diete TOP


Nuove ricette con la buccia di frutta e verdura Le proposte di 5 Food influencer per Bicarbonato Solvay®


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Dieta chetogenica e digiuno per vivere meglio;la voce della ristorazione

negli ultimi anni, con l’incrementarsi della dedizione verso l’attività fisica, il corpo e l’estetica sono fiorite e state ideate da medici esperti e nutrizionisti moltissime diete, adatte a esigenze e gusti Oggi inauguriamo una nuova serie di articoli riguardanti un fattore che sembra strutturare tutto quello che c’è attorno al cibo, che fornisce una base per tutto il resto: la dieta. Attenzione, con dieta non intendiamo il cambiamento delle abitudini alimentari per portare ad un dimagrimento: noi parliamo di una scelta consapevole, atta a garantire uno stato di salute forte ed equilibrato per la (continua)

Ristorazione post Covid:socializzazione!

Ristorazione post Covid:socializzazione!
L’idea di creare incontri nel tuo ristorante potrebbe essere un’ottima moda di marketing da sottoporre, magari, per prova durante il giorno di San Valentino: quale migliore occasione romantica per favorire l’incontro tra le persone? La popolazione in Italia purtroppo, da qualche anno a questa parte, continua a diminuire per ragioni prettamente economiche – decidere di avere un figlio “costa”, in media, dai 7.000 ai 15.000 euro solo per i primissimi anni di vita. Ma, appunto, in un mondo freneticamente sempre più in corsa ed accelerato, come si può tornare ad avere dei rapporti sociali?Oggi analizzeremo questo fenomeno con un’ (continua)

Modi per guadagnare con la tua attività ristorativa: La voce della Ristorazione

Modi per guadagnare con la tua attività ristorativa: La voce della Ristorazione
Il nostro metodo dovrà essere seguito da persone del settore, altrimenti potrebbe non giungere all’effetto desiderato: ci sono informazioni, inoltre, come tariffari che vanno calcolati singolarmente, utente per utente. Sei in procinto di aprire la tua attività di ristorazione, sia essa sia un’osteria, un ristorante, una pizzeria? Oppure sei già titolare di una di esse? Hai un agriturismo o una piccola trattoria in città?Esistono, sicuramente, dei mezzi per portare clientela nella tua attività ristorativa, ma oggi affronteremo un modo quasi rivoluzionario, il quale ti permetterebbe di guadagnare e, soprattutto, d (continua)

Ristorazione anno 2024:Niente distanza è ora cibo e umanità

Ristorazione anno 2024:Niente distanza è ora cibo e umanità
Niente più distanza, finalmente queste “barriere” sono state abbattute, c’è bisogno di contatto umano per ripartire! Ebbene miei cari lettori, finalmente possiamo dirlo,questo Covid-19 ce lo lasciamo alle spalle!Certo,non sarà facile tornare alla normalità di tutti i giorni, purtroppo la paura ed il terrore che ci è stato inculcato in questi mesi è ancora dentro di noi, però è il momento di reagire e tornare alle nostre vecchie,ma anche nuove, abitudini!Non vedete l’ora di tornare nel vostro ristorante preferito (continua)

I RISTORATORI SI RIBELLANO: NON POSSIAMO CHIUDERE SE IL GOVERNO NON CI AIUTA!

I RISTORATORI SI RIBELLANO: NON POSSIAMO CHIUDERE SE IL GOVERNO NON CI AIUTA!
L’Italia stessa non aiuta l’imprenditore, riempiendolo di tasse e scartoffie ancor prima di cominciare la propria attività. Basti pensare per l’appunto all’Inghilterra... Miei cari lettori, oggi ho per voi un argomento, che a mio parere è fondamentale da approfondire: Il Ristoratore deve essere multato se non segue le regole? Deve essere fatto senza un avviso?Ebbene,mi sono imbattuto in diversi pensieri, chi afferma che gli avvisi siano inutili in quanto le disposizioni sono state già date ed è quindi già la disposizione stessa un “avviso” e chi invece afferma che, (continua)