Home > Altro > Dieta vegetariana e gravidanza

Dieta vegetariana e gravidanza

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Dieta vegetariana e gravidanza


 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

 

La gravidanza è un momento in cui si alternano emozioni contrastanti, felicità mista a paura. E ogni mamma si chiede come sarà e come starà il suo bambino. Per avere una maggiore tranquillità, è possibile effettuare uno screening prenatale per valutare il rischio che il piccolo possa essere affetto da un'anomalia cromosomica.

La futura mamma, inoltre, deve mantenere un buono stato di salute scegliendo uno stile di vita sano e un'alimentazione corretta ed equilibrata.

Può un’alimentazione vegetariana essere compatibile con la gravidanza? Secondo l'American Dietetic Association (ADA), le diete vegetariane e vegane pianificate in modo opportuno sono:

·         salutari

·         adeguate dal punto di vista nutrizionale

·         in grado di fornire molti benefici per la salute

·         appropriate in ogni fase della vita, compresa la gravidanza1.

Durante la gravidanza è importante introdurre tutti i micronutrienti necessari per lo sviluppo fetale, evitando così lo sviluppo di malformazioni e di altri problemi1. È importante, durante i mesi di gestazione, non andare incontro a sovrappeso ed eccesso calorico, in quanto sono associati a un rischio maggiore per la salute della gestante e del bambino2. Le future mamme dovrebbero assumere almeno 2000 kcal al giorno, bilanciando l’apporto di proteine, carboidrati e grassi3.

La dieta vegetariana comprende alimenti di origine vegetale: legumi, cereali, noci, verdure, semi e frutta. Sono esclusi alimenti di origine animale come carne, pesci, crostacei e molluschi, ma inclusi uova, latte e formaggi2. Stando agli studi finora effettuati, le diete vegetariane correttamente bilanciate possono considerarsi sicure in gravidanza1.

Le donne incinte devono garantire in modo particolare l’apporto di due elementi: l'acido folico e la vitamina B12, fondamentali per lo sviluppo del sistema nervoso centrale del feto. L'acido folico è presente nelle verdure, soprattutto in quelle a foglia verde scuro, nei legumi e nei cereali integrali. Se ne consiglia comunque un'integrazione specifica. La vitamina B12, invece, è presente soprattutto negli alimenti di origine animale e, in caso di dieta vegetariana o vegana, ne viene consigliata l'assunzione tramite integratori4.

Le donne in gravidanza devono essere seguite da medici esperti che controllino l’assunzione di vitamine e oligoelementi1 per evitarne delle carenze, questo permette di seguire una dieta vegetariana anche durante la gravidanza e l'allattamento.

Seguire un'alimentazione sana ed equilibrata, mantenere un corretto stile di vita ed effettuare tutti i controlli di routine aiuta a mantenere sotto controllo la salute della futura mamma e del suo bambino. Eseguire un test di screening prenatale, come il test del DNA fetale, permette di rilevare precocemente (il test si può fare già alla decima settimana di gravidanza) il rischio che il bimbo possa nascere con qualche anomalia cromosomica.

Per maggiori informazioni: www.testprenataleaurora.it

Se hai trovato questo articolo interessante condividilo nel tuo network!

 

Fonti:

1. Vegan–vegetarian diets in pregnancy: danger or panacea? A systematic narrative review – GB. Piccoli, R. Clari, FN. Vigotti, F. Leone, R. Attini, G. Cabiddu, G. Mauro, N. Castelluccia, N. Colombi, I. Capizzi, A. Pani, T. Todros, P. Avagnina

2. The Effects of Vegetarian and Vegan Diet during Pregnancy on the Health of Mothers and Offspring – G. Sebastiani, A. Herranz Barbero, C. Borras-Novell, M. Alsina Casanova, V. Aldecoa-Bilbao, V. Andreu- Fernandez, M. Pascual Tutusaus, S. Ferrero Martinez, M.D Gomez Roig, O. Garcia-Algar.

3. Fondazione Veronesi

4. Humanitas Salute

 

test DNA fetale | test di screening | gravidanza | anomalie cromosomiche |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Nasce “Cucinare in gravidanza” su Gynefam.it: le ricette adatte alle future mamme per piatti ricchi di acido folico, ferro, calcio e Omega 3


GIORNATA MONDIALE DELL’ALIMENTAZIONE, TUTTI I RISCHI DELLE DIETE FAI DA TE


Il 66% delle donne italiane è normopeso e con uno stile di vita salutare


A Dieta: Alimentazione sana per un peso sano


Ixè dieta mediterranea: abitudini dei consumatori nella ristorazione collettiva


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)