Home > Ambiente e salute > Conservazione delle cellule staminali del cordone: il perché di una scelta consapevole

Conservazione delle cellule staminali del cordone: il perché di una scelta consapevole

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Conservazione delle cellule staminali del cordone: il perché di una scelta consapevole


 

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

La conservazione cellule staminali del cordone ombelicale è un argomento sul quale si soffermano molte coppie in attesa di avere un bimbo. Le cellule staminali cordonali sono una preziosa risorsa, utili nel trattamento di numerose malattie. Sono contenute nel sangue del cordone ombelicale e l’unico momento per effettuare la raccolta è quello del parto.

Oggi le famiglie possono decidere se conservare privatamente le cellule staminali cordonali del proprio figlio, in biobanche site all'estero, oppure se donarle a biobanche pubbliche.

Per una banca del cordone è importante possedere certificazioni nazionali e internazionali che garantiscano l’affidabilità, come ad esempio la  AABB (American Association of Blood Banks) e la JACIE (Join Accreditation Committee).

Sebbene l'Italia vanti la presenza in Italia di 18 banche pubbliche, il sistema pubblico di raccolta e conservazione del cordone ombelicale presenta alcuni limiti. Infatti, su 55.000 richieste di donazione solo 1.171 bancaggi sono stati realizzati (il 2,1% delle richieste)[1]. Questo significa che è stato raccolto solo lo 0,2% sul totale delle nascite[1], ossia una quantità insufficiente a garantire alle biobanche di offrire percorsi di qualità. Non per ultimo va detto che la raccolta pubblica osserva un orario diurno e solo dal lunedì al sabato.

Un altro aspetto, riguarda lo spreco che oggi avviene in Italia e che vede il 95% dei cordoni ombelicali buttato via, sprecando così una grande risorsa con un alto potenziale terapeutico[2].

Per scegliere se optare per la conservazione privata o la donazione pubblica delle cellule staminali del cordone, è importante che le coppie arrivino prima del parto informate, così da poter effettuare una scelta consapevole.

Per maggiori informazioni sulla conservazione del cordone ombelicale: www.sorgente.com

Riferimenti bibliografici

1. Ministero della Salute, Report attività banche cordone ombelicale 2016 CNS. Clicca qui per vedere il grafico

2. www.aduc.it

 

cellule staminali | cordone ombelicale | conservazione cellule staminali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Terapie staminali sicure e all'avanguardia


Cellule staminali cordone ombelicale: come si usano nei trapianti


A cosa serve il cordone ombelicale?


Che cosa sono le cellule staminali?


Domande e risposte più frequenti sulla conservazione del cordone ombelicale


BEIKE BIOTECHNOLOGY CELLULE STAMINALI : IL FUTURO DELLA MEDICINA È GIÀ IL PRESENTE.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)