Home > Altro > Staminali del cordone ombelicale e paralisi cerebrale infantile: casi di successo

Staminali del cordone ombelicale e paralisi cerebrale infantile: casi di successo

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Staminali del cordone ombelicale e paralisi cerebrale infantile: casi di successo


 

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

 

Molte sono le decisioni da prendere quando una coppia aspetta un figlio: il ginecologo, l'ospedale in cui partorire, i test di screening prenatale più idonei da fare e decidere se optare per la conservazione o per la donazione delle cellule staminali del cordone ombelicale.

 

Numerose ricerche in campo scientifico supportano l’utilizzo delle staminali per trattare diverse malattie e anche il Decreto Ministeriale del 18 novembre 2008 ne ha confermato l’impiego. È da più di un ventennio che il sangue presente all'interno del cordone ombelicale è usato come fonte di cellule staminali di tipo ematopoietico, per il trapianto allogenico nel trattamento di linfomi, leucemia, carenze immunitarie, talassemia, oltre ad alcune malattie metaboliche.

 

Le staminali del cordone sono impiegate anche al di fuori dell'ambito delle malattie onco-ematologiche. Sono stati ottenuti di recente risultati incoraggianti nel contesto di patologie di tipo neurologico, tra cui la paralisi cerebrale infantile (PCI).

 

La PCI è una malattia che comprende vari disturbi di tipo neurologico, continui, del movimento e della postura, derivanti da una lesione al sistema nervoso centrale. Questo danno può essere dovuto a patologie genetiche, ipossia (carenza di ossigeno) al sistema nervoso centrale, emboli, emorragie, e  la malattia può comparire in qualunque momento della vita del neonato/bambino. In Italia, ogni 1.000 nati, 2 o 3 bimbi risultano affetti da Paralisi Cerebrale Infantile. Ogni anno, si stima che circa 1.000 bambini si ammalano di una forma di PCI1,2.

 

Per il trattamento della PCI si ricorre a farmaci generali o locali, logopedia per migliorare linguaggio e deglutizione, deambulatori, tutori, busti. Inoltre è possibile trattare la PCI anche tramite chirurgia.

 

Nel 2009, il prof. A. Jensen, dell’Università tedesca di Ruhr, fu il primo a utilizzare le staminali cordonali in terapie per la PCI. Erano state prelevate dal cordone ombelicale dello stesso bambino (autologhe), e sono state usate per sanare un danno dovuto a un arresto cardiaco. Grazie anche alla riabilitazione, lo sviluppo psicomotorio del bimbo è migliorato in modo progressivo3.

 

Inoltre, presso il dipartimento pediatrico del Medical Center della Duke University (Stati Uniti), nel 2011 a una bimba di due anni con PCI sono state infuse le cellule staminali cordonali del fratello.

 

Nel 2013 in Italia, abbiamo avuto il caso di Adriana, che a soli 3 anni di età ha subìto un doppio trapianto di cellule staminali cordonali autologhe, provenienti da conservazione privata. Lo sviluppo di Adriana oggi è normale4.

 

I buono risultati raggiunti hanno permesso di realizzare anche un trial clinico di fase II: Expanded access: umbilical Cord Blood Infusions for Children With Brain Injuries. Questo trial è iniziato presso la Duke University (Stati Uniti), e conta di  coinvolgere un migliaio di pazienti5,6. Si tratta di successi incoraggianti che dimostrano le potenzialità di queste preziose cellule contenute all’interno del cordone ombelicale. Grazie alla conservazione privata o alla donazione pubblica, le famiglie che aspettano un bimbo possono conservare questo patrimonio biologico.

Per maggiori informazioni sulla conservazione del cordone ombelicale: www.sorgente.com

 

Fonti:

1. www.centronazionalesangue.it

2. Rescuing the neonatal brain from hypoxic injury with autologous cord blood. 2013 Liao Y, Cotten M, Tan S, Kurtzberg J, Cairo MS. Bone Marrow Transplant. Jul;48(7):890-900.

3. First Autologous Cord Blood Therapy for Pediatric Ischemic Stroke and Cerebral Palsy Caused by Cephalic Molding during Birth: Individual Treatment with Mononuclear Cells. Jensen A & Hamelmann E. 2016 Case Report Transplantation: 1717426

4. www.sorgente.com

5. www.clinicaltrials.gov

6. Effect of Autologous Cord Blood Infusion on Motor Function and Brain Connectivity in Young Children with Cerebral Palsy: A Randomized, Placebo-Controlled Trial. Sun J. et al, 2017. Stem cells Translational Medicine: Dec, 6 (12): 2017-1078

cordone ombelicale | cellule staminali | staminali | staminali cordonali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A cosa serve il cordone ombelicale?


Cellule staminali cordone ombelicale: come si usano nei trapianti


Terapie staminali sicure e all'avanguardia


Domande e risposte più frequenti sulla conservazione del cordone ombelicale


Cordone ombelicale: perché è importante la conservazione del tessuto?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)