Home > Ambiente e salute > La durata della mascherina

La durata della mascherina

scritto da: MarcaturaCEnet | segnala un abuso

La durata della mascherina

La durata della mascherina Gli esperti concordano su un fatto: la durata della mascherina è di 4 ore oltre alle quali bisogna sostituirla. Ma dopo che è stata indossata la mascherina, come si fa a verificare il rispetto della scadenza di 4 ore?


Gli esperti concordano su un fatto: la durata della mascherina è di 4 ore oltre alle quali bisogna sostituirla.

Ma dopo che è stata indossata la mascherina, come si fa a verificare  il rispetto della scadenza di 4 ore?

Cosa abbiamo scoperto con il Covid?

Un tempo eravamo il popolo degli eroi, dei santi e dei navigatori, ma era tanto tempo fa.

Poi nel corso degli anni, sono emerse altre peculiarità dell’italico popolo, che tutti noi sappiamo e per le quali all’estero ci conoscono.

Ogni tanto siamo citati  nei giornali stranieri per degli stereotipi che ben conosciamo, che sappiamo essere veri, ma di cui non riconosciamo agli altri la possibilità di evidenziarli.

Con il Covid qualcosa è cambiato.

Da un lato abbiamo scoperto e nessuno lo può negare, che i conti ci danno ragione ed i risultati della nostra battaglia sono i migliori del continente (vedere i dati di Francia, Spagna ed altri, che ci superano sempre in tutte le classifiche).

Dall’altro lato abbiamo scoperto che oltre agli eroi, ai santi ed ai navigatori abbiamo un’altra specie presente in gran quantità: “gli esperti”.

Chi sono e cosa dicono”gli esperti”?

Penserete agli esperti di calcio che certamente non ci mancano, ma una nuova schiera si è profilata agli orizzonti televisivi, inondandoci di esternazioni, numerose ed inutili.

Indimenticabile “un’esperta” che affermava (non unica voce) che il Covid era poco più di un’influenza. Chissà se si sta ancora vergognando, se è passata nella schiera dei negazionisti, oppure molto italicamente ha cambiato bandiera, non opinione ovviamente, quella rimane radicata, ma meglio schierarsi con la maggioranza.

Comunque che gli esperti facciano eseguire controlli immunitari per una dichiarata prostatite o che passino con nonchalance da un’ indisposizione a polmonite bilaterale, tutti concordano sulla durata della mascherina:

deve essere sostituita dopo 4 ore, altrimenti si trasforma in un ricettacolo di virus e schifezze varie e diventa pericolosa per chi la indossa e per gli altri.

La mascherina dopo 4 ore quindi inverte la sua funzione e da protettivo diventa strumento di diffusione di malattie.

Non abbiamo titolo per contestare o confermare queste affermazioni, sulle quali siamo d’accordo, ma il nostro consenso è ininfluente, quindi prendiamo atto, dato che il nostro pensiero certamente non interessa agli “esperti”.

Esperti di banchi o di calendario?

Pensavamo perfino che fosse poco serio porre come condizione di una gara d’appalto l’obbligo di consegna di 2 milioni di banchi entro il 14 settembre.

Lo pensavano anche i produttori che lo hanno espresso chiaramente.

Quelli “corretti” non hanno partecipato alla gara, essendo impossibile garantire tale “esperta” imposizione mentre gli altri, dentro nelle italiche procedure, hanno partecipato ed oggi si parla semplicemente e con nessuna vergogna di consegna entro il 31 ottobre.

Anche questa gestione delle gare d’appalto è utile per far fuori la concorrenza leale.

Rimandiamo la verifica a quella data, ma il 31 ottobre NON è il 14 Settembre, chissà se gli “esperti” di turno ne hanno coscienza. Magari sono “esperti” di banchi e non di calendario, la specializzazione è la base di qualsiasi esperto.

Controlli uguali per tutti

Torniamo alla durata della mascherina, prima però riporto un episodio di cui sono stato testimone.

In una piazza all’aperto dove alcune persone a distanze reciproche ragguardevoli transitavano senza mascherina, sono intervenute le autorità di controllo, per richiamare all’obbligo di indossare la mascherina.

Obbligo imposto da alcuni cartelli posizionati in prossimità di locali della movida che anche i passanti dovevano rispettare, pur non partecipando a queste giovanili manifestazioni di giubilo.

Contemporaneamente, alle spalle dei tutori della legge alle prese coi passanti che avevano davanti agli occhi, un centinaio di giovani erano concentrati di fronte ad uno di questi locali, che stava però dietro ai suddetti tutori, che quindi non li potevano vedere, dato che loro guardano sempre avanti.

Dimostrare la durata della mascherina

Veniamo quindi alla durata della mascherina.

Come si fa a stabilire quando è stata indossata una mascherina, obbligatoria per legge e quindi far rispettare l’altrettanto obbligatorio rispetto della scadenza dopo 4 ore?

Nessun “esperto” si è mai pronunciato, perché non pratici di obliterazioni, argomento per il quale dovrebbero essere interpellati gli “esperti dei biglietti degli autobus” (non ancora nel mirino degli ancor man televisivi), non hanno neppure preso in considerazione tale problema.

È noto che se si dice ad un italiano: “la mascherina può essere utilizzata SOLO per 4 ore”, il suo massimo impegno sarà di segnarsi il momento in cui la indossa e poi far scattare un timer. Mai penserà di utilizzarla per un giorno intero o addirittura per più giorni.

Obliterare le mascherine

Indossare la mascherina spesso è obbligatorio quindi perchè nessun “esperto” ha pensato alla necessità di obliterarla, esattamente come il biglietto del bus?

Forse perché “obliterare” è un termine noto ma non così popolare e non ha il fascino delle “rime buccali” (come non ricordare il professor Locatelli?), con cui invece si conquistano le cronache.

Non ha senso stabilire un obbligo, definire una durata e non “pensare” alla modalità di verifica.

Sappiamo che il termine “pensare”, mal si addice agli esperti, che “esternano”, “pontificano”, “elucubrano”, ma raramente necessitano di pensare, attività troppo banale.

La mascherina si può obliterare in modo semplicissimo e l’idea non è mia:

è sufficiente inserire data ed ora a mano, magari in un apposito spazio prestampato sulle mascherine.

Riporto di seguito l’immagine di un esempio, ma ci possono essere altre soluzioni grafiche, sulle quali gli “esperti” potranno lanciarsi per stabilire quale font o quale colore sia più adatto a combattere il virus.

La mascherina da obliterare:

mascherina obliterata

L’idea per verificare la durata della mascherina è stata lanciata, semplice e di buon senso, per tale ragione siamo certi non incontrerà alcun successo, soprattutto presso gli “esperti”.

Siti Internet :

www.marcaturace.net

www.dichiarazionediconformita.eu

project-support.it

sicurezzadeiprodotti.it


Fonte notizia: http://www.marcaturace.net/i-dispositivi-medici/la-durata-della-mascherina?


mascherineprotettive | dispositivomedico | masks | mascherine | sicurezzasullavoro | pandemia | facemask | quarantena | protezioneviso | mascherinachirurgica | proteggiamoci | igenizzante | emergenzasanitaria | mascherinamonouso |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Affrontare l’epidemia Centro risorse per la prevenzione


Mascherina Protettiva, Un Elemento Unico Per La Protezione


Weekend 30 maggio - 2 giugno 2020: riaprono rocche, fortezze e giardini del circuito Castelli del Ducato


Qualche suggerimento su cosa fare Quando Esci e Ritorni a Casa


Prevenzione: INDOSSARE LA MASCHERINA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Le imbarcazioni da diporto

Le imbarcazioni da diporto
Un’imbarcazione deve essere sicura, quindi deve essere costruita bene e rispettare gli standard di sicurezza, ovviamente l’utente deve fidarsi del costruttore, ma un modo per documentare l’impegno verso la sicurezza è la presenza della marcatura CE La nostra società esegue la marcatura CE delle imbarcazioni da diporto e fornisce la consulenza per farvi diventare autonomi.Un’imbarcazione deve essere sicura, quindi deve essere costruita bene e rispettare gli standard di sicurezza, ovviamente l’utente deve fidarsi del costruttore, ma un modo per documentare l’impegno verso la sicurezza  (continua)

Marcatura CE di occhiali e lenti

Marcatura CE di occhiali e lenti
Nessun prodotto immesso sul mercato deve essere pericoloso, qualsiasi sia la sua natura! Con riferimento agli occhiali e alle lenti con scopo estetico e/o protettivo, risulta evidente per una questione di buon senso, che dal punto di vista meccanico, ad esempio, il fabbricante dovrà considerare che andranno ad interagire o ad entrare in diretto contatto con gli occhi. Ecco perché dovranno presentare le stesse caratteristiche di sicurezza di quei prodotti analoghi che invece sono dispositivi medici. Marcatura CE di occhiali e lentiLa marcatura CE e quindi la conformità di occhiali e lenti è sempre obbligatoria.Chiarimenti sul Nuovo Regolamento 2017/745/UENel 2020 entrerà in vigore definitivamente il Regolamento (UE) 2017/745 (link) sui dispositivi medici e forse non finiranno le discussioni interpretative a fronte di un testo chiaro e senza necessità di “interpreti nostran (continua)

Apparecchiature per estetica e dispositivi medici

Apparecchiature per estetica e dispositivi medici
Vuoi informazioni su come essere in regola con la marcatura CE delle apparecchiature per estetica e dei dispositivi medici? Sei un produttore od un importatore di apparecchiature per estetica e/o di dispositivi medici? Hai bisogno di maggiori informazioni o di chiarimenti? Apparecchiature per estetica e dispositivi medicida admin | Giu 1, 2020 | Dispositivi Medici, Prodotti per estetica | 0 commentiTorniamo sull’argomento delle apparecchiature per estetica e dell’impatto su di esse del Nuovo Regolamento sui dispositivi medici per mostrare fino a dove arrivano i “furbetti dei certificati”.Riportiamo alcuni stralci di un comunic (continua)

2001/95/CE Una Direttiva dimenticata

2001/95/CE Una Direttiva dimenticata
Questa direttiva recepita in Italia con il D.Lgs. 172 del 21 Maggio 2004, rappresenta uno dei documenti più importanti per TUTTI i consumatori. L’argomento di cui si occupa è infatti la SICUREZZA DEI PRODOTTI, ma di TUTTI, PROPRIO TUTTI, I PRODOTTI immessi in commercio (la definizione corretta è immissione in libera pratica). 2001/95/CE Una Direttiva dimenticata2001/95/CEQuesta direttiva recepita in Italia con il D.Lgs. 172 del 21 Maggio 2004, rappresenta uno dei documenti più importanti per TUTTI i consumatori.L’argomento di cui si occupa è infatti la SICUREZZA DEI PRODOTTI, ma di TUTTI, PROPRIO TUTTI, I PRODOTTI immessi in commercio (la definizione corretta è immissione in libera pr (continua)

NORMA, DIRETTIVA, LEGGE, REGOLAMENTO.

NORMA, DIRETTIVA, LEGGE, REGOLAMENTO.
 La terminologia che si utilizza quotidianamente è spesso influenzata dalle abitudini, a volte fuorvianti. Ad esempio molti attribuiscono al termine “assolutamente” un significato negativo, come se dire assolutamente ed assolutamente no, fosse la stessa cosa. In realtà il termine è solo un rafforzativo di ciò che viene prima o dopo nel discorso. In am (continua)