Home > Libri > Il Signore di Notte: caccia all'assassino nella Venezia dei dogi

Il Signore di Notte: caccia all'assassino nella Venezia dei dogi

scritto da: GustavoVitali | segnala un abuso

Il Signore di Notte: caccia all'assassino nella Venezia dei dogi

Dopo la scoperta del cadavere di un aristocratico, comincia la caccia all'assassino nella Venezia dei dogi - Il protagonista si rivela presto inadatto al ruolo di investigatore - Con l'aiuto di altri personaggi riuscirà a portare a termine l'indagine tra colpi di scena, agguati e nuovi delitti - Finale sorprendente e del tutto inaspettato


Venezia, 16 aprile 1605.

Viene rinvenuto nella sua modesta dimora il cadavere di un nobile caduto in miseria, primo delitto di un giallo fitto fitto che ha come sfondo la Venezia alle soglie del Barocco.

Sul luogo si precipita il protagonista del racconto, Francesco Barbarigo. Come “Il Signore di Notte”, dà il titolo al racconto e richiama espressamente la magistratura incaricata dell’ordine pubblico, sei giudici e insieme capi della polizia. Si tratta di una persona realmente vissuta ai tempi così come i principali personaggi della storia che, al contrario, è di pura invenzione. Questo particolare ha comportato un copioso lavoro di ricerca come documentato nella bibliografia del libro.

È solo il primo dei delitti che affiorano in una trama intensa ed intrigante. Sono coinvolte le figure più varie, da quelle di primo piano, a quelle defilate nei contorni. L’autore apre così un’ampia carrellata su aristocratici ricconi e quelli che vivacchiano malamente, mercanti, usurai, bari, prostitute e altri. Nella vicenda tutti recitano i rispettivi ruoli e la contestualizzano in quella società veneziana che si era appena lasciata alle spalle un secolo di splendore per infilarsi in un lento declino. Compaiono anche personaggi sgradevoli, come i “bravi”, perché il tempo del declino è anche il loro, accomunati agli sgherri da una violenza sordida e sopraffattrice.

Sempre nell’ottica di addentrare il libro nella sua epoca, ecco l’aggiunta di brevi divagazioni su curiosità, usi e costumi, aneddoti, fatti e fatterelli. Costituiscono un bagaglio di informazioni sulla storia della Serenissima, senza interrompere la narrazione e senza che gli attori si defilino da questa.

Un discorso a parte merita la figura del protagonista. Se qualcuno spera nello stereotipo dell’eroe positivo, resterà deluso. Il Barbarigo è un uomo contorto che affronta le indagini con una superficialità pari solo alla sua spocchia. Vorrebbe passare come chi sa il fatto suo, spargere sicurezza, ma nel suo intimo covano ansie e antichi dolori. Non sa come cavarsi dagli impicci, cambia idea e umore da un momento all’altro, insegue ipotesi stravaganti e indaga su persone del tutto estranee al delitto. Il linguaggio è spiccio, crudo, spesso beffardo e dissacratorio, mette in ridicolo difetti e difettucci del protagonista e insieme quelli della società del tempo.

Sull’onda dell’improvvisazione e di una acclarata incapacità non si fa mancare nulla, nemmeno una relazione disinvolta, o quella che lui vorrebbe tale, con una dama tanto bella, quanto indecifrabile. Non capisce nulla neppure di questo strambo amore che gli causa presto nuovi turbamenti.

Cosicché nelle indagini, come pure nel letto, finisce con il collezionare una serie di disfatte clamorose fino a quando in suo aiuto accorre un capitano delle guardie che ha tutta l’esperienza e l’astuzia che mancano al magistrato. Tuttavia i due dovranno faticare ancora un bel pezzo per scrivere la parola fine a tutto il giallo che nel frattempo si è infittito di colpi di scena, agguati e delitti, compresi quelli che riemergono dal passato. Il finale sarà inaspettato e sorprendente.

Per ulteriori informazioni sul libro giallo “Il Signore di Notte” contattare l’autore

Gustavo Vitali - 335 5852431 - skype: gustavo.vitali – gustavo (AT) gustavovitali.it

sito ufficialepagina facebook - immagini di libero utilizzo

 

 


Fonte notizia: https://www.ilsignoredinotte.it/comunicato-2020-06-18.html


libro | libro giallo | letteratura | cultura | romanzo | racconto | romanzo storico | racconto giallo | romanzo giallo |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Val Parma i campionati italiani di parapendio 2021

In Val Parma i campionati italiani di parapendio 2021
Il celebre comparto alimentare ospita l’edizione 2021 dei campionati nazionali di parapendio – Grazie alla formula open attesi piloti da molte nazioni – Voli in Appennino fino alla Toscana e alla Liguria – A Udine il mondiale di acrobazia in parapendio chiude in anticipo per il brutto tempo L’edizione 2021 dell'Italian Paragliding Open, ovvero il Campionato Italiano di parapendio con formula aperta anche ai piloti stranieri, sarà ospitata dal 24 al 31 luglio in Val Parma, il comparto alimentare famoso in tutto il mondo.Al momento hanno confermato la presenza 104 piloti, su una capienza massima di 125, provenienti da una dozzina abbondante di nazioni. Quartier generale dell’eve (continua)

Volo libero in parapendio e deltaplano dal Monte Bianco al Friuli

Volo libero in parapendio e deltaplano dal Monte Bianco al Friuli
Nei cieli del feltrino, Piave e Valsugana la sfida per la conquista del titolo 2021 di campione di volo in deltaplano – Sopra le acque del Lago dei Tre Comuni in Friuli, mondiali di acrobazia in parapendio – Ultimi sgoccioli della XAlps 2021 con lo svizzero Maurer che ipoteca la sua sesta vittoria nella biennale di hike&fly lungo le Alpi. Dopo due giornate di allenamento, è decollato il campionato italiano di volo in deltaplano, Trofeo Guarnieri 2021. Terminerà il 3 luglio con le premiazioni.Il sito di volo è quello del Monte Avena con centro operativo presso la sede del Para&Delta Club Feltre, organizzatore dell’evento, in località Boscherai nel comune di Pedavena (Belluno). I percorsi di gara spazieranno dalla vallata (continua)

Il volo in deltaplano e parapendio si risveglia nei cieli di Lombardia e Veneto

Il volo in deltaplano e parapendio si risveglia nei cieli di Lombardia e Veneto
Con ben trentatre edizioni il Trofeo Albrizio vanta la più lunga tradizione nel panorama delle gare di deltaplano - Sospeso lo scorso anno per la nota situazione sanitaria, ritorna tra pochi giorni nei cieli di Laveno Mombello (Varese) - Presenti piloti da tutta Europa e non solo - 12 giugno sul Monte Grappa andrà in scena Hike&Fly Experience, cioè volo in parapendio ed escursionismo - Finale a Borso del Grappa (Treviso) con prova di precisione in atterraggio Cancellata lo scorso anno a causa dell'emergenza sanitaria, la XXXIII edizione del trofeo Valerio Albrizio, la competizione che vanta la più lunga tradizione nel panorama delle gare di deltaplano, ritorna nel 2021. La manifestazione si svolgerà a Laveno Mombello (Varese) dal 4 al 6 giugno con eventuale recupero dall'11 al 13 in caso di meteo non favorevole. Organizzata dall'Aero Club L (continua)

Il volo libero in parapendio in attesa della riapertura

Il volo libero in parapendio in attesa della riapertura
Deltaplano e parapendio affrontano l’emergenza: aggiornamenti a distanza e fiducia nel futuro – Stabiliti nuovi appuntamenti di hike e fly, cioè volo ed escursionismo – La XAlps regina della disciplina: dall’Austria al Monte Bianco e ritorno – Si vola o si cammina per 1238 km Pur costretti dall’emergenza sanitaria a restare con i piedi a terra, i piloti di deltaplano e parapendio non rinunciano a mantenersi informati sulla disciplina e a programmare il futuro.Grazie alla tecnologia, una serie di appuntamenti a distanza tutt’ora in corso hanno raccolto quasi 4000 presenze. Ospiti tecnici, istruttori e i nostri campioni mondiali, sono stati affrontati argomenti com (continua)

L’anno “particolare” del volo in parapendio e deltaplano

L’anno “particolare” del volo in parapendio e deltaplano
Come in tutte le attività sportive, la pandemia ha influito anche su quella di volo libero – Annullati i campionati europei di deltaplano e parapendio – Il campionato nazionale di parapendio salvato in extremis – Bene i raduni di hike & fly, volo ed escursionismo Il volo libero giunge agli sgoccioli di un anno che definire “particolare” è giusto un eufemismo, ma con assoluta certezza che tutto tornerà come prima e non solo per chi vive con la passione di esplorare il cielo. La quarantena, da reclusione e patimento, si è evoluta in occasione di crescita e informazione. Grazie alle modalità di incontro on-line, centinaia di piloti hanno potuto partec (continua)