Home > Ambiente e salute > Come prevenire il tumore al seno e all’ovaio?

Come prevenire il tumore al seno e all’ovaio?

articolo pubblicato da: digitalpr | segnala un abuso

Come prevenire il tumore al seno e all’ovaio?

 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

Nonostante la ricerca scientifica lavori quotidianamente per ideare nuove cure contro il cancro, a volte non basta. Nel caso di certi tumori, intervenire quando la malattia si manifesta significa intervenire troppo tardi. I sintomi tumore alle ovaie, ad esempio, compaiono solo quando il tumore è già in stadio avanzato.

Per affrontare neoplasie come il tumore all’ovaio e al seno, l’unica strada sicura è la prevenzione. Se non diagnosticate nelle primissime fasi, infatti, possono perfino portare alla morte. Addirittura, il tumore al seno è considerato la prima causa di morte per malattia oncologica tra le donne¹. Se individuato alla fase zero, però, ha un tasso di sopravvivenza di circa il 98%¹.

Ci sono vari modi per prevenire il tumore alle ovaie. In primo luogo, è importante intervenire sui fattori di rischio ambientali. In questo caso si parla di profilassi primaria e parte da una corretta informazione. Si procede quindi con un cambiamento dello stile di vita, là dove necessario: alimentazione sana e attività fisica riducono infatti il rischio di tumore[2].

Nel caso del tumore alle ovaie, anche la predisposizione genetica ha un ruolo determinante. Si calcola che il 10% dei casi di tumore alle ovaie e al seno siano da ricondurre a mutazioni a carico dei geni BRCA (BReast Cancer)3, 4. Una donna con mutazioni a carico dei geni BRCA1 e BRCA2 ha fino al 40% delle possibilità di sviluppare un cancro alle ovaie e fino all’87% di sviluppare un cancro al seno5.

Soprattutto in caso di predisposizione, la profilassi secondaria è fondamentale. Questa consiste nella diagnosi tempestiva della patologia, così da intervenire quanto prima. Ciò aumenta in modo esponenziale le possibilità di guarigione, specie nel caso del tumore alle ovaie.

Per ridurre al minimo il rischio di tumore, è importante seguire appositi percorsi di screening e controlli periodici. Ciò consente di effettuare una diagnosi precoce prima che compaiano i sintomi del tumore alle ovaie, nel caso in cui ce ne fosse bisogno. I test genetici permettono, inoltre, di individuare l’eventuale presenza di mutazioni a carico dei geni BRCA. Per effettuarli, basta un semplice campione di sangue o di saliva.

Se desideri maggiori informazioni sui test genetici per il tumore al seno e all’ovaio, visita il sito www.brcasorgente.it

Fonti:

1. Nastro Rosa 2014 – LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori)

2. Diet, nutrition and the prevention of cancer - Timothy J. Key, Arthur Schatzkin, Walter C. Willett, Naomi E. Allen, Elizabeth A. Spencer and Ruth C. Travis

3. Campeau PM, Foulkes WD, Tischkowitz MD. Hereditary breast cancer: New genetic developments, new therapeutic avenues. Human Genetics 2008; 124(1):31–42

4. Pal T, PermuthWey J, Betts JA, et al. BRCA1 and BRCA2 mutations account for a large proportion of ovarian carcinoma cases. Cancer 2005; 104(12):2807–16

5. Ferla R. et al. (2007). Founder mutations in BRCA1 and BRCA2 genes. Annals of Oncology. 18; (Supplement 6):vi93-vi98

tumore al seno | tumore alle ovaie | sintomi tumore alle ovaie | mutazione geni BRCA BRCA |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Pexidartinib riduce le dimensioni del Tumore tenosinoviale a cellule giganti (TGCT)


I geni del cancro: come si forma un tumore?


Come viene diagnosticato un tumore alle ovaie


Prevenzione del tumore al seno: il male si può sconfiggere


Test genetici per il tumore al seno e all’ovaio: i criteri di eleggibilità


I falsi miti più comuni sui tumori


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)