Home > Musica > ENRICO NADAI- SONO L'UNICO ARTISTA "INDIE" RIMASTO.

ENRICO NADAI- SONO L'UNICO ARTISTA "INDIE" RIMASTO.

articolo pubblicato da: gianni | segnala un abuso

ENRICO NADAI- SONO L'UNICO ARTISTA
Sono anni che mi domando cosa sia la musica indie. Me lo chiedevo già alle scuole superiori quando, ascoltando alcuni artisti di punta del panorama suddetto, mi chiedevo cosa potesse caratterizzarne la diversità. Era bello ascoltare musica apparentemente destinata a pochi. Non ero abilissimo a coglierne i messaggi politici (quando ce n’erano), ma era palese che quelle partiture suonassero dalla parte giusta, dove mi avevano fatto capire virava tutto il mondo delle arti: a sinistra. Rolling Stone e Vice erano le riviste che stabilivano dove si sarebbero orientati i miei ascolti mensili. L’approdo al Liceo fu segnato dall’interesse per la musica che ascoltavano tutti – quella che condividevo nel pulmino di calcio con i compagni di squadra inviandola via Bluetooth – all’interesse per il mondo cosiddetto indie, che aveva una singolare attrattiva e che figurava come una valida alternativa all’offerta che andava per la maggiore tra i miei amici. In quella musica alternativa tutto suonava più grezzo, l’intonazione dei cantanti non costituiva una priorità, ci si concentrava sul contenuto dei testi e i dischi venivano spesso prodotti in casa. Il cantautore schivo e lontano dalla televisione era per me l’ultimo rimasuglio del prototipo dell’artista maledetto. Colti e appartati: così mi davano l’impressione di essere questi rappresentanti di un tempo antico. Dediti soltanto alla loro arte. A distanza di anni mi rendo conto che erano tutte fantasie di un neofita, a cominciare dall’illusione che una musica indie esista. Che cos’è, infatti, l’indie? Un tipo di musica che non riceve rotazioni radiofoniche? O che non ha spazio nei grandi network? Ad oggi tantissimi artisti sedicenti indie vengono regolarmente passati in radio e i loro tour pubblicizzati. E allora? È una musica prodotta da case discografiche che fatturano meno di Sony, Universal e Warner? Sappiamo che ci sono artisti sulla cresta dell’onda che, estranei a esperienze televisive o a legami con le major, vendono più di altri che provengono dai talent show. Non sarebbe comunque un parametro efficace. Non manca poi, tra coloro che sono considerati indipendenti, chi ha contratti con le case discografiche succitate. E chi l’ha detto che una casa discografica “minore” favorisca la totale indipendenza di un artista? Ho sentito di canzoni inviate a “case indipendenti” che sono state rifiutate perché i loro addetti stavano cercando “l’indie del futuro”. E qui il meccanismo s’inceppa e si comprende che l’indie – il quale non corrisponde nemmeno ad una precisa regola stilistica – non è altro che un’etichetta utile a far guadagnare (giustamente) denaro ricavato da un’utenza di persone convinte di ascoltare qualcosa di totalmente alternativo e svincolato dalle logiche di mercato. E allora, distrutto il mito della musica indie, sono pronto a ricostruirlo ritagliandolo su me stesso: sono l’unico artista indie rimasto, sempre che prima di me ce ne fossero. Non ho né contratti discografici, né obblighi di vendita. Del successo non m’importa: mantenerlo è peggio che riceverlo. Con la musica che vendo negli store ci guadagno tanto da potermi al massimo acquistare un paio di scarpe usate. Del profitto me ne frego. Scrivo canzoni per passione. Me le pubblicizzo come posso, con sacrificio, senza pretese. Seguo interamente la realizzazione delle copertine dei singoli e degli album rivolgendomi a ragazzi giovani e volonterosi. Se poi qualche radio – anche contasse dieci ascoltatori – è disposta a suonare i miei pezzi, ne sono contento e onorato.

musica | arte | filosofia | cultura | concerto | canzone | festival | evento | venezia |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

CORBANESE DI TARZO- CENA DI GALA E CONCERTO CON ENRICO NADAI E LA PICCOLA ORCHESTRA VENETA

CORBANESE DI TARZO- CENA DI GALA  E CONCERTO CON ENRICO NADAI E LA PICCOLA ORCHESTRA VENETA
Enrico Nadai ospite della rassegna “Golosi e Curiosi – il sapore del cibo, il gusto del vino” – Corbanese di Tarzo (TV) Mercoledì 29 maggio 2019, ore 20.00, presso la sede Pro Loco di Corbanese, a Corbanese di Tarzo (TV), ospite della nona edizione di “Golosi e Curiosi- il sapore del cibo, il gusto del vino” sarà il cantante Enrico Nadai, con il suo nuovo singolo “Portami Lontano”. Nel cast a (continua)

ENRICO NADAI- IL PIAVE MORMORAVA E NON SOLO: MUSICA DURANTE LA GRANDE GUERRA

ENRICO NADAI- IL PIAVE MORMORAVA E NON SOLO: MUSICA DURANTE LA GRANDE GUERRA
“Il Piave Mormorava” e non solo: musica durante la Grande Guerra Il blog viverelamusica, fin dalla sua nascita, sostenendo e promuovendo eventi locali, si è contraddistinto per un rapporto intimo con il territorio Veneto e la sua storia. Come Rive Vive, manifestazione promossa dall’associazione Vivi Le Rive, che esalta le belle colline di Farra di Soligo e la relativa produzione vinicol (continua)

ENRICO NADAI- EUTANASIA:DOVE LA VITA PERDE IL SUO SENSO.

ENRICO NADAI- EUTANASIA:DOVE LA VITA PERDE IL SUO SENSO.
Ci sono condizioni esistenziali dolorose che portano a considerare la morte migliore della vita. Se si smarrisce l’aspettativa di ottenere serenità nella propria esistenza, se ne va facilmente l’entusiasmo di viverla, si è abbandonati dalla forza di sperare e si viene raggiunti dall’assenza di timore di fronte alla morte. Una volta che le armi della luce sono state riposte, non resta che lasciarsi (continua)

ENRICO NADAI- NOTRE-DAME BRUCIA.

ENRICO NADAI- NOTRE-DAME BRUCIA.
Stavo scrivendo un articolo su Simone Weil quando ho saputo dell’incendio avvenuto alla cattedrale di Notre-Dame a Parigi. Riguardo al tragico avvenimento ho una premessa dolorosa da fare: le opere umane possono sopravvivere a chi le ha create, possono sopravvivere a generazioni di uomini, possono farsi scudo di fronte all’erosione del tempo, divenire dei simboli identitari e culturali, ma non pos (continua)

SOLIGHETTO (TV)-NON DIMENTICHIAMO- CON ENRICO NADAI, LOREDANA ZANCHETTA, CLAUDIO DONI, TIZIANO VETTORETTI, GIOVANNI TONON, ELENA LUCCA, SOFIA FACCHIN, ELISA NADAI, NICOLA BOATIN, LEONARDO MARIOTTO, ELIA D'ERRICO

SOLIGHETTO (TV)-NON DIMENTICHIAMO- CON ENRICO NADAI, LOREDANA ZANCHETTA, CLAUDIO DONI, TIZIANO VETTORETTI, GIOVANNI TONON, ELENA LUCCA, SOFIA FACCHIN, ELISA NADAI, NICOLA BOATIN, LEONARDO MARIOTTO, ELIA D'ERRICO
In previsione della ricorrenza internazionale del “Giorno della Memoria”, che commemora, il 27 gennaio di ogni anno, le vittime dell’Olocausto; l’Associazione Musicale “Toti Dal Monte” e l’Associazione Musicale “A. Coletti” propongono il doppio concerto “Non dimentichiamo. Testimonianze e musiche di autori Ebrei”, nelle giornate di sabato 26 e domenica 27 gennaio 2019, rispettivamente a San Vendem (continua)