Home > Altro > Test del DNA fetale: definizione e descrizione

Test del DNA fetale: definizione e descrizione

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Test del DNA fetale: definizione e descrizione


 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

 

Durante i nove mesi di gestazione possono insorgere paure, spesso infondate, e altri mille interrogativi su ciò che sta accadendo nel pancione, oppure sulle condizioni di salute del bimbo. Un consiglio alle future mamme: per avere qualche risposta è importante andare dal medico per farsi visitare, ed eseguire almeno un esame di screening prenatale, come il test del DNA fetale.

Gli esami di screening prenatale permettono di scoprire se il nascituro può essere affetto da un'alterazioni ai cromosomi, come la sindrome di Down.

Gli esami prenatali sono di due tipi:

·         esami di screening: come il Bi-test, il Tri-test e il test del DNA fetale; utili per conoscere le probabilità che il feto sia affetto da anomalie cromosomiche;

·         esami diagnostici: come la villocentesi e l'amniocentesi; sono invasivi e si prescrivono solo se ci sono elementi di rischio, poiché hanno un rischio aborto dell'1%, ma il risultato è una diagnosi certa.

Il test del DNA fetale è un test di screening prenatale di ultima generazione, molto semplice da eseguire. Da un campione ematico della gestante si analizzano i frammenti di DNA fetale (cffDNA, cell-free fetal DNA), presenti nel circolo sanguigno della madre per tutta la durata della gravidanza. Questi frammenti provengono dal trofoblasto, un tessuto embrionale che dà origine alla placenta, che si sfalda in tanti piccoli frammenti che vanno a finire nel sangue materno. Circa l’11-13% del DNA presente nel sangue materno, si stima abbia origine fetale [1,2]. La ricerca ha dimostrato che si può rilevare il DNA fetale nel sangue materno già dalla quinta settimana di gravidanza [3]. Più la gravidanza è in fase avanzata, più frammenti di DNA fetale sono rilevabili nel sangue materno. Al contrario, dopo il parto, i frammenti scompaiono progressivamente [3].

I frammenti di DNA del feto sono più piccoli di quelli del DNA della mamma, e questo permette di distinguere gli uni dagli altri [1,2]. Per analizzare il DNA, il primo passo è la separazione di questo dal sangue tramite centrifugazione. Dopo si esegue la differenziazione tra DNA fetale e DNA materno. Si procede sequenziando il cffDNA, ricorrendo a tecniche di ultima generazione come: targeted massive parallel sequencing (t-MPS), single nucleotide polymorphism (SNP) analysis, massively parallel shotgun sequencing (MPSS) [4].

Personale altamente qualificato provvederà ad analizzare e fornire una valutazione delle sequenze di DNA, alla ricerca di possibili alterazioni cromosomiche, come le trisomie 13, 18 e 21. Il test del DNA fetale consente di conoscere anche il sesso del bimbo e il fattore Rh del suo sangue [3,5].

Le future mamme possono eseguire questo esame già dalla decima settimana di gestazione, permettendo così di conoscere con molto anticipo le condizioni di salute del proprio bimbo. Il test del DNA fetale ha una percentuale di affidabilità superiore al 99% nella rilevazione della trisomia 21, e se lo mettiamo a confronto con altri esami come il Bi-test e il Tri-test, possiamo dire che ha un tasso di predizione più alto e un tasso di riscontro di risultati falsi positivi più basso.

Per maggiori informazioni: www.testprenataleaurora.it

 

Se hai trovato questo articolo interessante condividilo nel tuo network! 

 

Fonti:

1. Alberry M, Maddocks D, Jones M, Abdel Hadi M, Abdel-Fattah S, Avent N, Soothill PW. "Free fetal DNA in maternal plasma in anembryonic pregnancies: confirmation that the origin is the trophoblast". 2007. Prenatal Diagnosis. Wiley-Blackwell. 27 (5): 4158.

2. Chan KC, Zhang J, Hui AB, Wong N, Lau TK, Leung TN, Lo KW, Huang DW, Lo YM. "Size distributions of maternal and fetal DNA in maternal plasma". 2004. Clinical Chemistry. American Association for Clinical Chemistry (AACC). 50 (1): 88–92.

3. T. R. Everett and L. S. Chitty. “Cell‐free fetal DNA: the new tool in fetal medicine.” Ultrasound Obstet Gynecol. 2015 May; 45(5): 499–507

4. Jiang P, Peng X, Su X, et al. : FetalQuant SD: accurate quantification of fetal DNA fraction by shallow-depth sequencing of maternal plasma DNA. NPJ Genom Med. 2016;1:16013. 10.1038/npjgenmed.2016.13

5. Lo YM, Hjelm NM, Fidler C, Sargent IL, Murphy MF, Chamberlain PF, Poon PM, Redman CW, Wainscoat JS. "Prenatal diagnosis of fetal RhD status by molecular analysis of maternal plasma". 1998. New England Journal of Medicine (NEJM/MMS). 339 (24): 1734–8.

 

 

 

test DNA fetale | test di screening | gravidanza | anomalie cromosomiche |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Test DNA fetale e Bi-test: ecco le differenze


Risonanza magnetica fetale – Nuova Villa Claudia


Sindrome di Edwards: la seconda anomalia cromosomica più diffusa


Tampone molecolare SARS-CoV-2 Poliambulatori Lazio Korian


Scopri tutto quello che c’è da sapere sulla sindrome di Down


Cos’è la Sindrome di Patau?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)