Home > Altro > Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media


 

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

 

La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento.

Una delle malattie genetiche recessive che i genitori potrebbero trasmette al proprio figlio inconsapevolmente è il deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media (MCADD). Si tratta di una malattia recessiva che può manifestarsi nel bambino se entrambi i genitori sono portatori dello stesso gene mutato.

È un difetto congenito dell'ossidazione degli acidi grassi, causato da una mutazione del gene ACADM, che codifica per la proteina MCAD (media-catena acil-CoA deidrogenasi) mitocondriale. Gli acidi grassi sono una fonte energetica importante per l'organismo e vengono catabolizzati, ovvero degradati in unità più semplici da cui ricavare energia in caso di necessità. La proteina MCAD ha la funzione di catabolizzare gli acidi grassi con catene di media lunghezza, cioè compresa tra i 4 e i 14 atomi di carbonio1,2.

Il deficit di MCAD si manifesta con crisi metaboliche a rapida progressione che necessitano di un intervento tempestivo perché potrebbero essere letali.
Alcuni sintomi di questo deficit sono:

         ipoglicemia ipochetotica;

         convulsioni;

         letargia;

         problemi epatici;

         vomito;

         problemi respiratori;

         coma1,2.

Questa malattia si può sviluppare tra i 3 e i 24 mesi di vita, ma esistono molti pazienti in cui rimane silente fino all'età adulta. In questi casi i sintomi possono manifestarsi dopo un'infezione, un digiuno prolungato o un intervento chirurgico1,2.

 

La valutazione della presenza di specifici metaboliti chiamati acilcarnitine nelle urine e nel sangue permette di arrivare a una diagnosi, che può essere confermata con successive analisi genetiche2.

Il trattamento per questo deficit è la somministrazione endovenosa di destrosio, ma per quanto riguarda un trattamento a lungo termine vengono consigliati pasti frequenti e una dieta povera di grassi e ricca di carboidrati. Gli acidi grassi a catena media devono essere evitati. Con queste indicazioni i pazienti possono avere una prognosi buona2.


Il deficit di MCAD è una malattia genetica recessiva ed è anche una malattia rara, visto che la sua prevalenza è stimata per 1 bambino ogni 14.600 bambini nati2.

Per riuscire a programmare un percorso di nascita adeguato è il caso che i futuri genitori conoscano il loro rischio di trasmissione di malattie genetiche recessive prima della gravidanza. È possibile scegliere il test preconcepimento Igea, in grado di indicare la probabilità di essere portatori di patologie genetiche, come la fibrosi cistica o l'atrofia muscolare spinale, oppure il deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media. Il test consiste in un semplice prelievo di sangue dal quale verrà estratto e analizzato il DNA dei futuri genitori.

 

Per maggiori informazioni sul test preconcepimento Igea: www.sorgentegenetica.it

 

Se hai trovato questo articolo interessante condividilo nel tuo network!

 

Fonti:

 

1.       National Institutes of Health, National Library of medicine, https://ghr.nlm.nih.gov/condition/medium-chain-acyl-coa-dehydrogenase-deficiency#resources;

2.       Orphanet, https://www.orpha.net/consor/cgi-bin/OC_Exp.php?Lng=IT&Expert=42.

test genetico | malattia genetica recessiva | test genetico preconcepimento | mutazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento


Acido bempedoico/ezetimibe: accordo Daiichi Sankyo Europe e Esperion Therapeutics


L'intervista a Erno Rossi per i suoi 40 anni di professione...


"Domenica In " - Mara Venier e Gianni Boncompagni i più amati della fortunata trasmissione. Lo dice il Web!


EJPC: Daiichi Sankyo Europe annuncia i risultati dello Studio 053


Esperion Therapeutics: Convalida EMA per immissione in commercio delle compresse di acido bempedoico


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)

Dieta vegetariana e gravidanza

Dieta vegetariana e gravidanza
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un momento in cui si alternano emozioni contrastanti, felicità mista a paura. E ogni mamma si chiede come sarà e come starà il suo bambino. Per avere una maggiore tranquillità, è possibile effettuare uno screening prenatale per valutare il rischio che il piccolo possa essere affet (continua)