Home > Turismo e Vacanze > procida

procida

scritto da: Barbarella | segnala un abuso

procida

L’isola di Procida, il suo nome e le sue origini si mescolano tra realtà e leggenda. Tra le ipotesi più suggestive, c’è quella che fa nascere il nome Procida da greco. "prochetai" cioè giace. Se si guarda attentamente la morfologia di Procida, ci si accorge che l’isola sembra giacere distesa e sdraiata nel mare. Invece altri, fanno derivare il nome di Procida, da una nutrice di Enea di Nome per l’appunto Procida. La nutrice secondo la leggenda, è stata sepolta sull’isola.


A meno di un’ora di aliscafo da Napoli, Procida è famosa in tutto il mondo per le sue bellezze e i panorami suggestivi.

Anche se Procida rispetto alle isole di Capri ed Ischia, è la più piccola del golfo di Napoli, è stata la prima ad essere abitata. Dalle scoperte archeologiche secondo testimonianze attendibili, Procida fu occupata da coloni Calcidesi. La presenza è ancor oggi rintracciabile dall’immenso patrimonio artistico donato come, ad esempio, i borghi pittoreschi di Callia e Corricella e le case color pastello.

La zona più antica di Procida è Terra Murata. Come si  deduce dal nome, era una vera fortezza che dominava uno sperone roccioso. Un luogo che ancora oggi è di enorme bellezza. Tra il vecchio borgo e le rovine delle strutture medioevali che sorgevano tutt’attorno. All’epoca l’obbiettivo di ritirarsi su Terra Murata non era come oggi, di godere delle vedute scenografiche. L’obiettivo era invece, di avere una visuale più ampia verso il mare, in modo da difendersi dalle continue scorrerie dei pirati, in particolare dei pirati saraceni.

Non è una favola, realmente Procida è un incanto. L’isola più piccola del Golfo di Napoli, meno frequentata di Ischia o la famosa Capri, è veramente un luogo speciale. Suggestiva e affascinante come poche, l’isola è vera e verace, con un anima tutta sua.

Un anima che si manifesta nella particolare architettura popolare, contraddistinta dagli archi e dai terrazzi chiamati “Vefio”. Senza dimenticare gli edifici dai vivaci colori pastello, che caratterizzano i suoi principali centri abitati.

L’isola di Procida è stata anche una location ambita per la rappresentazione di un gran numero di film. Ne è un esempio il film Il Postino con Philippe Noiret e Massimo Troisi e Il talento di Mr. Ripley con Matt Damon. Inoltre ogni estate tra luglio ed agosto, c’è l’elezione della Graziella, ossia una giovane donna procidana tra il 14 e i 21 anni, che ha il compito di indossare l’antico e caratteristico costume del’isola ricamato in oro, in onore alla storia raccontata nell’omonimo romanzo di Alphonse De Lamartine.

Vuoi visitare Procida, contatta Naples and Italy, visita il sito www.guideturistichenapoli.it

Contatti

Naples and Italy visite guidate ed eventi

via Port’Alba 30 – 80134 Napoli (centro Antico)

telefono +39 081 549 9953 – 3404230980

WhatsApp +39 3357851710

e-mail visitenapoli@gmail.com


Fonte notizia: https://www.guideturistichenapoli.it/visite-guidate-napoli/


Procida | Napoli | Visite guidate Napoli | Visite guidate Procida | Procida capitale della cultura 2022 |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Presentata la seconda edizione del progetto «Procida – Il mondo salvato dai ragazzini – Elsa Morante»


Presentato il secondo anno di attività del progetto sull’”isola di Arturo”


“Quadrilli - Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini” un libro di Gea Palumbo


Lo scrittore e poeta Bernard Friot ospite, del progetto «Procida-Il mondo salvato dai ragazzini-Elsa Morante»


Il mondo salvato dai ragazzini (e dai libri): perché la cultura non Isola! L’inn


“Quadrilli”: Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La basilica di San Lorenzo Maggiore Napoli

La basilica di San Lorenzo Maggiore Napoli
La basilica di San Lorenzo Maggiore è una delle chiese monumentali di Napoli, considerata tra le più antiche della città. Risalente al XII secolo, la basilica si trova proprio nel cuore del centro antico di Napoli, vicino a Via San Gregorio Armeno, più precisamente in Piazza San Gaetano. Ricca di storia e stratificazioni archeologiche, oltre la chiesa è possibile visitare il Museo dell’opera di San Lorenzo maggiore, e gli scavi archeologici dell’antico Macellum di Neapolis.La storia di San Lorenzo Maggiore inizia nel 1235 quando papa Gregorio IX concesse a Napoli la costruzione di una struttura dedicata a San Lorenzo.Proprio re Carlo I d’Angiò , partecipò alla costruzione de (continua)

Scavi archeologici di Ercolano

Scavi archeologici di Ercolano
Gli scavi archeologici di Ercolano hanno restituito e riportato alla luce i resti dell’antica città, sepolta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Seppellita da ceneri, lapilli e fango, assieme alle antiche città di Pompei, Stabia e Oplonti, l’antica città di Ercolano venne ritrovata in maniera casuale.L’antica Ercolano venne ritrovata infatti, a seguito degli scavi per la realizzazione di un pozzo nel 1709. Le indagini archeologiche assieme ai primi scavi iniziarono nel 1738, per continuare sino al 1765. Successivamente gli scavi arche (continua)

Casa della Venere in conchiglia Pompei

La casa della Venere in conchiglia, che si trova negli scavi archeologici di Pompei. è famosa per il dipinto della Venere dai capelli ricci distesa su una conchiglia. La casa della Venere in conchiglia, venne scoperta tra il 1933 ed il 1935. La casa ha un grande peristilio, che è in pratica il centro della domus.Sul peristilio affacciavano vari ambienti della casa con pareti decorate in IV stile. Solo una piccola eccezione la notiamo per il grande oecus , ossia una stanza utilizzata come ambiente di ricevimento della casa romana. L’oecus, costruito ad oves (continua)

Capri l’isola Azzurra

Capri l’isola Azzurra
Capri, l’isola azzurra dell’amore, con un paesaggio scolpito dal vento e dal mare, e dalla bellezza mozzafiato. Capri è situata all’imbocco del golfo di Napoli, a soli 5 Km. Dalla Penisola Sorrentina. L’isola era nota anticamente come l’isola delle Sirene. Ha coste calcaree e molto frastagliate, tra le quali il mare penetra creando scenari suggestivi.Nelle acque circostanti emergono grossi scogli aguzzi, detti Faraglioni. Rinomate a partire dall’ottocento per la loro bellezza sono la Grotta Azzurra e l (continua)

Teatro Grande di Pompei

Teatro Grande di Pompei
Il Teatro Grande di Pompei, è una costruzione teatrale di epoca romana. Il Teatro venne sepolto, anch’esso dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Venne ritrovato a seguito degli scavi archeologici dell’antica città di Pompei, promossi da Carlo III di Borbone. Al suo interno venivano rappresentate commedie, mimi, pantomimi e atellane.Il Teatro Grande viene ancora oggi utilizzato, per spettacoli di ogni tipo, così a testimoniare la continuità tra la città antica e quella moderna. Nelle città greche e romane, il teatro era un divertiment (continua)