Home > Musica > ENRICO NADAI DA' VOCE AL SOGNO DI LUDOVICA.

ENRICO NADAI DA' VOCE AL SOGNO DI LUDOVICA.

articolo pubblicato da: gianni | segnala un abuso

ENRICO NADAI DA' VOCE AL SOGNO DI LUDOVICA.
Il fenicottero, nell’indusimo, poiché si sposta in gruppo, è spesso associato allo spirito di cooperazione e mutuo aiuto. E Ludovica Visentin, 16enne di Volpago del Montello, che si rispecchiava in questo elegante animale – noto per la capacità di trovare il suo equilibrio su un “piede” solo, come lei stessa durante la malattia -, ha sempre creduto nella forza della collaborazione. Giovedì 13 settembre 2018, al Palamazzalovo di Montebelluna, “Il Sogno di Ludovica – Emozioni in Musica” è stata la massima espressione di questo suo testamento spirituale. Non un semplice concerto a lei dedicato, ma un’intera giornata dove i protagonisti sono stati i bambini, i ragazzi, con le relative famiglie, dell’Associazione Sogni Onlus di Giavera, promotrice dell’evento. Anche Enrico Nadai, prestando la propria calda voce, ha voluto dare un sensibile apporto al tema dei (piccoli) malati oncologici. D’altronde, la sua “Sogni di carta”, per tema, può considerarsi – idealmente – come la canzone emblema della manifestazione. Enrico - The Kolors Presente anche il gruppo THE KOLORS, che avevano conosciuto Ludovica al CRO di Aviano. Anche io ho potuto sentirmi parte di questa grande famiglia, grazie all’ospitalità di Rudi Zanatta, Fondatore e Presidente dell’Associazione. Sono passati molti anni, ormai, da quanto realizzò l’ultimo desiderio della sua amica Emily e, 200 sogni e più dopo, non ha smesso di credere nel loro potere, come amava ripetere la stessa Ludovica. Un inno alla speranza ribadito dai giovanissimi Achille, Leonardo, Agnese, Devis, Luca, Samuele, Federico che, saliti sul palco, hanno raccontato la loro giornata da sogno – grazie alla disponibilità, partecipazione e interessamento di tanti famosi, fra personaggi dello spettacolo e dello sport. L’infusione di positività è stata possibile anche grazie a Linda Collini, presentatrice del concerto e anima sensibile in grado di raccogliere questi preziosi pezzi di vita. Presente un ricco e poliedrico cast di artisti fra cui l’attore Jgor Barbazza, il comico Davide Stefanato, il trio acustico “Terno Secco”, Sara Mardegan e Samuel Peron di “Ballando con le stelle”, nonché la band THE KOLORS, vincitrice dell’edizione 2015 di Amici, che ha portato un suo personale e sincero ricordo di Ludovica. Infatti Stash, il leader del gruppo, ha potuto conoscerla e perpetuare così, in prima persona, i suoi insegnamenti. In memoria di Ludovica erano presenti anche i compagni di classe del Liceo Classico “A. Canova” di Treviso. In verità, negli ultimi tempi, si trovava principalmente ospite presso la struttura ospedaliera del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano (CRO). Una realtà eccellente, incarnata nella persona del Dottor Maurizio Mascarin, Primario dell’Area Giovani. Il Dottor Maurizio Mascarin (sx) con Rudi Zanatta (dx), Presidente Sogni Onlus Ospitato sul palco, ha dato vita ad un interessante momento di riflessione inerente l’importanza della collaborazione fra strutture oncologiche pediatriche, che si occupano della cura del corpo del malato, e Associazione Sogni Onlus, a cui è affidata la sfera spirituale, che non si vede e non si tocca, ma che davanti alle difficoltà può anch’essa ammalarsi gravemente. La musica dal vivo è stata offerta dall’Orchestra S.I.O., diretta dal Maestro Fantinel. Questa formazione musicale ha spesso lavorato con il nostro Enrico, dando vita a pregiatissime collaborazioni, come quella instauratasi per la realizzazione di “With your love”. Si tratta di un brano molto intenso, che sa accedere al cuore e alla spiritualità di tutti. Per conoscere meglio questo progetto, potete rileggere l’articolo dedicato QUI. La grande partecipazione di pubblico – fra amici, simpatizzanti, curiosi e, naturalmente, delle famiglie legate all’Associazione -, la visibilità e l’interesse che la kermesse ha sollevato fra emittenti televisive, giornali e testate web, come il ricavato della serata, permetterà la creazione di un progetto ad ampio respiro per l’accoglienza di malati e famiglie.

concerto | coro | orchestra | violino | pianoforte | live | tromba | classica |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ENRICO NADAI - CONSIGLI PER VIVERE BENE

ENRICO NADAI - CONSIGLI PER VIVERE BENE
Si faccia un salto in libreria. Superati i sacri limini di religione, narrativa, scienza e filosofia si arriverà nel compartimento “Self-help” dove i libri, prima di essere comperati, sono costretti a promettere qualcosa di grande al loro futuro lettore. Alcuni risolveranno i problemi di memoria; altri i problemi di autostima; altri ancora dicono di assicurare il raggiungimento del successo. Ci si (continua)

VIDOR (TV) NON SOLO VIVALDI CON LA PICCOLA ORCHESTRA VENETA ALL'ABBAZIA DI SANTA BONA

VIDOR (TV) NON SOLO VIVALDI CON LA PICCOLA ORCHESTRA VENETA ALL'ABBAZIA DI SANTA BONA
Domenica 13 ottobre 2019, l’antica Abbazia di Santa Bona, a Vidor (Tv), sarà aperta al pubblico per ospitare il concerto di Solidarietà, “Non solo Vivaldi”, con la Piccola Orchestra Veneta, e i suoi solisti. Con le voci dei cantanti Enrico Nadai ed Elena Lucca e la partecipazione del soprano Angelica Casonato. IMG-20190707-WA0015 “Non solo Vivaldi” è un concerto esclusivo, ma aperto a tut (continua)

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE
Ho conosciuto Enrico Nadai alcuni anni fa quando, invitato a cantare al Centro Culturale Humanitas di Conegliano, venne premiato per la sua attività in mezzo ai giovani. Nato a Conegliano il 26 maggio 1996, in giovanissima età ha intrapreso alcune esperienze televisive, per le quali ha ricevuto il riconoscimento di Giulio Rapetti (Mogol). Nel 2011 ha partecipato al Concerto per la pace, tenutos (continua)

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...
Se dicessimo a qualcuno che oggi la musica è scomparsa gli daremmo buone ragioni di pensare che siamo impazziti. Ma si regga il peso del paradosso: la musica è scomparsa dopo essersi fatta totale. Tra coloro che se ne resero conto ci fu Thomas Bernhard. Nel 1985, nell’opera “Antichi Maestri”, l’autore austriaco scriveva che l’ascolto della musica non è più un fatto eccezionale giacché la si trova (continua)

ENRICO NADAI-SONO L'UNICO ARTISTA INDIE RIMASTO

ENRICO NADAI-SONO L'UNICO ARTISTA INDIE RIMASTO
ono anni che mi domando cosa sia la musica indie. Me lo chiedevo già alle scuole superiori quando, ascoltando alcuni artisti di punta del panorama suddetto, mi chiedevo cosa potesse caratterizzarne la diversità. Era bello ascoltare musica apparentemente destinata a pochi. Non ero abilissimo a coglierne i messaggi politici (quando ce n’erano), ma era palese che quelle partiture suonassero dalla par (continua)