Home > Ambiente e salute > Ecco i passaggi per la conservazione del cordone ombelicale

Ecco i passaggi per la conservazione del cordone ombelicale

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Ecco i passaggi per la conservazione del cordone ombelicale


A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Conservare cellule staminali del cordone ombelicale è una scelta importante, che denota amore e protezione nei confronti del bambino che sta per nascere e di tutta la sua famiglia. È per questo che bisogna decidere in maniera informata e consapevole, valutando attentamente tutte le possibilità per scegliere la struttura cui affidare un bene così prezioso. Ma dopo aver deciso di conservare le cellule staminali e in quale struttura, quali passaggi dovranno seguire i futuri genitori? Vediamoli insieme:

1) verificare, prima della firma del contratto, che la biobanca prescelta offra elevati standard di qualità e una garanzia della conservazione attraverso un fondo patrimoniale ad hoc per la protezione del container di crioconservazione, in caso di fallimento. Un buon indicatore di qualità sono le certificazioni nazionali e internazionali, come ad esempio la JACIE (Join Accreditation Committee) e la AABB (American Association of Blood Banks).

2) Ottenere il nulla osta all'esportazione delle cellule staminali, dopo la firma del contratto con la biobanca. Come fare? Compilando dei moduli forniti alla famiglia presso la direzione sanitaria dell'ospedale prescelto per il parto.

3) Contattare la biobanca, che invierà ai genitori un pacchetto informativo e il kit di raccolta, un contenitore all'interno del quale si trovano gli strumenti necessari al prelievo e alla corretta conservazione del sangue cordonale fino al momento dell’arrivo alla biobanca. La temperatura all’interno del kit viene registrata da un’unità elettronica di controllo che la comunicherà al termometro posto all'esterno. In tal modo, le condizioni del campione dopo la raccolta, sono sempre monitorate. Inoltre, le biobanche più affidabili, affiancheranno un tutor personale per chiarire dubbi e rispondere alle domande dei futuri genitori.

4) Il giorno del parto, è necessario portare con sé in ospedale il kit per il prelievo. Il kit servirà al personale medico per prelevare dal cordone ombelicale il sangue cordonale del bimbo.

5) Dopo la nascita, contattare la biobanca con una semplice telefonata. A questo punto si occuperanno di tutto loro: un corriere arriverà direttamente nella stanza di degenza della mamma e prenderà in carico la spedizione del kit con il campione per il laboratorio. Qui verranno effettuate le analisi per verificare, ad esempio, la vitalità e il volume delle cellule raccolte. Dopodiché, superate le analisi, il campione verrà preparato per la crioconservazione vera e propria.

6) Arriverà in seguito il certificato di crioconservazione che attesta che il campione è stato conservato negli speciali contenitori (biocontainer) a una temperatura di -196°C, temperatura ottimale di conservazione delle cellule staminali. Per molti anni a venire saranno conservate le cellule presso la biobanca e, in caso di necessità per il bambino o per la famiglia, sarà possibile richiamare il campione attraverso l'autorizzazione all'importazione al Ministero della Salute.

 

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

cellule staminali | staminali del cordone ombelicale | cordone ombelicale | conservare le cellule staminali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cordone ombelicale: perché è importante la conservazione del tessuto?


Domande e risposte più frequenti sulla conservazione del cordone ombelicale


Terapie staminali sicure e all'avanguardia


Cordone ombelicale: clampaggio e conservazione


Conservazione delle cellule staminali del cordone: il perché di una scelta consapevole


Staminali del cordone ombelicale e paralisi cerebrale infantile: casi di successo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)