Home > Eventi e Fiere > SAN VENDEMIANO (TV)- CON CANTO RIDO E DONO IL SUCCESSO E' ASSICURATO

SAN VENDEMIANO (TV)- CON CANTO RIDO E DONO IL SUCCESSO E' ASSICURATO

articolo pubblicato da: gianni | segnala un abuso

SAN VENDEMIANO (TV)- CON CANTO RIDO E DONO IL SUCCESSO E' ASSICURATO
“Canto rido e dono” ha debuttato il 13 gennaio 2018 a Pieve di Soligo (Tv), ed è stato riproposto lo scorso fine settimana, sabato 24 febbraio, stavolta a San Vendemiano (Tv), presso la Palestra Polivalente. A onor del vero, il puro canto “Canto e Rido” non è una novità, avendo già visto la luce, con interessanti consensi, nel 2017. Ciò che è nuovo, invece, è quel “dono”, un valore aggiunto a qualcosa che, altrimenti, sarebbe semplicemente uno show come tanti. Ogni appuntamento in programma, è dedicato alla promozione di una realtà associativa del territorio. Nello specifico, si è voluto portare all’attenzione A.N.F.F.A.S, Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettuale e/o Affettiva. E’ una grande comunità attiva in tutta Italia; in rappresentanza della sede di San Vendemiano era presente Giuliano Cettolin, Presidente. I fondi raccolti durante la serata, saranno utilizzati per un progetto che vedrà la creazione di un giardino multisensoriale, al CEOD “Don Gnocchi”, che permetterà ai ragazzi di avere un luogo protetto, dove rilassarsi ed esprimere le proprie emozioni. Fra le altre autorità presenti, anche Renzo Zanchetta, Vice Sindaco di San Vendemiano. Infatti, lo spettacolo è stato organizzato con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale di San Vendemiano, Magie d’Inverno e l’Associazione Estate Sport. Tornando un attimo al tema della multisensorialità, è proprio nello stile del format amalgamare e combinare molteplici arti, offrendo un “varietà” vecchio tempo. Il viaggio dei sensi è partito da una terra lontana, l’Oriente delle Amira’s Bellydancers, danzatrici del ventre, dirette da Maria Busetto: fra colori, suoni e giochi di luci, hanno incantato tutto il pubblico. La musica ha avuto un posto d’onore, ben rappresentata dai tanti artisti, tutti nostrani e giovani, che si sono esibiti. Molto atteso il cantante Enrico Nadai. Il suo talento è già conosciuto e ci ha abituato ad intense performance. Non a caso, due sono le interpretazioni più conosciute e amate, dal forte sostrato spirituale: “Supertition” (S. Wonder) e “Hallelujah” (L. Cohen). In più, quest’ultimo brano è stato arricchito dai delicati movimenti di Debbie Bigarella, ballerina di danza classica. Insieme, hanno collaborato anche per la realizzazione del video di “With your love”, recente successo di Enrico, ma questa è tutt’altra avventura… Di spicco, anche il talento di Nicolas Bozzato, un piccolo pianista, perennemente in ascesa, anche grazie a Sabrina Comin, sua Professoressa alla Scuola “Monteverdi” di San Donà. Per il canto, da segnalare Jessica Della Colletta (con “Glitter and Gold” di R. Ferguson e “Bang Bang” di Cher) e Elena Lucca (con “Why don’t you do right” di P. Lee e “Rehab” di A. Whinehouse), provenienti dalla scuola di musica “Toti dal Monte” e “Giovani Accordi”, ed entrambe allieve della Professoressa Loredana Zanchetta. Tutti i cantanti, si sono esibiti con la musica dal vivo della Righéa Big Band, diretta da Denis Feletto. Se siete appassionati di Michael Jackson, conoscerete sicuramente Jennifer Batten, chitarrista storica del Re del Pop; se conoscete Jennifer Batten, beh… allora il nome di Vanny Tonon non dovrebbe suonarvi nuovo: insieme, hanno recentemente collaborato per la realizzazione dell’album “The Tourist of love”. Lunga presentazione per dire che è stato un onore averlo fra noi, anche perché si è prestato a fare sfoggio della sua velocità di chitarrista, decretata Guinness Mondiale durante il programma “Lo show dei record”, con “Il volo del calabrone” di N. Korsakov. Comica della serata, e rappresentante di quel “rido”, Giusy Zenere. Coinvolgenti anche le magie del carismatico Mago Paolo Colla, con gran finale, a sorpresa, di nevicata di coriandoli. In generale, tutto il cast non ha differito dal precedente appuntamento. Ma questo non è stato certo un punto sfavorevole, piuttosto la conferma che un gruppo ben affiatato e talentuoso, è in grado di appassionare e creare aggregazione. Questo senso di unità ha permesso la raccolta di 725 euro in favore di A.N.F.F.A.S. Francesco De Angelis, lasciato momentaneamente il suo ruolo di speaker a Radio Bellla&Monella, ha presentato l’evento. S75_0253.JPG La serata è stata un’eccellente risposta ai nuovi bisogni del pubblico che, saturo degli artifici televisivi o di mirabolanti promesse di novità, chiede cose semplici e godibili, ma di qualità. Perciò, accantonando gli aggettivi superflui, posso solo dire che è stata davvero una bella serata. Di questi tempi, vi pare, forse, poco? SOFIA FACCHIN

cabaret | musica | comici | avis | sagra | spettacolo | piazza | palestra | varietà | magia | arte |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE
Ho conosciuto Enrico Nadai alcuni anni fa quando, invitato a cantare al Centro Culturale Humanitas di Conegliano, venne premiato per la sua attività in mezzo ai giovani. Nato a Conegliano il 26 maggio 1996, in giovanissima età ha intrapreso alcune esperienze televisive, per le quali ha ricevuto il riconoscimento di Giulio Rapetti (Mogol). Nel 2011 ha partecipato al Concerto per la pace, tenutos (continua)

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...
Se dicessimo a qualcuno che oggi la musica è scomparsa gli daremmo buone ragioni di pensare che siamo impazziti. Ma si regga il peso del paradosso: la musica è scomparsa dopo essersi fatta totale. Tra coloro che se ne resero conto ci fu Thomas Bernhard. Nel 1985, nell’opera “Antichi Maestri”, l’autore austriaco scriveva che l’ascolto della musica non è più un fatto eccezionale giacché la si trova (continua)

ENRICO NADAI-SONO L'UNICO ARTISTA INDIE RIMASTO

ENRICO NADAI-SONO L'UNICO ARTISTA INDIE RIMASTO
ono anni che mi domando cosa sia la musica indie. Me lo chiedevo già alle scuole superiori quando, ascoltando alcuni artisti di punta del panorama suddetto, mi chiedevo cosa potesse caratterizzarne la diversità. Era bello ascoltare musica apparentemente destinata a pochi. Non ero abilissimo a coglierne i messaggi politici (quando ce n’erano), ma era palese che quelle partiture suonassero dalla par (continua)

ENRICO NADAI-L'EREDITA' DEL DOLORE E DELLA CROCE

ENRICO NADAI-L'EREDITA' DEL DOLORE E DELLA CROCE
“La notte del Getsemani” – l’ultima fatica letteraria dello psicoanalista Massimo Recalcati – è un bel saggio. Ci si avvicina con sospetto ad uno scritto che accosta con ricorrenza il nome di Gesù a quello di Jacques Lacan, eppure in quest’occasione c’è quasi da gioirne. È un libro che accarezza la memoria nell’epoca dell’«ossessiva dimenticanza», come avrebbe scritto Kundera; ci ricorda che, p (continua)

ENRICO NADAI-DERUBATI DEL TEMPO

ENRICO NADAI-DERUBATI DEL TEMPO
Dormire, annoiarsi, concedersi qualche ora di tregua dai dispositivi elettronici, cancellare il proprio profilo Facebook, Instagram, Twitter o Google sono – a nostra insaputa – gesti rivoluzionari. Se nel Novecento le rivoluzioni si facevano ribaltando i grandi luoghi di potere, oggi la situazione è cambiata: la rivoluzione è a portata di mano e i luoghi si sono fatti piccolissimi da quando i prin (continua)