Home > Arte e restauro > Il museo di Capodimonte

Il museo di Capodimonte

scritto da: Barbarella | segnala un abuso

Il museo di Capodimonte

La storia del museo di Capodimonte, incorniciata da splendidi giardini e dal suo immenso parco, deve la sua nascita all’amore che il sovrano borbonico Carlo III, provava per l’arte.


Residenza storica dei Borbone, ma che ha visto susseguirsi altri sovrani, dai Bonaparte, Murat e i Savoia, ebbe la posa della prima pietra nel 1738.

Il Re con questa impresa architettonica, volle far risplendere Napoli, che dopo due secoli di viceregno spagnolo, era ritornata ad essere capitale di un regno indipendente.

Il nuovo sovrano decise il riassetto urbano della città e tra le varie idee ci fu appunto, quella di costruire un palazzo dove ospitare, una delle collezioni di opere d’arte più oggi famosa nel mondo, la collezione Farnese, ereditata da sua madre Elisabetta Farnese.

Il luogo prescelto fu la collina di Capodimonte, zona boschiva di Napoli, ricca di selvaggina, con l’idea di affiancare la reggia non solo ad uso museale, ma anche come luogo di svago dove risiedere durante, anche durante le battute di caccia.

Sostando nei pressi della fontana del Belvedere si godrà di una vista mozzafiato, con lo sguardo si abbraccia tutta Napoli dal Vesuvio, alla Certosa di San Martino fino a Posillipo.

Ma il sovrano Carlo III non si limitò alla costruzione della reggia, ma assieme a sua moglie Maria Amalia di Sassonia decisero di fondare la Real Fabbrica di porcellane di Capodimonte, dando vita ad una tradizione che non è mai terminata.

Il Museo di Capodimonte ufficialmente inaugurato nel 1957, ospita nelle sue sale i massimi esponenti della pittura Italia, e napoletana, un vero e proprio viaggio all’interno della storia dell’arte del nostro paese.

Fiore all’occhiello è come detto prima, la collezione Farnese, ma tra i capolavori non possiamo dimenticare opere di Raffaello, Tiziano, Sebastiano del Piombo, Michelangelo, El Greco, Bruegel il Vecchio. Oltre a pitture e disegni, arricchiscono la collezione oggetti rari e preziosi, che costituiscono la settecentesca ‘Galleria delle cose rare’.

Ma non possiamo dimenticare la galleria espositiva dedicata alla storia dell’arte napoletana e del centro Italia, che racconta in un arco temporale che va dal 200 al 700, l’avvicendarsi sul trono di Napoli  ha visto numerose famiglie nobiliari.

Ci sono stati eventi storici che hanno influenzato il mondo della cultura, arricchendola grazie ad ispirazioni che provenivano dall’estero. Molte delle opere che si ammirano appartenevano a chiese e conventi, alcune sono state prese letteralmente da queste strutture, mentre altre donate, così per tutelarle meglio.

Qui si incontrano artisti come Pinturicchio, Vasari, Artemisia Gentileschi, Luca Giordano, considerato il più grande pittore barocco in Europa dopo Rubens e tra i più grandi pittori del seicento napoletano. a cui è stata dedicata una grande mostra” dalla natura alla pittura”.

Tra le opere che si trovano all’interno del museo non possiamo dimenticare uno degli artisti più geniali e controversi del seicento, Caravaggio, con una delle sue opere più famose, la “Flagellazione di Cristo” tela di formato più grande e più monumentale delle cinque o sei opere che il pittore eseguì alla fine del suo soggiorno a Napoli.

Cosa altro aggiungere, bisogna solo venire a visitare questo scrigno di arte, che offre non solo un immersione nell’arte ma anche nella natura.

 


Fonte notizia: https://www.guideturistichenapoli.it/visite-guidate-napoli/


Napoli | Cultura | Arte | Turismo | Museo di Capodimonte | Caravaggio | Luca Giordano | Natale a Napoli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Gastronomia da Guinnes, bellezze museali e Arte


Stoner. Landing pages


I nuovi pizzaioli Discepoli di Escoffier


Opera, Marcon Design


Notte dei Musei: #Niobedoloreeclamore al Museo Barracco


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

procida

procida
L’isola di Procida, il suo nome e le sue origini si mescolano tra realtà e leggenda. Tra le ipotesi più suggestive, c’è quella che fa nascere il nome Procida da greco. "prochetai" cioè giace. Se si guarda attentamente la morfologia di Procida, ci si accorge che l’isola sembra giacere distesa e sdraiata nel mare. Invece altri, fanno derivare il nome di Procida, da una nutrice di Enea di Nome per l’appunto Procida. La nutrice secondo la leggenda, è stata sepolta sull’isola. A meno di un’ora di aliscafo da Napoli, Procida è famosa in tutto il mondo per le sue bellezze e i panorami suggestivi.Anche se Procida rispetto alle isole di Capri ed Ischia, è la più piccola del golfo di Napoli, è stata la prima ad essere abitata. Dalle scoperte archeologiche secondo testimonianze attendibili, Procida fu occupata da coloni Calcidesi. La presenza è ancor oggi rintracciabile d (continua)

Reggia di Caserta

Reggia di Caserta
La Reggia di Caserta, uno dei palazzi reali più grandi d’Europa. Il sogno del sovrano Carlo III di Borbone. Il Re volle commissionare il progetto, al più grande architetto del 700 Luigi Vanvitelli.Carlo III di Borbone, era preso da una sorta di competizione, con la casa reale Francese. Il sovrano era desideroso di donare a Napoli, una costruzione cosi imponente, da poter far svolgere alla città, il ruolo di capitale a livello Europeo.Per motivi di sicurezza, per la famiglia reale si scelse Caserta. (continua)

Costiera Amalfitana

Costiera Amalfitana
La Costiera Amalfitana è conosciuta come “La divina”, un vero e proprio paradiso naturale, che la fa sembrare un balcone sospeso tra l’azzurro del mare e l’azzurro del cielo. Una visita guidata in Costiera Amalfitana, non può mancare. Da secoli considerata una tavolozza naturale, che i pittori di tutto il mondo hanno impresso su tela, Arrivare in costiera significa entrare in un sogno.Immersa tra i suoi colori , profumi e squarci mozzafiato, sembra quasi di trovarsi nel paese delle meraviglie, grazie anche alla sua architettura tutta in verticale, e le sue viuzze (continua)

Il lungomare di Napoli

Il lungomare di Napoli
Una delle tappe che non può mancare in un tour nella città di Napoli è visitare il suo lungomare . Il lungomare di Napoli è una delle passeggiate più belle del mondo. Uno dei luoghi più amati e ammirati non solo dai turisti ma anche dagli stessi napoletani. Il lungomare di Napoli, una passeggiata di circa 3 km, che fidati, per nulla faticosa, anzi con lo sguardo ti perderai, nel blu del mare, che costeggia tutto il tuo percorso.La passeggiata parte da via Santa Lucia, antico borgo di pescatori, dove la sua storia si intreccia con quella della nascita di Parthenope. Proprio qui nel lontano VIII secolo a.C, i cumani decisero di fondare sul Monte E (continua)

Le Guglie di Napoli

Le Guglie di Napoli
Per comprendere il significato della Guglia a Napoli bisogna andare un pò indietro nel tempo e capire come questo elemento architettonico nasca nell’immaginario collettivo. Il concetto di Guglia, prende spunto dalla cultura napoletana delle macchine a festa, perciò le piazze partenopee che accolgono queste architetture ne vengono influenzate solo in maniera parziale. Mentre a Roma, “l’arredo” viene considerato parte integrante della risistemazione urbanistica portata avanti da Sisto V, a Napoli essendo stato inutile o quasi l’espansione prevista da Don Pedro de Toledo, nel ‘600 si sente l’esigenza di cambiare interi quartieri, con interventi non programmati, da parte di clero e nobiltà spesso in conflitto tra loro.La piazza, era un luogo molto ambito per (continua)