Home > Cultura > I giochi di 'Ieri'... quelli che facevano crescere

I giochi di 'Ieri'... quelli che facevano crescere

articolo pubblicato da: Antonio Citera | segnala un abuso

I giochi di 'Ieri'... quelli che facevano crescere
Giochi semplici, innocenti, innocui, erano quelli che 'una volta' facevano diventare grandi. Non computer, non contaminazioni, ma sano divertimento che aiutava a crescere e a confrontarsi con una realtà diversa da quella attuale. Un semplice rametto poteva diventare una fionda con la quale lanciare palline di carta o sassolini, con un foglio si costruivano una barchette da inseguire mentre galleggiavano lungo i bordi dei marciapiedi bagnati dalla pioggia. Un tempo, neanche tanto lontano dalla nostra era di i pad e giochi elettronici, i bambini si divertivano con poco, con quello che avevano a disposizione. Correvano all’aria aperta, giocavano a calcio o a nascondino per strada, si arrampicavano sugli alberi e talvolta si facevano anche male. Oggi li vedi poco attenti, imprigionati nelle 'rete' del virtuale, oscurati da un mondo immaginato che certamente non aiuta a crescere. L'avvento di internet, dei suoi pericoli nascosti, l'assuefazione allo schermo, hanno cambiato radicalmente l'essere fanciullo, creando una sorta di dipendenza a qualcosa che non esiste, una in/coscienza che in molti casi può rivelarsi lesiva per le sorti di menti fragili spesso bullizzate e in serio pericolo.


Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La vera essenza del Presepe tra storia e presente

La vera essenza del Presepe tra storia e presente
Una tradizione ancora molto viva, il presepe ha segnato e segna la vera identità Cristiana. Da quello vivente, con le persone che recitano le parti della Sacra Famiglia e degli altri personaggi a quello quello con le statue in miniatura. Lo trovi nelle scuole, nelle chiese, in quasi ogni casa. Come spesso accade però in occasione del Natale, in maniera irrazionale proprio sul &ldqu (continua)

Nasce a Salerno la prima Scuola di Europrogettazione

Nasce a Salerno la prima Scuola di Europrogettazione
Orientarsi nel quadro dei finanziamenti europei e cogliere occasioni di sviluppo per la realizzazione di progetti innovativi non sarà più un problema per imprese ed enti locali. Sarà presentata sabato 7 dicembre, alle ore 10.00, presso la sede di “Scuola Nuova Formazione Lavoro”, in Corso Vittorio Emanuele 58, a Salerno, la prima Scuola di Europrogettazione. Nell (continua)

Sanza: tanti cinghiali, troppi!

Sanza: tanti cinghiali, troppi!
  Li vedi ovunque, mamme e cuccioli al seguito. Paura e stupore tra i residenti, specialmente quelli che abitano in periferia che, spesso se li ritrovano sull'uscio. Niente cambia se niente si cambia. L’emergenza cinghiali nel  territorio si fa sempre più acuta. Un problema annoso che viste le conseguenze “ disastrose “ urge di una immediata soluzione. A pag (continua)

San Martino, la Torre di Sanza

  Tra vicoli e storia,la Torre di San Martino a Sanza (SA) sovrasta nella sua maestosità. Una storia tutta da raccontare, da tramandare di generazione in generazione, una storia fatta di bellezza, creatività ma soprattutto di vita, di opere, le stesse che i nostri antenati ci hanno lasciato. La Torre Campanaria riflette tutto ciò, con grazia e con grinta. Di origini me (continua)

Contadini 2.0, i giovani del sud scelgono la terra

Contadini 2.0, i giovani del sud scelgono la terra
  Un ritorno al passato come antidoto alla mancanza di lavoro La crisi dell’occupazione giovanile in Italia (soprattutto nel Sud) è molto forte e questa tendenza spinge sempre più, soprattutto i figli di agricoltori, di fronte alla difficoltà di trovare un impiego, a dedicarsi all’azienda di famiglia. Pastorizia, agriturismo o, semplicemente contadini, i no (continua)