Home > Cultura > La vera essenza del Presepe tra storia e presente

La vera essenza del Presepe tra storia e presente

articolo pubblicato da: Antonio Citera | segnala un abuso

La vera essenza del Presepe tra storia e presente

Una tradizione ancora molto viva, il presepe ha segnato e segna la vera identità Cristiana. Da quello vivente, con le persone che recitano le parti della Sacra Famiglia e degli altri personaggi a quello quello con le statue in miniatura. Lo trovi nelle scuole, nelle chiese, in quasi ogni casa. Come spesso accade però in occasione del Natale, in maniera irrazionale proprio sul “tema presepe” vanno in scena teatrini meschini che distolgono l’attenzione. Assistiamo a schermaglie politiche e culturali di parte che, mettono in ombra il prezioso lavoro educativo ( tramandato negli anni) che in molte scuole e comunità avviene da sempre, grazie alla preparazione e alla motivazione di insegnanti e genitori pienamente consapevoli del delicato compito educativo. Par quasi  che nel nostro ambiente, moderno, prevalga la profezia di taluni che «per non offendere qualcuno, si deve limitare la libertà di tutti di vivere i propri valori in nome della laicità». Un luogo comune ormai che genera inerzia e pigrizia e rinnega il passato come base di una educazione tramandataci da generazioni. Rispettare le altre culture, religioni e compagnia cantando, non significa certo privarci dei nostri valori ma, diffondere gli stessi nella maniera più sana e pura del termine.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

-Brusciano: Fiaccolata per l’Immacolata Concezione. (Scritto da Antonio Castaldo)


Presepe vivente di Cava Ispica 2015-2016, la magia del Natale nel Parco Archeologico


Il presepe di natale in una stampa su tela.


Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: vi presentiamo “Spinoza e la storia”


Presepe sommersio 2013 a Porto Ceresio (VA)


OTTAVIANO TRA PIAZZA SAN GIOVANNI E VIA DEL CARMINE Presepe vivente in centro Chiude la manifestazione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

I giochi di 'Ieri'... quelli che facevano crescere

I giochi di 'Ieri'... quelli che facevano crescere
Giochi semplici, innocenti, innocui, erano quelli che 'una volta' facevano diventare grandi. Non computer, non contaminazioni, ma sano divertimento che aiutava a crescere e a confrontarsi con una realtà diversa da quella attuale. Un semplice rametto poteva diventare una fionda con la quale lanciare palline di carta o sassolini, con un foglio si costruivano una barchette da inseguire me (continua)

Nasce a Salerno la prima Scuola di Europrogettazione

Nasce a Salerno la prima Scuola di Europrogettazione
Orientarsi nel quadro dei finanziamenti europei e cogliere occasioni di sviluppo per la realizzazione di progetti innovativi non sarà più un problema per imprese ed enti locali. Sarà presentata sabato 7 dicembre, alle ore 10.00, presso la sede di “Scuola Nuova Formazione Lavoro”, in Corso Vittorio Emanuele 58, a Salerno, la prima Scuola di Europrogettazione. Nell (continua)

Sanza: tanti cinghiali, troppi!

Sanza: tanti cinghiali, troppi!
  Li vedi ovunque, mamme e cuccioli al seguito. Paura e stupore tra i residenti, specialmente quelli che abitano in periferia che, spesso se li ritrovano sull'uscio. Niente cambia se niente si cambia. L’emergenza cinghiali nel  territorio si fa sempre più acuta. Un problema annoso che viste le conseguenze “ disastrose “ urge di una immediata soluzione. A pag (continua)

San Martino, la Torre di Sanza

  Tra vicoli e storia,la Torre di San Martino a Sanza (SA) sovrasta nella sua maestosità. Una storia tutta da raccontare, da tramandare di generazione in generazione, una storia fatta di bellezza, creatività ma soprattutto di vita, di opere, le stesse che i nostri antenati ci hanno lasciato. La Torre Campanaria riflette tutto ciò, con grazia e con grinta. Di origini me (continua)

Contadini 2.0, i giovani del sud scelgono la terra

Contadini 2.0, i giovani del sud scelgono la terra
  Un ritorno al passato come antidoto alla mancanza di lavoro La crisi dell’occupazione giovanile in Italia (soprattutto nel Sud) è molto forte e questa tendenza spinge sempre più, soprattutto i figli di agricoltori, di fronte alla difficoltà di trovare un impiego, a dedicarsi all’azienda di famiglia. Pastorizia, agriturismo o, semplicemente contadini, i no (continua)